Vai al contenuto

La Passeggiata


Etienne Navarre
 Share

Recommended Posts

Inserisco questa discussione sulla passeggiata, una delle discipline più difficili che conosca, anche se non riconosciuta dai più...

sia cavallo che uomo non hanno più un recinto e si trovano a contrastarsi con i più simpatici e difficili passaggi che si possano trovare in campo libero... rami, sentieri malandati, rovi, casini vari...

oggi non posso dilungarmi oltre ma vi prego di scrivere le vostre opinioni... gestire il cavallo all'aperto e in mezzo ad altri che non conosce come in un trekking sappiamo bene che non è la stessa cosa che gestirlo al chiuso di un recinto, cosa difficile già di per se...

diciamo che le cose si compensano...

allora passeggiamo?

Link al commento
Condividi su altri siti

  • Risposte 50
  • Created
  • Ultima Risposta

Top Posters In This Topic

Top Posters In This Topic

bhe io di passeggiate ne ho fatte veramente poche, anche perche i miei cavalli non sono adatti.

Effettivamente è difficile gestire un cavallo "nostro" in passeggiata perche non è abituato. Le sue abitudini sono il box, il paddok, il maneggio....

Alle bahamas o in honduras, quando sono andata a cavallo la per esempio, è tutto diverso. I cavalli sono abituati a stare liberi, insieme, non hanno paura di acqua, montagna, animali selvatici ecc.. ed è stato bellissimo fare delle escursioni con quei cavalli :lol:

Link al commento
Condividi su altri siti

La passeggiata... WOW!! Bellissimo argomento Etienne!! ;) Purtroppo pero', un po' sottovalutato.. :(

Secondo me è uno dei pochi momenti in cui il cavallo può relativamente considerarsi "libero". Dovrebbe essere un momento di tranquillità, di spensieratezza, di divertimento. Un momento in cui il cavaliere e il cavallo si riposano assieme, si godono i paesaggi, trovano il vero feeling.

Sinceramente mi fanno pena i cavalli che passano da box a maneggio a paddock, senza mai mettere il muso fuori dalla scuderia. Il paddock (intendo il piccolo recinto, non il grande pascolo)? Ok, ma senza una qualche passeggiata è come far passare un'ora d'aria a un carcerato, che si divide tra cella (box) e lavoro (maneggio). E lo svago??

Personalmente credo che TUTTI i cavalli abbiano il diritto di uscire in passeggiata. Ovviamente con un cavaliere competente, in grado di trasformare la passeggiata in un momento gaio, e non in un tormento...

Link al commento
Condividi su altri siti

Io ho fatto vita da maneggio per molti anni... vedevo, da perfetto allievo solo la strada che portava dalla scuderia al recinto e viceversa... tranne d'estate, quando con il lavoro e il sudore, l'istruttore ci faceva fare a fine ora un giro ntorno al maneggio nella tenuta per fare asciugare i cavalli...

Ora quando devo muovere Impeto non faccio altro che uscire in passeggiata, anche se quasi mai sto su strade... cerco sempre passaggini più complicati dove mettere alla prova il feeling e rafforzarlo con il mio amico quadrupede...

salite, discese ripide in mezzo agli alberi, sentierini tutte curve sterrati dove il galoppino è il paradiso per ogni cavaliere, guadi nei fiumi fino a sentire l'acqua a lambire le cosce di te che in sella ti senti in pace con il mondo... questa è la passeggiata

Alcuni dei più grandi ostacolisto del passato e del presente hanno più volte detto l'importanza della passeggiata come tecnica di rilassamento e di feeling tra cavallo e cavaliere... come una sorta di prova che ci insegna a gestire il cavallo in ogni situazione...

è vero...

