Vai al contenuto

Prime Lezioni...


Martina
 Share

Recommended Posts

Ciao a tutti...

Vi propongo una riflessione sulle prime lezioni...(così Rowena e Bad Girl possono farsi un'idea...)

Ho notato che la stragrande maggioranza degli istruttori non esita a dare frustino o speroni ai loro allievi alle prime armi...

Senza spiegare loro l'effetto che esso ha sul cavallo e dove-come-quando e perchè usarlo ma con un semplice "se non va usalo..."

il più delle volte alle mie obiezioni mi son sentita rispondere:

"cosa vuoi che gli faccia una frustatina data,magari da un bambino?e poi uno non può mica imparare 300 cose insieme:assetto,dare la direzione e anche l'impulso...troppe cose...troppa fatica...inoltre c'è anche chi si avvicina all'equitazione solo per fare passeggiate tranquille e magari non ha interesse ad imparare..."

Premetto che anche a me alle prime lezioni è stato dato il frustino e che non mi rendevo ben conto della situazione ma ora mi permetto di analizzarla...

Prima di tutto non è il male che il frustino dato da un bambino a farmi storcere il naso ma il fatto che il cavallo faccia le cose per paura...

Io ci ho messo mesi a far capire a lilly che la frusta lunga non era un pericolo...

Ora però con la frusta lunga posso addirittura accarezzarla...come se fosse "un allungamento del mio braccio" se voglio che trotti o galoppi quando la faccio muovere alla longhina uso la voce,lo sguardo e la posizione del mio corpo...

Secondo punto:se si vuole imparare ad andare a cavallo trovo che si possa fare lo sforzo di imparare anche quella cosuccia in più:dare l'impulso nella maniera corretta...

Già che impari 300 cose puoi impararne 301 e fare un lavoro fatto bene...

Punto terzo:se qualcuno si avvicina all'equitazione così per svago,ben venga,non sto dicendo che bisogna per forza aver intenzone di diventare chissà quali campioni,non vedo però perchè debbano rimetterci i cavalli...

Anche perchè,in tutta onestà,se proprio si vogliono fare le cose tanto per fare,basta mettere in testa un cavallo che galoppa e tutti gli altri al seguito galoppano...

Non voglio giudicare il lavoro di altri che io non faccio e non so fare e probabilmente non farò mai...

Però mi da fastidio questa cosa e tutte le scusanti che si dicono in merito...

Link al commento
Condividi su altri siti

  • Risposte 69
  • Created
  • Ultima Risposta

Top Posters In This Topic

Top Posters In This Topic

Se succedesse a me rifiuterei sia frustino che speroni, intanto perchè (come hai detto tu Martina) io che sono principiante non so dove andare a toccare il cavallo per fargli capire quello che voglio senza fargli male e poi io personalmente voglio imparare bene fin da subito, piuttosto passo un mese a fare e rifare la stessa cosa, non voglio "scorciatoie" di nessun tipo...

Link al commento
Condividi su altri siti

Certamente il frustino e gli speroni vanno usati quando si sanno usare, come tutti gli altri "aggeggi" ipiegati nell'equitazione.

Il frustino è considerato un aiuto . C'è chi lo usa come strumento di tortura e c'è chi, grazie a Dio, sa quando e come utilizzarlo.

In genere lo si da in mano al principiante per fornirgli un elemento in più sul controllo del cavallo che evidentmente sarebbe un pò riotoso e tendente a farsi i cavoli suoi, sapendo che ha in groppa uno che può prendere in giro.

Spessissimo il solo fatto di averlo in mano fa si che il gioiello che montiamo sia più educato e disponibile a collaborare.

Non vorrei entrare nell'argomento "terrore" perchè mi sembra un pò complicato e passibile di polemiche.

Mi limito a ribadire che i cavalli sono spesso dei furbetti (quelli della scuola sono in testa) e mettere un principiante in sella ad un individuo del genere non è facile. Per aiutare il novello cavaliere a prendere un pò di confidenza, probabilmente si può usare anche questo mezzo purchè sia utilizzato correttamente.

Link al commento
Condividi su altri siti

inoltre c'è anche chi si avvicina all'equitazione solo per fare passeggiate tranquille e magari non ha interesse ad imparare..."

Secondo punto:se si vuole imparare ad andare a cavallo trovo che si possa fare lo sforzo di imparare anche quella cosuccia in più:dare l'impulso nella maniera corretta...

