Vai al contenuto

Tipo Di Collare.


jessy.15
 Share

Recommended Posts

Salve,

volevo chiedervi un parere,il mio cane(un pastore tedesco),non vuole proprio saperne di andare piano al guinzaglio e un addestratore mi ha detto di usare un collare a semistrozzo o a strozzo.Voi che dite?A me sembra una crudeltà.

Però tutte le volte che lo porto in giro mi fa diventare le braccia più lunghe di 1 metro.

Voi avete qualche suggerimento che preveda di non usare collari a strozzo?

Link al commento
Condividi su altri siti

un collare a strozzo? aiuto, non vorrei essere al posto del cane..

ma gli addestratori non dovrebbero addestrare i cani in teoria?? (scusa la mia domanda ma sono completamente ignorante in materia)

Link al commento
Condividi su altri siti

Ci sono addestratori e addestratori.

Quello che posso consigliarti e di andare in un'altro centro.

Comunque, se il cane tira non fare che la sua spalla superi il tuo ginocchio, quando tira, molte volte viene istinto tirare il guinzaglio indietro, sbagliato.

Appena supera il tuo ginocchio dai dei colpetti indietro con il guinzaglio , se tiri a lui non dà fastidio ma se dai dei colpetti indietro si.

Se ormai a superato la soglia e tira come un disgraziato, piuttosto vai dalla parte opposta.

Comunque non'è con due semplici righe che risolvi il problema, ti consiglio di andare in un centro serio, almeno vieni seguito, ti indicheranno come eseguire una passeggiata senza che ti vengano due bicipidi da rambo. Chi usa il collare a strangolo e perchè o non sa fare l'esercizio diversamente o perchè vuole un lavoro immediato.

Il collare a semi strozzo non è uguale allo strozzo, quello a strozzo stringe nella gola del cane, il semistrozzo, si blocca. A parer mi non nuoce, ma a questo punto si può usare un collare di cuoi o pelle, non mi piacciono quelli in stoffa perchè mi è capitato spesso che ai miei cani faceva perdere il pelo.

Link al commento
Condividi su altri siti

Io non ho portato il cane in un centro di addestramento perchè in molti centri mi dicevano che ormai ha superato la soglia di età massima per un addestramento.Il cane farà 2 anni il 26 gennaio.Secondo voi ho qualche scians?

Non l'avevo portato prima perchè io ho avuto altri due pastori tedeschi,ma li ho addestrati da sola e ho ottenuto dei buoni risultati.Invece questo è INCREDIBILMENTE monello. :P:wub:

Sarà perchè è maschio e io ho avuto solo 2 femmine...

Che voi sappiate i maschi hanno un carattere più forte e disubbidiente? :rolleyes:

Link al commento
Condividi su altri siti

Io non ho portato il cane in un centro di addestramento perchè in molti centri mi dicevano che ormai ha superato la soglia di età massima per un addestramento.Il cane farà 2 anni il 26 gennaio.Secondo voi ho qualche scians?

Non l'avevo portato prima perchè io ho avuto altri due pastori tedeschi,ma li ho addestrati da sola e ho ottenuto dei buoni risultati.Invece questo è INCREDIBILMENTE monello. :P:wub:

Sarà perchè è maschio e io ho avuto solo 2 femmine...

Che voi sappiate i maschi hanno un carattere più forte e disubbidiente? :rolleyes:

Sei sempre in tempo ad educarlo! Pensa che io ho un Malinois e l'ho presa all'età di otto anni. Ebbene nel giro di una settimana aveva già imparato un sacco di comandi ed anche a non tirare a guinzaglio. Cerca un buon centro e fatti aiutare, sono sicura che otterrai buoni risultati.

Link al commento
Condividi su altri siti

Ok.Allora questa primavera rifarò un bel giro di telefonate per vedere se qualcuno vuole aiutarmi.