Passeggiare sapendo che non cìè un recinto a contenerci, magari non sapendo nemmeno la strada ma provando e ritentando i vari "sentierini", dona al cavallo una rapida uscita dal mondo della routine e delle abitudini e vizi a cui è abituato... (chi di noi non ha il cavallo che passando davanti al cancello del recinto prova anche solo una volta a impuntarsi e a voler uscire... §#§ )

Io faccio da circa 4 anni passeggiate in aperta campagna e ho notato che come si dice... la necessità aguzza l'ingegno... impari piano piano a gestire il cavallo e a muoverti su ogni terreno e in qualsiasi altra situazione... insomma impari a fare tutto quello che vuoi tu con il cavallo... impari ad avere sempre la testa sulle spalle e a rilassarti in contemporanea e insieme al tuo cavallo...

questa è la passeggiata

Link al commento
Condividi su altri siti

Parole sante Etienne! ;)

Un cavallo equilibrato e alla mano è quanto di meglio che un cavaliere possa avere. E questo si può raggiungere anche attraverso le passeggiate!

Naturalmente si può uscire dopo un bel lavoro in maneggio, dove sia il cavallo che il cavaliere possono apprendere i comandi di base, il giuto assetto e i giusti impulsi. Insomma, dopo aver fatto un buon lavoro di base in maneggio.

Ma chi crede che la passeggiata sia qualcosa di semplice, si sbaglia di grosso. Anche la passeggiata presuppone un certo lavoro: sia quella "semplice", che può essere ad esempio solo un'uscita di mezzora nella stradina sterrata attorno al maneggio, che quella più complicata, citata da Etienne.

Un'uscita con un cavallo non preparato, e un cavaliere non ancora "formato" può facimente tramutarsi in un incubo, per entrambi.

Si deve tenere conto che la passeggiata presuppone che il cavallo si allontani dal proprio territorio (il maneggio) e dal proprio branco (gli altri cavalli, rimasti al maneggio). Un soggetto non abituato a questo staccamento può manifestare apertamente il suo disaccordo (impennate, stoppate, dietrofront improvvisi e via di seguito), e il cavaliere impreparato può facilmente avere la peggio (ho visto già diversi cavalli tornare in scuderia senza il cavaliere...!!).

Bisogna poi fare i conti con le cose nuove che un cavallo incontra sulla strada. Incrociare un trattore su una strada sterrata può atterrire un cavallo non abituato. Ma per spaventarlo, può bastare un semplice sacchetto di plastica abbandonato sul ciglio della strada!

In più alcuni hanno paura dell'acqua e dei tombini, altri quando vedono altri cavalli vogliono raggiungerli, altri ancora partono al galoppo appena si accorgono di essere sulla strada del ritorno.

Questi sono solo alcuni esempi delle difficoltà che si possono incontrare. Ma ripeto, con un buon addestramento di base, impostato sulla fiducia reciproca, un binomio può superare ogni difficoltà con facilità.

Link al commento
Condividi su altri siti

Io adoro le passeggiate!!! :wub::wub: Per me sono la cosa più bella che si possa fare a cavallo!! A me aiuta ad instaurare un feeling mi emoziona e mi diverte!!! Quando io vado a fare le passeggiate a cavallo mi sembra di essere in un sogno!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!! :rolleyes::rolleyes::wub:

Link al commento
Condividi su altri siti

vero!! La mia unica esperienza che ho con i cavalli sono le passeggiate... usavo quelli di mio cugino ma solamente per fare i viaggi anche di diversi giorni... è meraviglioso partire alle 5 di mattina, quando ancora fa buio, ritrovarsi con gli amici per cominciare l'ennesima avventura, vedere l'alba con il proprio cavallo, parlando piano per non fare troppo casino, gli unici rumori che si sentono sono i bisbiglii e gli zoccoli, vedere la natura che si sveglia, guadare i fiumi, saltare tronchi, scoprire tutti i rimori che ci sono dalla orecchie del proprio amico e tendere l'orecco nella stessa direzione del suo per cercare di capire che cosa ha sentito.... vedere volpi con i propri cuccioli, cinghiali e caprioli che scappano al tuo arrivo, scoiattolini che ti tagliano la strada.. a pranzo dividersi un pezzo di pane e mangiare insieme, di notte dormire vicini in tenda... quando fa caldo trovare un laghetto o un bel fiume per tuffarvicisi dentro... giocare insieme nell'acqua, farsi trascinare dal cavallo nell'acqua...

bellissimo!!! :wub:

su questi discorsi divento molto logorroica... :rolleyes:

Link al commento
Condividi su altri siti

ed eccomi finalmente a casa dopo 5 lunghissimi giorni di ospedale per una passeggiata finita non proprio egregiamente!!!!

mi sono beccata 7 punti sulla nuca, una frattura sulla destra e un'ematoma in fronte, più conciata di così!!!!!!