Già che impari 300 cose puoi impararne 301 e fare un lavoro fatto bene...

la penso nello stesso modo però avrei da aggiungere una cosa a questi punti...

chi si avvicina all'equitazione per fare le passeggiate...deve imparare molte molte molte cose..........perchè una semplice passeggiata può diventare un inferno. e non è solo questione di tecnica....ESSENZIALE ALMENO LA BASE...ma anche caratteriale. se esci in passeggiata con il terrore che il cavallo al primo cane che abbaia faccio un volo...vai tranquilla che il cavallo si spaventerà. in questo caso il frustino ci sta come i cavoli con il caffè latte!!!

secondo....quanto all'assetto io ho avuto bisogno del frustino per trovare l'assetto nel galoppo. tu dirai CHE C'ENTRA?....se il cavallo non andava perchè io ero instabile in sospensione...l'unico modo per me di correggermi era seguire l'andatura. se il cavallo non galoppava io non trovavo la posizione giusta. una volta trovata la sicurezza il cavallo andava con il semplice aiuto vocale. (le gambe sono ancora poco efficaci).

sono solo 301?? che bello!!! scusa....questo era per allegerire il discorso........

Link al commento
Condividi su altri siti

Un principiante non dovrebbe averlo in primis perchè non sa usarlo, e poi perchè deve farsi i muscoli e imparare bene. E' anche vero però quello che dice Ela, a volte i cavalli della scuola, quelli usati da tutti i principianti, sono furbetti... a quel punto tenerlo in mano magari si, ma sempre che non sia un terrore per il cavallo!

Io per ora porto una frusta da dressage che solitamente tengo solo in mano e talvolta uso sulla groppa con un solo colpetto... lo preferisco agli speroni che però purtroppo tra un po' dovrò portare perchè in gara sono obbligatori e mi ci devo abituare.

Link al commento
Condividi su altri siti

Gli speroni sono peggio del frustino secondo me. La gamba malferma saballonzola e gli speroni colpiscono ripetutamente e a casaccio e non quando dovrebbero essere utilizzati. Ovviamente se non c'è la gamba sono la peggior cosa da indossare.

Tra i due mali peferisco il frustino almeno viene usato quando "serve".

Per Eloin mi sembra che ne esistano di "finti" cioè praticamente senza azione e solo per uso estetico proprio per il dressage , per quei cavalli che non li tollerano.

Link al commento
Condividi su altri siti

Ela si forse hai ragione se fosase un discorso del genere...

C'è da dire che a me non piacerebbe usare questo ragionamento con la mia cavalla...in un certo senso è come se facesse quello che le chiedo per paura...

Ad ogni modo son cavalli da scuola spesso montati da bambini e secondo questo ragionamento ci può anche stare...anche se,scusate...ma magari un cavallo che non ti ascolta ti fa aumentare la grinta...magari non a 9 anni e alle prime 3 lezioni però....

Poi per il discorso speroni daccordissimo...!

Link al commento
Condividi su altri siti

Non ho mai sentito parlare di questi "finti" speroni, ma ne ho solo visti di piccolissimi e sempre più tondi. Il cavallo che monto li tollera si, non gli danno fastidio, ma siccome riesco a montarlo benissimo senza aiuti e tra l'altro ho il problema appunto della gamba malferma, preferisco imparare bene prima. Vedremo.

Link al commento
Condividi su altri siti

secondo....quanto all'assetto io ho avuto bisogno del frustino per trovare l'assetto nel galoppo. tu dirai CHE C'ENTRA?....se il cavallo non andava perchè io ero instabile in sospensione...l'unico modo per me di correggermi era seguire l'andatura. se il cavallo non galoppava io non trovavo la posizione giusta. una volta trovata la sicurezza il cavallo andava con il semplice aiuto vocale. (le gambe sono ancora poco efficaci).

Piccola riflessione, soprattutto per chi dice che non si può imparare 300 cose insieme... ma la longia la si compra solo per appenderla al muro?

Nel senso... prima si deve aggiustare l'equilibrio e l'assetto, giusto? Perché allora l'istruttore non fa girare il cavallo alla longia correggendo gli errori di assetto ed equilibrio? Quando poi l'allievo saprà stare in sella in una buona posizione, si potrà passare alle gambe (magari sempre alla longia per iniziare) e poi dopo alle mani. Meglio di così!!

I mezzi ci sono, ma le scorciatoie sono troppe...

Link al commento
Condividi su altri siti

Piccola riflessione, soprattutto per chi dice che non si può imparare 300 cose insieme... ma la longia la si compra solo per appenderla al muro?

Nel senso... prima si deve aggiustare l'equilibrio e l'assetto, giusto? Perché allora l'istruttore non fa girare il cavallo alla longia correggendo gli errori di assetto ed equilibrio? Quando poi l'allievo saprà stare in sella in una buona posizione, si potrà passare alle gambe (magari sempre alla longia per iniziare) e poi dopo alle mani. Meglio di così!!