Dico in primavera perchè in questo periodo,tra neve e pioggia...non so se voi avete mai provato a caricare un cane di 60 kg tutto inzuppato in macchina.Io posso dire che,per me,è una strage. :bigemo_harabe_net-139:

Link al commento
Condividi su altri siti

Salve,

volevo chiedervi un parere,il mio cane(un pastore tedesco),non vuole proprio saperne di andare piano al guinzaglio e un addestratore mi ha detto di usare un collare a semistrozzo o a strozzo.Voi che dite?A me sembra una crudeltà.

Però tutte le volte che lo porto in giro mi fa diventare le braccia più lunghe di 1 metro.

Voi avete qualche suggerimento che preveda di non usare collari a strozzo?

non si fa del male col collare sia esso a strozzo che a semi strozzo bisogna saperlo usare . nel tuo caso con un cane di 60 kg ( che per un pastore tedesco sono tantissimi) forse si è reso indispensabile l'utilizzo di questi collari.

bisogna sapere che cane si prende e quanto viene grande prima di prenderlo , i problemi di questo tipo si risolvono dalle prime passeggiate e non quando il cane è grande ad un cucciolo è facile far capire che non deve tirare ad un adulto un po meno .

ti consiglio di provare coi collari che ti hanno consigliato e di usarli con un esperto . assolutamente non causano danni al cane se usati bene

Link al commento
Condividi su altri siti

Salve,

volevo chiedervi un parere,il mio cane(un pastore tedesco),non vuole proprio saperne di andare piano al guinzaglio e un addestratore mi ha detto di usare un collare a semistrozzo o a strozzo.Voi che dite?A me sembra una crudeltà.

Però tutte le volte che lo porto in giro mi fa diventare le braccia più lunghe di 1 metro.

Voi avete qualche suggerimento che preveda di non usare collari a strozzo?

puoi usare anche semplice cavezza. cosi riesci tenere cane anche con sola una mano, anche se tira.

Link al commento
Condividi su altri siti

La cavezza è un accessorio particolare che viene fatto indossare al cane sulla testa, come quelle dei cavalli. Il principio, secondo il quale il cane con indosso questo "guinzaglio" non tira, è che la cavezza "fascia" la testa dell'animale stimolandolo sulle zone che la madre tocca con la bocca quando trasporta i cuccioli.

Da qui deriverebbe l'effetto di controllo totale sul cane. Io l'ho usata con la mia Malinois proprio perchè tirava molto, e devo dirti che l'ho trovata efficace. Inoltre la gente pensa che il cane abbia la museruola perchè una parte fascia anche il muso, pur lasciandolo completamente libero.

E' importante che abitui il cane a tenerla poco per volta, magari mettendogliela in casa finchè l'accetta, e poi portandolo in giro. Mi raccomando anche la misura giusta, altrimenti il suo utilizzo è del tutto inefficace.

Link al commento
Condividi su altri siti

per zarina : ti riferisci a quella fascia che copre la bocca e dove il guinzaglio viene legato sott il mento del cane e che quando il cane tira la tsta gli si gira da un lato.

se è quella bel metodo gentile ogni volta che il cane fa un passo in più il collo gli si gira o a destra o a sinistra facendo leva sui muscoli ed è per questo che impara a non tirare .

con questo tipo di collare ( cavezza ) se si tira anche con poca forza si fa molto male al cane praticamente il movimento e uguale a quello di volergli rompere il collo.

sempre se è quella che intendo io con l'aggancio sotto il muso

Link al commento
Condividi su altri siti

Da come lo descrivi sembra uno strumento di tortura!

Mi trovo in disaccordo con te perchè la cavezza non fa alcuna pressione sul collo, ma esclusivamente sul muso dell'animale, e sembra che le fasce che scorrono su questo servano appunto ad inibire la ribellione, non a provocare dolore. Del resto va usata con i guinzagli estensibili proprio perchè il cane deve comunque avere una libertà di movimento e non tirare senza che noi usiamo forza. A girare è la testa, non il collo del cane. E' poi normale che il cane non tiri perchè la sua attenzione è distolta da quello che stava facendo.

Se avessi avuto anche il minimo sospetto di provocare un dolore al mio cane sta pur certo che non l'avrei mai usata!