........

Link al commento
Condividi su altri siti

Oh povera tata, e adesso come stai?? :(

Io ho fatto due sole passeggiate, la prima nn è andata meravigliosamente, perchè nella zona del mio ex maneggio praticano la caccia e mentre passeggiavamo un cacciatore ha sparato e il mio cavallo si è spaventato, nella seconda passeggiata invece mi sn abbastanza divertita! Adesso nn ne faccio più perchè la mia nuova istruttrice ha detto che ho la postura da "passeggiata" e finchè nn l'avrò corretta niente passeggiate!! ;)

Link al commento
Condividi su altri siti

grazie ragazze....

beh ora sto un pò meglio ma niente cavallo per 3 mesi....(minimo....)

eh no....toglietemi tutto ma non il cavallo!!

però è stata una gran bella lezione, ....

comunque non si è spaventato il cavallo mi è rimasta in mano la redine destra ed ero lanciala al galoppo, e di conseguenza sono volata a sinistra....mi sono presa uno spavento assurdo...ragazzi mi raccomando prendete sempre tutte le precauzioni( cap e tartaruga...) e conttrollate il materiale,,,, io non mi scordrò mai più nulla....

Link al commento
Condividi su altri siti

la "postura da passeggiata"? ??asd??

anche il mio maesto mi dice che ho la postura da passeggiata, in effetti avendo fatto un estate tutta in passeggiata all'assetto e cose varie non ci pensi più di tanto, era andata a fainire che avevo inventato il mio stile di monta che non è per nulla semplice da cancellare.... :D

Link al commento
Condividi su altri siti

forse la "postura da passeggiata" nel senso che si è piu rilassati, meno attenti alla posizione della gamba, del tallone, delle mani ecc...

...e si finisce per terra...

hehehehehhee

Rilassarsi va bene, ma ricordiamoci sempre i rischi e le attenzioni di quando siamo a cavallo...

Link al commento
Condividi su altri siti

:wub: HAAAAAAAAA le passeggiate come sono belle!!!!!!!..........però c'è sempre un pò di rischio...forse perchè ci sono ,molti ostacoli e il cavallo può spaventarsi facilmente magari con bisce e altre cose che possono spaventare il cavallo e farci così cadere "£$!" ..però :( ...c'è sempre un però, perchè le passeggite hanno anche il loro lato positivo.Per esempio :rolleyes: ,mmmmm........prendi confidenza con il cavallo nei momenti difficili,come ad esempio di spaurazzio,....riesci a prenderlo meglio e così ti adatti!!!!! :P:D ma poi sono BELLE le passeggiate!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!! :lol: ti diverti!
Link al commento
Condividi su altri siti

Io vivo di passeggiate,non ne potrei fare a meno. :D

Monto da 5 anni,e a parte un breve periodo in maneggio(dove però si facevano passeggiatine),ora faccio solo escursioni sulla mia bella montagna.Mi piace tantissimo,e per terra ci sono finita solo una volta,ma per terreno bagnato.

Penso che sia la cosa più bella per chi ama il cavallo e altro che postura da passeggiata:io ho perfezionato tanti insegnamenti,sbagli che magari non capivo e mi sento molto più sicura,anche in maneggio.Io lo vivo così il cavallo!!e mi piace....