I mezzi ci sono, ma le scorciatoie sono troppe...

sicuramente è una scorciatoia.....però ha funzionato.

E nel caso in questione, visto che il cavallo ha sicuramente avuto brutte esperienze in passato con il frustino, non c'è stato bisogno di frustare. è sbagliatissimo come principio....lo penso anche io...perchè questo dimostra che il frustino non serviva ad altro se non ad incutere paura.

perchè altrimenti l'atteggiamento cambia solo tenendolo in mano??? e nonostante io principiante l'abbia preso in mano qualche volta, non ho dovuto usarlo attivamente....anche se confesso che mi è stato consigliato.

se poi un cavallo viene stimolato con un oggetto che reputa un nemico da una persona che conosce poco,come un principiante, le reazioni non sempre sono le stesse...cioè di sottomissione per paura, ma possono essre di diffesa. sbaglio? ragione in più per non farlo usare a sproposito.

se si usa come un aiuto e basta....cioè lo usi una volta e con l'istruttore in campo che di dice come usarlo non è poi tanto grave. l'importante è non fare affidamento su quello e lasciare gli aiuti principali.

Link al commento
Condividi su altri siti

A questo punto mi sento di fare un'ulteriore riflessione.

Sono d'accordo con LadyD nell'uso della longe ad oltranza ovvero finchè l'allievo ha acquisito i rudimenti necessari ma vedi anche tu l'ansia di saltare, galoppare, correggere, conoscere ecc.. di tanti che cominciano. Far fronte a cotanta energia non è semplice, quindi si tenta di auitare, accorciare i tempi di apprendimento dei rudimenti di questi esuberanti cavalieri così impazienti che più avanti prenderanno coscienza del mondo che hanno deciso di percorrere e di frequentare.

In sostanza è difficile cominciare ad interagire con uno più grosso e più furbo di noi , giocoforza a volte l'istruttore deve aiutare il cavaliere in erba. Tutto stà nelle mani di chi capitiamo.

Per ultimo, il frustino in mano non è per forza frutto del terrore, il frustino come la frusta non deve esserlo ma deve essere sempre rispettata dal cavallo altrimenti è inutile usarli o tenerli in mano, deve essere ben accetta quando posata, sfiora il fianco o la groppa e recepita quando tocca con più energia, al pari della gamba: il tutto con i dovuti modi.

Link al commento
Condividi su altri siti

Ciao a tutti,

io non sono assolutamente d'accordo sull'uso del frustino da parte di un principiante (men che meno degli speroni), ela tu parli da persona esperta sembri avere cognizione (dico sembri perchè non ti conosco) di ciò che dici, ma una persona che ha affrontato poche lezioni non è in grado di capire come funzioni un oggetto del genere..

Io ho fatto una brutta caduta ad otto anni proprio perchè l'istruttore mi aveva urlato di usarlo e a quell'età non mi rendevo conto assolutamente di cosa facevo, sapevo solo che l'istruttore voleva che io facessi galoppare il cavallo e che non riuscivo a farlo partire a tale andatura e allora mi ha dato il frustino (era la prima volta che lo usavo) ed il cavallo appena ho provato ad usarlo si è impennato e si è quasi piegato di lato, io sono rimasta instaffata con il cavallo al galoppo e ho fatto un giro completo prima che lo facessero fermare.. sono rimasta così traumatizzata che mi ci è voluto un mese per ritornare in sella... sono d'accordo con ladyD, a questo punto ci vorrebbe più pazienza per imparare bene le basi nel modo giusto.. cambiando maneggio e poi istruttore, ho imparato molte più cose senza frustino e speroni (ma sempre con gli urli :lol: )..

Mi ricordo anche di una lezione per far partire il cavallo al galoppo dal passo senza alcun aiuto esterno, solo il mio corpo, avrò provato decine di volte prima di riuscire, ma la soddisfazione è stata al di sopra di ogni aspettativa..

Ehehehee, adesso non mi ricordo più come si fa, la Juanita, parte con il comando vocale anche da ferma..

Eris

Link al commento
Condividi su altri siti

concordo con lady...

Ela hai ragione nel dire che spesso i cavalieri inesperti hanno voglia di scoprire e non stanno più nella pelle...

Però non per questo vanno accellerati i tempi e saltate le tappe...

Ihih credo che se mi mettessi ad insegnare avrei pochi alunni...

Perchè sono dell'idea che le cose vadano fatte bene,sarò anche pesante ma per me è assolutamente così!

Chiaro che magari dopo 5 lezioni di longhina unogià si stufa e pensa "qui non imparo nulla" però meglio così piuttosto che galoppare in 10 lezioni con un frustino in mano!