Link al commento
Condividi su altri siti

Ho trovato quest'articolo molto interessante sul collare a cavezza. Una frase in particolare l'ho trovata pertinente alla discussione.

IL COLLARE A CAVEZZA, di Dr. Eleonora Mentaschi

"Il collare a cavezza è un mezzo veramente utile nella terapia comporta-mentale.

A mio parere è un’invenzione stupenda ed indispensabile nella rieducazione.

Infatti, in molti Paesi, come America, Inghilterra, Francia e Spagna, è ormai diffuso ed utilizzato dalla maggior parte degli esperti e dei proprietari di cani con patologie comportamentali.

Come afferma Overall: “Esistono congegni che possono essere estremamente utili nella prevenzione e nel trattamento delle condizioni comportamentali, ma molti di loro richiedono la conoscenza dei princìpi dell’apprendimento. Altri, se utilizzati in modo inappropriato, possono essere disumani o pericolosi”.

Il collare a cavezza è uno strumento da usare solo per la rieducazione comportamentale (aggressività, paura, ecc.) e solo con l’aiuto di una persona qualificata.

A questo proposito vorrei evidenziare che questo strumento non dovrebbe essere proposto come un mezzo per evitare che il cane tiri o per addestrarlo.

Il collare a cavezza, anche se in effetti può servire anche per tali scopi, dovrebbe essere solo un mezzo per aiutare proprietari e cani a superare dei veri e propri problemi comportamentali (vedi: aggressività, paura, ecc.).

L’aspetto così simile alle bardature del cavallo può inibire il proprietario che non ha mai visto questi strumenti e che può pensare siano oggetti “cattivi” o crudeli.

Non è così, ed è necessario spiegare loro, nel modo più completo ed esauriente possibile, come agisce questo strumento.

Il collare a cavezza è stato ideato per trasmettere segnali che siano simili a quelli che i cani utilizzano per comunicare tra loro (approfondirò di seguito questo aspetto).

Inoltre, non esercita alcuna pressione su laringe ed esofago, diventando la scelta migliore per tutti i soggetti con problemi laringei, collassi tracheali o problemi a livello cervicale e del collo, a livello discale, osseo, nervoso e muscolare (Overall, 2001).

Il collare a cavezza è costituito da due fettucce: una intorno al collo ed una intorno al muso.

Queste fettucce sono unite da un anello sotto il muso, cui viene agganciato il guinzaglio.

Quella intorno al collo fa sì che, tirando il guinzaglio, si abbia una pressione sulla zona posteriore del collo.

Questa pressione sull’area situata nella parte alta del collo, vicino alla testa, sfrutta lo stesso tipo di segnali che i cani utilizzano per comunicare con gli altri cani quando desiderano esercitare un controllo su di loro o fermarli. Così, quando il guinzaglio viene tirato, il collare a cavezza comunica al cane di fermarsi ed obbedire, utilizzando un sistema tipico della comunicazione cinofila. E la risposta è rapida.

La fettuccia intorno al muso permette al cane di aprire e chiudere liberamente la bocca.

Quando viene tirato leggermente il guinzaglio, questa fettuccia si stringe, chiudendo la bocca del cane.

Anche in questo caso, il meccanismo è stato ideato proprio per simulare la comunicazione tra cani. Infatti, se osserviamo un gruppo di cani che stanno giocano, possiamo vedere come un soggetto subito si rilassi e si arrenda se un altro lo stringe debolmente sul muso.

Quando il gioco si sta esacerbando, un cane non vuole continuare, o vuole sottomettere un compagno, allora poggerà gentilmente la sua bocca aperta sul muso dell’altro e stringerà lievemente.

L’altro cane generalmente risponde diminuendo l’intensità della sua parte nel gioco o, a volte, smettendo di giocare.

Quando usiamo questo sistema facciamo pressione proprio su queste aree “socialmente sensibili”.

