Vai al contenuto

Leopardo A Rischio Estinzione


LadyD
 Share

Recommended Posts

Dal Corriere del Ticino di oggi:

Leopardo a rischio estinzione

RUSSIA

Il felino più raro del mondo, il leopardo Amur, sopravvissuto finora lungo le selvagge coste orientali russe, rischia adesso l’estinzione a causa di un oleodotto che dovrebbe passare attraverso il suo ultimo habitat. Di leopardi Amur ne sono rimasti solo una trentina allo stato selvaggio.

Link al commento
Condividi su altri siti

Mio Dio :( E' terribile che questo bellissimo felino rischi di scomparire dalla faccia della terra...Ma perchè l'uomo distrugge tutto e se ne frega di tutti?

Lady D non possiamo fare niente per evitare questa brutalità?

Link al commento
Condividi su altri siti

bisogna vedere se l'oleodotto cmq serve o poteva seguire un'altro percorso. Ma alla fine poco importa perchè se ne devi costruire uno può passare ovunque.

poi scusate come fà un habitat ad essere distrutto da un tubo che passa? O_o

Link al commento
Condividi su altri siti

mah, il problema è che se ne sono rimasti solo trenta ormai non si può fare più niente; per le leggi della genetica di popolazione ormai è andato

quando moriranno questi finirà come il tilacino e tanti altri

forse bisognava pensarci prima

per spiegazioni più puntuali e aggiornate chiamo in causa andreaM...

perché ci accorgiamo sempre troppo tardi?

perché in tutte le cose ci deve sempre come si dice "scappare il morto"?

prevenire prevenire....

ma non credo l'uomo possa capire

scusatemi

serata nera

Link al commento
Condividi su altri siti

Sempre parlando di estinzione, ecco alcuni numeri da brivido che ho trovato su una rivista:

- 12253: le specie in estinzione nel 2003

- 15589: le specie che nel 2004 risultano per certo in via d'estinzione. Di queste 7266 sono animali e 8323 vegetali

- 844: sono le specie estinte totalmente o allo stato selvatico negli ultimi 500 anni a causa dell'uomo

- 1 su 4: mammiferi che rischiano l'estinzione nell'immediato futuro

- 1 su 8 : uccelli che rischiano l'estinzione nell'immediato futuro

- 1 su 3 : anfibi in pericolo

- 1 su 2: testuggini e tartarughe d'acqua dolce in pericolo

- 2061: aumento delle specie minacciate da 1996 al 2004

Che dire.... :mellow:

Link al commento
Condividi su altri siti

:( Amati fratelli per l’ennesima volta l’uomo se dimostrato come sempre uno stronzo Il tempo del ragionamento e finito adesso dobbiamo passare a la attacco. il guerriero portato dal vento della liberta e pronto. fratelli uniti per il diritto degli animali. :(

Link al commento
Condividi su altri siti

E queste sono solo le cifre riferite alle specie conosciute; e, probabilmente, non si fa riferimento agli insetti, altrimenti credo che i numeri andrebbero moltiplicati per 10 e anche più... :(

Link al commento
Condividi su altri siti

Fabi, teoricamente avresti ragione, ma in pratica l'"effetto pozzo" in una popolazione non è così scontato...

ti ricordo il caso dei ghepardi: la popolazione mondiale di ghepardi alcuni millenni fa fu sterminata da una malattia. dagli studi di genetica, si stima che si siano salvate non più di 2-3 coppie, che avrebbero originato tutti i ghepardi che ora conosciamo. in effetti studi di genetica hanno mostrato che non esiste praticamente variabilità genetica in ghepardi abitanti zone lontanissime tra loro. In questo senso, sono anche loro a rischio, proprio per questa uniformità. per i leopardi amur.... si dovrebbe fare ciò che viene fatto per altri felini: cattura ed allevamento in cattività di tutti gli esemplari possibili, con programmi di riproduzione studiati a tavolino. per il leopardo delle nevi si fa così, e funziona.

raptor: un habitat può essere distrutto eccome... quando per preparare terreno, attrezzature, per la messa a dimora delle tubazioni (non immaginarti tubetti come quelli delle nostre case...parliamo di condotti della circonferenza di metri) vengono distrutte foreste intere.....

Link al commento
Condividi su altri siti

mi fa piacere sapere che l'estinzione non è scontata, anche se poi come dici entra in gioco il problema dell'imbreeding

comunque, siamo alle solite

prima l'uomo distrugge più che può, e poi bisogna affidarsi agli eventuali sponsor per trovare i soldi per rimettere a posto i cocci

quindi speriamo che il leopardo dell'amur goda della stessa considerazione dell'Irbis, che peraltro ho visto allo zoo di Philadelphia (dove mi pare si sostengano questi progetti che dici) e anche fotografato, se solo riuscissi a mettervi il link... perchè è semplicemente meraviglioso

ma magari oggi mi ci dedico, dai

... forse ci riuscirò, abbiate fede

a presto

Link al commento
Condividi su altri siti

Se ci sono riuscita, ecco l'Irbis dello zoo di Philadelphia

Irbis

Link al commento
Condividi su altri siti

Bene... ora se qualcuno mi dice come ingrandirla.... eheheheh ))((

Link al commento
Condividi su altri siti

Non riesco ad aprire l'immy dell'Irbis... :(

Magnifico animale il leopardo Amur! Mi irrita molto il fatto che il governo russo, pur sapendo che quel leopardo è un felino rarissimo ormai e che, come già detto, ne rimangono solo una trentina di esemplari, ha deciso comunque di far passare l'oleodotto attraverso l'unica riserva di questi splendidi animali!! Questo vuol dire proprio fregarsene altamente (passatemi il termine! :( )

Link al commento
Condividi su altri siti

ci riprovo...

bf92.jpg?phOBTBCB4KA..HhT

Link al commento
Condividi su altri siti

Link al commento
Condividi su altri siti

è andata un po' meglio?

sapete, devo fare un po' di prove......

scusate!!!

ma l'ultima mi pare che è andata, no?

Link al commento
Condividi su altri siti

Sì, però è un problemaccio quello della riproduzione in cattività...molte volte gli animali non si trovano a loro agio negli zoo o bioparchi...inoltre è a loro negata la libertà....

Io farei esattamente come per il Bisonte Europeo: piccole riserve (che comunque gli garantiscono "tranquillità riproduttiva")che lo ospitano temporaneamente per la riproduzione ed il ripopolamento, e poi, in un secondo tempo, liberazione degli animali nella riserva dove l' animale è endemico.

Ha comunque ragione fabi7 : non si può far arrivare una popolazione di una specie a 30 esemplari per sperare che vada comunque tutto bene con programmi di ripopolamento in extremis.....sarebbe meglio se, per una volta almeno, questi risultati si riuscissero a prevenire....

Link al commento
Condividi su altri siti

Join the conversation

You can post now and register later. If you have an account, sign in now to post with your account.

Ospite
Rispondi a questa discussione...

×   Pasted as rich text.   Paste as plain text instead

  Only 75 emoji are allowed.

×   Your link has been automatically embedded.   Display as a link instead

×   Your previous content has been restored.   Clear editor

×   You cannot paste images directly. Upload or insert images from URL.

Caricamento...
 Share

×
×
  • Crea Nuovo...