Ciao a tutti gente di cavalli...papry <_<

Link al commento
Condividi su altri siti

A me hanno sempre detto che non ho un gran stile, ma sono adatta agli imprevisti. Ad es. attraversare un ruscello senza problemi, oppure passare su una strada malconcia (qui ci sono un sacco di mulattiere e stradette non asfaltate), mentre potrei perfezionare il trotto ad esempio. Vivo praticamente di passeggiate, è questo secondo me il bello. Niente recinto, niente di "artificiale", solo tu, il cavallo (o l'asino in questo caso :P ) e la natura. Qui poi è una bellezza. Non so se qualcuno conosce Soglio, ma sono fortunata ad abitare qui! È fantastico. È peccato però che ci sono pochi percorsi, e le belle escursioni ce si possono fare a piedi non sempre si possono fare a cavallo. Mi piacerebbe una volta prendermi dietro una tenda e fare un'escursione bella lunga. Ma per ora è meglio cominciare con piccole passeggiate. Peccato che a Soglio Diana adesso è l'unico equino. In valle del resto ci sno pochi cavalli. :( *-+-+-*

Link al commento
Condividi su altri siti

ciao ragazzi... io sono diciotto anni che monto, o meglio, è da quando sono nata che sto sopra ai cavalli... per tutto questo tempo sono sempre stata in un campo a lavorare in piano, a saltare... andavo fuori solo quando stavo all'estero, oppure d'estate mi è capitato un paio di volte di fare dei girettini intorno alla scuderiaa....

adesso mi trovo in una situazione delicata, vorrei portare il mio cavallo im un'altra scuderia, il problema è che li fanno solo uscite!!! non hanno un campo!!!!

il posto è bellissimo, l'istruttore è una persona speciale, ma il mio cavallo ha fatto per quindici anni il saltatore, e anche se fuori è bravo ho comunque il problema che è uno stallone: se incontro altri cavalli, pecore, mucche, ecc... si mette in piedi, io non ho esperienza fuori, e devo ammettere che mi spaventa... ma so che se un cavaliere e il suo cavallo imparano ad affrontare bene le uscite acquistano una sicurezza più granda di quella che si acquista montando in campo!!!! cosa ne pensate? avete qualche consiglio??? ??asd??

Link al commento
Condividi su altri siti

beh io è da sempre che vado a cavallo e ho sempre passeggiato.. ho inziato a fare maneggio solo 3 anni fa!

ma non ho rinunciato alle passeggiate!!!

la domenica mattina mi alzavo alle 5... andavo la .. con tutta calma.. per le sei partivo.. meglio se da sola.. poi quando era il momento... una parolina e vai si parte al galoppo su per il vigneto infinito!!!! Io e il mio lallino ci sfogavamo per bene! un'emozione incredibile.... e tornavamo tutti felici a casa..

ho vissuto di passeggiate... esperienze bellissime che mi hanno aiutato, anzi mi hanno fatto crescere!

Link al commento
Condividi su altri siti

Non è questione di essere un saltatore o no, uno stallone (o un cavallo intero?) o una giumenta. Quello che importa è l'addestramento.

È strano montare da 18 anni solo in maneggio, senza non essere mai uscita dal rettangolo... ma vabbe'...

Prima di tutto è importante che sia TU a prendere fiducia. Esci magari in passeggiata con un altro cavallo, già abituato alle uscite. Impara a tenere un giusto assetto, rilassato ma sempre pronto agli imprevisti, impara a bilanciare il peso quando vai i salita e quando vai in discesa, impara a valutare le situazioni in anticipo (ad esempio se vedi un trattore che si avvicina puoi cominciare a tranquillizzare il cavallo, perché se non è abituato magari si spaventerà un po'. Cerca di prevedere le sue reazioni e ad anticiparle).

Quando ti sentirai sicura, esci in passeggiata con il tuo cavallo, accompagnata da un altro binomio (che ti precederà). Fate un giro corto, giusto nei dintorni della scuderia. Ricorda di mantenere sempre la calma. Se il tuo è un cavallo che non è mai uscito (poverino!!) calcola che per lui ogni cosa equivale ad una novità, che deve imparare a conoscere e a non temere. Qui l'aiuto del secondo binomio ti sarà basilare: i cavalli imparano molto dai loro simili e vedendo che il suo "amico" è tranquillo, c'è maggior possibilità che si tranquillizzi anche il tuo.

Ogni volta scegliete una strada diversa e allontanatevi sempre più dalla scuderia.