Se tiriamo il collare allora facciamo pressione sulla collottola e stringiamo gentilmente sul muso del cane e facciamo sì che si volti verso la propria schiena, proprio come farebbe un altro membro del branco.

Così il cane si calma, spesso in modo veloce ed evidente.

Il collare a cavezza, se usato correttamente, è quindi un sistema che rispetta i comportamenti normali, il modo di comunicare dei cani e che non provoca danni fisici, a differenza degli altri collari, soprattutto, di quelli a strangolo, quando male utilizzati.

Overall dice “Per i clienti che stanno già applicando un programma di modificazione comportamentale, questo utile strumento è un dono del cielo”.

In commercio esistono principalmente due marche di collari a cavezza: l’Ha*** ed il Ge**** Le****/Pr***** Sy**** Ca**** H*** Co****.

Il primo, proveniente dalla Francia, resta allentato sul cane, per cui è concepito per essere indossato con un altro collare, non può essere stretto troppo nella parte davanti, per cui non può impedire il morso.

In compenso si adatta bene ad alcune razze dalla conformazione particolare della mascella. Il Ge**** Le****, di provenienza inglese, è invece adatto per la maggior parte delle razze, non richiede un altro collare e può essere utilizzato per impedire i morsi ed, in generale, per correggere i problemi comportamentali (Overall, 2001).

Nota: non tutti i cani possono utilizzare il collare a cavezza.

Alcuni soggetti, già molto sottomessi, possono infatti diventare totalmente apatici, mentre altri, per la conformazione del loro muso e della mascella, non riescono ad indossarlo."

Link al commento
Condividi su altri siti

Ho trovato quest'articolo molto interessante sul collare a cavezza. Una frase in particolare l'ho trovata pertinente alla discussione.

IL COLLARE A CAVEZZA, di Dr. Eleonora Mentaschi

"Il collare a cavezza è un mezzo veramente utile nella terapia comporta-mentale.

A mio parere è un’invenzione stupenda ed indispensabile nella rieducazione.

Infatti, in molti Paesi, come America, Inghilterra, Francia e Spagna, è ormai diffuso ed utilizzato dalla maggior parte degli esperti e dei proprietari di cani con patologie comportamentali.

Come afferma Overall: “Esistono congegni che possono essere estremamente utili nella prevenzione e nel trattamento delle condizioni comportamentali, ma molti di loro richiedono la conoscenza dei princìpi dell’apprendimento. Altri, se utilizzati in modo inappropriato, possono essere disumani o pericolosi”.

Il collare a cavezza è uno strumento da usare solo per la rieducazione comportamentale (aggressività, paura, ecc.) e solo con l’aiuto di una persona qualificata.

A questo proposito vorrei evidenziare che questo strumento non dovrebbe essere proposto come un mezzo per evitare che il cane tiri o per addestrarlo.

Il collare a cavezza, anche se in effetti può servire anche per tali scopi, dovrebbe essere solo un mezzo per aiutare proprietari e cani a superare dei veri e propri problemi comportamentali (vedi: aggressività, paura, ecc.).

L’aspetto così simile alle bardature del cavallo può inibire il proprietario che non ha mai visto questi strumenti e che può pensare siano oggetti “cattivi” o crudeli.

Non è così, ed è necessario spiegare loro, nel modo più completo ed esauriente possibile, come agisce questo strumento.

Il collare a cavezza è stato ideato per trasmettere segnali che siano simili a quelli che i cani utilizzano per comunicare tra loro (approfondirò di seguito questo aspetto).

Inoltre, non esercita alcuna pressione su laringe ed esofago, diventando la scelta migliore per tutti i soggetti con problemi laringei, collassi tracheali o problemi a livello cervicale e del collo, a livello discale, osseo, nervoso e muscolare (Overall, 2001).

Il collare a cavezza è costituito da due fettucce: una intorno al collo ed una intorno al muso.

Queste fettucce sono unite da un anello sotto il muso, cui viene agganciato il guinzaglio.

Quella intorno al collo fa sì che, tirando il guinzaglio, si abbia una pressione sulla zona posteriore del collo.

Questa pressione sull’area situata nella parte alta del collo, vicino alla testa, sfrutta lo stesso tipo di segnali che i cani utilizzano per comunicare con gli altri cani quando desiderano esercitare un controllo su di loro o fermarli. Così, quando il guinzaglio viene tirato, il collare a cavezza comunica al cane di fermarsi ed obbedire, utilizzando un sistema tipico della comunicazione cinofila. E la risposta è rapida.

La fettuccia intorno al muso permette al cane di aprire e chiudere liberamente la bocca.

Quando viene tirato leggermente il guinzaglio, questa fettuccia si stringe, chiudendo la bocca del cane.

Anche in questo caso, il meccanismo è stato ideato proprio per simulare la comunicazione tra cani. Infatti, se osserviamo un gruppo di cani che stanno giocano, possiamo vedere come un soggetto subito si rilassi e si arrenda se un altro lo stringe debolmente sul muso.

Quando il gioco si sta esacerbando, un cane non vuole continuare, o vuole sottomettere un compagno, allora poggerà gentilmente la sua bocca aperta sul muso dell’altro e stringerà lievemente.

L’altro cane generalmente risponde diminuendo l’intensità della sua parte nel gioco o, a volte, smettendo di giocare.

Quando usiamo questo sistema facciamo pressione proprio su queste aree “socialmente sensibili”.

Se tiriamo il collare allora facciamo pressione sulla collottola e stringiamo gentilmente sul muso del cane e facciamo sì che si volti verso la propria schiena, proprio come farebbe un altro membro del branco.

Così il cane si calma, spesso in modo veloce ed evidente.

Il collare a cavezza, se usato correttamente, è quindi un sistema che rispetta i comportamenti normali, il modo di comunicare dei cani e che non provoca danni fisici, a differenza degli altri collari, soprattutto, di quelli a strangolo, quando male utilizzati.

Overall dice “Per i clienti che stanno già applicando un programma di modificazione comportamentale, questo utile strumento è un dono del cielo”.

In commercio esistono principalmente due marche di collari a cavezza: l’Ha*** ed il Ge**** Le****/Pr***** Sy**** Ca**** H*** Co****.

Il primo, proveniente dalla Francia, resta allentato sul cane, per cui è concepito per essere indossato con un altro collare, non può essere stretto troppo nella parte davanti, per cui non può impedire il morso.

In compenso si adatta bene ad alcune razze dalla conformazione particolare della mascella. Il Ge**** Le****, di provenienza inglese, è invece adatto per la maggior parte delle razze, non richiede un altro collare e può essere utilizzato per impedire i morsi ed, in generale, per correggere i problemi comportamentali (Overall, 2001).

Nota: non tutti i cani possono utilizzare il collare a cavezza.

Alcuni soggetti, già molto sottomessi, possono infatti diventare totalmente apatici, mentre altri, per la conformazione del loro muso e della mascella, non riescono ad indossarlo."

vicky sei sempre fantastica nelle tue risposte io non sono così loquace e spesso non vengo compreso . sottolineo il fatto che hai riportato risrivendo la frase che dice : che il collare a cavezza va usato con gente esperta nell'utilizzo di questo collare e che non va usato come mezzo per l'addestramento del cane a non tirare. si perde quello che è il vero lavoro col cane aiutando la gente a correggere con uno strumento ( collare) e non a controllare il cane con la voce.

comunque per rispondere a zarina la cavezza non è uno strumento di tortura come non lo sono tutti gli altri collari , una COSA (collare) da sola non può torturare un animale ma è il COME SI UTILIZZA che tortura e per la cavezza è lo stesso ; se il padrone tira a sua volta o se il cane parte di scatto si può veramente fare del male . in più ricordo a zarina che la testa del cane è attaccata al collo e quando si usa una leva su questa parte bisogna stare molto attenti anche perchè la testa ed il collo del cane non reggono il peso del corpo del cane stesso.

eti assicuro che con un ? utilizzo scorretto della cavezza si può fare del male al cane anche in modo SERIO più che con un collare a strangolo

Link al commento
Condividi su altri siti

Infatti suppongo che a nessuno venga in mente di utilizzarlo in maniera scorretta. Un'utente l'ha proposto e mi sono limitata a spiegare a cosa serve. Al centro noi lo usavamo per controllare cani estremamente aggressivi con altri cani. E sulla mia ho dovuto applicarlo perchè la proprietaria precedente non l'aveva abituata al guinzaglio, ed i primi tempi lei tirava come un mulo con qualsiasi tipo di guinzaglio.