Dopo qualche tempo, proovate a camminare affiancati (Attenzione pero' al galoppo: possono scattare le competizioni tra i cavalli!!). Se non c'è nessun problema, passa tu a guidare il gruppo. Continua così finche il tuo cavallo non avrà un passo sicuro e convinto.

Poi dovrete imparare ad uscire da soli, in "solitaria"... ma è meglio fare un passo alla volta...

Link al commento
Condividi su altri siti

ti sembrerà strano ma io preferisco uscire da sola... se siamo soli non mi devo preoccupare delle sue reazioni nei confronti dell'altro cavallo.. anche perchè lui vuole stare sempre davanti (mi hanno detto che è una caratteristica dei cavalli interi)... poi quelle due volte che sono uscita con un altro cavallo è stato un disastro, avevo sempre il mio che ballettava rponto a scattare.... ma quello che mi spaventa non sono gli altri con cui esco, ma quelli che potrei incontrare fuori... ha il vizio di mettersi in piedi quando vede altri suoi simili nei padok.... questo mi spaventa molto fuori... "£$!" "£$!"

Link al commento
Condividi su altri siti

Impara prima a gestirlo quando lavori con gli altri cavalli e dopo puoi concentrarti sugli incontri casuali. Non saltare le tappe.

Comunque lo "star davanti" non è una prerogativa dei cavalli interi, ma dipende dal carattere del cavallo.

Una domanda: ma da quanto tempo hai questo cavallo? Se sicura di poterlo gestire? Hai un istruttore che ti segue?

Link al commento
Condividi su altri siti

lo monto da più di un'anno e mezzo... non è il primo cavallo intero che ho, ma da quando mi sono fratturata in una caduta sono diventata più insicura... non è il lavoro in campo che mi spaventa, sono abituata alle reazioni che può avere dentro un recinto, dove si sente più al sicuro e sta più attento ai comandi che gli mando... la mia paura è fuori dove è più distratto... ma sopratutto il suo problema è se vede cavalli sciolti nei campi perchè quando era puledro è riuscito a scappare e ha montato una cavalla in un paddok, così ogni volta che vede cavalli sciolti si ricorda e non bada tanto ai comandi... se lo monti è più facile tenerlo, se sei a terra diventa molto più complicata la situazione...

dovrei lavorarci su con l'istruttore... magari all'inizio lo monta lui per rendersi conto... devo parlarne con lui

Link al commento
Condividi su altri siti

Non consiglierei a nessuno, a meno che non sappia ampiamente il fatto suo, di uscire in passeggiata da solo !!!

Le cose che possono succedere sono veramente tante .... immagina solo che per una qualsiasi cavolata cadi e senza nemmeno farti male ti scappa il cavallo !!! se sei da sola è un disastro.

Nelle passeggiate a cavallo, come pure in tantissime altre attività non è mai una buona cosa essere soli.

Sto parlando di un minimo di prudenza ... se avete il cellulare portatevelo, basta una storta, un ferro perso, un acquazzone improvviso, una cinghia che si rompe, un cane che vi corre dietro, un ramo basso, un filo del vigneto ....

Chi conosce la vita all'aria aperta con il cavallo non può che essere d'accordo.

Ma non c'è NULLA ..... NULLA .... al mondo che sia più esaltante della sensazione di libertà assoluta che ti da il TUO cavallo e un qualche posto in cui andare.

Ma fatelo con tutta la prudenza del caso e con il massimo rispetto per la potenza e forza del vostro animale, che per quanto vi ami è e resterà sempre un "erbivoro" un animale che per difendersi fugge.

Link al commento
Condividi su altri siti

Join the conversation

You can post now and register later. If you have an account, sign in now to post with your account.

Ospite
Rispondi a questa discussione...

×   Pasted as rich text.   Paste as plain text instead

  Only 75 emoji are allowed.

×   Your link has been automatically embedded.   Display as a link instead

×   Your previous content has been restored.   Clear editor

×   You cannot paste images directly. Upload or insert images from URL.

Caricamento...
 Share


×
×
  • Crea Nuovo...