Purtroppo un giorno per inseguire un gatto mentre stavo rientrando nel cancello è partita di scatto e mi ha sbattuto vicino un albero facendomi cadere e incrinandomi tre costole.

Lei è completamente sorda per cui è impossibile il controllo con la voce, e quindi con la cavezza ho potuto portarla tranquillamente a spasso finchè non ha imparato a comportarsi bene.

L'utente potrebbe trovare giovamento dall'uso della cavezza, ma sempre sotto il controllo dell'addestratore (come ha intenzione di fare).

Link al commento
Condividi su altri siti

Vorrei sottolineare che il mio cane ignora totalmente altri cani e gatti e non da probblemi di aggressività eccessiva.

Il fatto che tiri dipende solo dal fatto che ogni volta che lo porto fuori è così contento che non riesce a trattenersi.

Perciò non credo di dover usare metodi per problemi di quessto tipo.

Link al commento
Condividi su altri siti

Vorrei sottolineare che il mio cane ignora totalmente altri cani e gatti e non da probblemi di aggressività eccessiva.

Il fatto che tiri dipende solo dal fatto che ogni volta che lo porto fuori è così contento che non riesce a trattenersi.

Perciò non credo di dover usare metodi per problemi di quessto tipo.

Allora puoi usare il metodo tradizionale. Esci e tieni il cane vicino a te. Non appena tira fai un rapido cambio di direzione e portalo dal lato opposto. Ripeti ogni volta che prova a tirare e prosegui dritto quando cammina calmo. Dopo un po' di tempo dovrebbe comprendere che se non tira si procede nella direzione da lui voluta, mentre se tira si va dalla parte opposta.

E' vero che chi ti vede si chiederà se non sei un po' "strana" :wacko:, ma è un metodo che se applicato con costanza dà ottimi risultati. In questo caso anche il collare a semistrozzo potrebbe aiutarti a trattenere il cagnone.

Facci sapere come procede!

Link al commento
Condividi su altri siti

Vorrei sottolineare che il mio cane ignora totalmente altri cani e gatti e non da probblemi di aggressività eccessiva.

Il fatto che tiri dipende solo dal fatto che ogni volta che lo porto fuori è così contento che non riesce a trattenersi.

Perciò non credo di dover usare metodi per problemi di quessto tipo.

Allora puoi usare il metodo tradizionale. Esci e tieni il cane vicino a te. Non appena tira fai un rapido cambio di direzione e portalo dal lato opposto. Ripeti ogni volta che prova a tirare e prosegui dritto quando cammina calmo. Dopo un po' di tempo dovrebbe comprendere che se non tira si procede nella direzione da lui voluta, mentre se tira si va dalla parte opposta.

E' vero che chi ti vede si chiederà se non sei un po' "strana" :wacko: , ma è un metodo che se applicato con costanza dà ottimi risultati. In questo caso anche il collare a semistrozzo potrebbe aiutarti a trattenere il cagnone.

Facci sapere come procede!

Anch'io sono daccordo su questo metodo

Link al commento
Condividi su altri siti

Join the conversation

You can post now and register later. If you have an account, sign in now to post with your account.

Ospite
Rispondi a questa discussione...

×   Pasted as rich text.   Paste as plain text instead

  Only 75 emoji are allowed.

×   Your link has been automatically embedded.   Display as a link instead

×   Your previous content has been restored.   Clear editor

×   You cannot paste images directly. Upload or insert images from URL.

 Share

×
×
  • Crea Nuovo...