Link al commento
Condividi su altri siti

ma stiamo parlando degli estremi? nel caso del galoppo è logico che nessun istruttore ti lascia 10 lezioni con il frustino in mano senza avere risultati....anche lui si romperà le scatole prima o poi...no? anche perchè così non è più una scorciatoia!!

io la longia l'ho provata al massimo dieci minuti....sarà io storta (di testa)...ma stavo meno attenta. forse la sicurezza del fatto che il cavallo fosse guidato da lui e non da me mi faceva perdere di concentrazione....e nonostante le sue correzzioni mi sbilanciavo. il fatto di essere io e il cavallo, e di sentire io stessa la posizione corretta mi ha reso le cose molto più semplici...il succo era "O MI SPICCIO O CADO..."

vuoi che la mia "istruzione" è un pò fuori da manuale....però in questo caso capisco la scelta che ha fatto il mio istr. e la condivido. Forse è la prima volta!!!! :-)

Link al commento
Condividi su altri siti

Ecco Martina hai centrato il punto. Io mi mettevo nei panni dell'istrutore che lo fa di mestiere e mette in sella un sacco di gente e a volte usa l'aiutino. Parliamo di un bravo professionista comunque (lasciamo perdere i vari coxxxxxni che ci sono in gro) , che conosce i suoi cavalli e che si trova anche a dover fare un pò di psicologia con il suo cliente. Perchè esistono quelli che se il cavallo non va dicono che è un brocco (il cavallo, non loro!!!) e smettono di venire a lezione, e lo dicono in giro (l'ippogenitore è in testa al gruppo) . Secodo me in qualsiasi lavoro dove si è a contatto col pubblico capita di dover scendere a compromessi e magari mandare giù dei rospi perchè se no chiudi bottega. Sembra brutto ma mentre per noi il nostro tatone è su un piedistallo per chi ci deve lavorare è diverso.

Link al commento
Condividi su altri siti

Ela hai perfettamente ragione, ma devi anche considerare che ormai l'50% dei maneggi è oramai a livelli inauditi in fatto di istruzione.. Uno prenota per che ne so 4 persone, arriva sale a cavallo senza mai aver montato in vita sua e si fanno passeggiate di un ora e più, poi di ritorno pagano e si rifaranno vedere magari dopo un paio di mesi.. e cosa imparano??? Conosco alcune persone che vanno da anni in passeggiata così e credono di saper andare a cavallo quando non sanno neanche battere la sella..

non si sta parlando di un maneggio, è un problema che sta diffondendosi, sempre più a macchia d'olio..

Il mio lavoro mi porta spesso in viaggio in altre città ed capitato che su viaggi lunghi abbia certao un luogo dove potermi fare anche una passeggiata a cavallo, e mi è capitato spesso di vedere cose del genere..

Bisogna anche considerare che in alcune zone, di una regione non ci sono maneggi e in altre zone c'è ne una decina tutti gli uni vicini agli altri e all'ora bisogna tenersi a galla in qualsiasi modo..

Eris

Link al commento
Condividi su altri siti

Hai perfettamente ragione e non è così che si porta avanti l'equitazione anzi... Io avevo cominciato con 4 amici e dopo un mese loro hanno abbandonato perchè non si "andava in passeggiata". Purtroppo molta gente pensa che i cavalli siano come il motorino, una volta imparato qual'è l'acceleratore pensano di poter partire. E alcuni, troppi maneggi sono semplici affittacavalli e nulla più. Io in effetti facendo il mio discorso pensavo al classico maneggio con gli istruttori, le ore di lezione, le longhine e si, anche lì ,quelli che vogliono galoppare anche se non sanno ancora trottare ma gestiti da un professionista almeno.

Link al commento
Condividi su altri siti

Ciaooo a tutti ragazzi e grazie x questi preziosi consigli oggi e' la mia prima lezione anzi tra un'oretta circa e vi dico la verita' non sto piu' nella pelle.Ma....io spero non mi faccia usare ne frustino ne speroni in quanto non trovo molto giusta questa cosa, avrei paura di far male al cavallo e sopratttto cio' che desidero e' imparare bene fin dall'inizio possibilmente non usando frustino e speroni...e poi in realta' sono necessari x imparare????mi chiedo!!! Vorrei instaurare un bel rapporto con il cavallo. Da quello che mi ha detto la mia insegnante x tel. le prime lezioni lei tiene la corda e fa girare nel cerchio booo vediamo.Qno mi dice che cos'e' una mezza fida???Grazieee a dopo cosi' vi racconto come e' andata!!!!!icon1.gif:bigemo_harabe_net-146:

Link al commento
Condividi su altri siti

Ragazze, vi ricordo che per scrivere nel forum bisogna scrivere in italiano senza le abbreviazioni da sms.

Questo è necessario perchè il forum viene utilizzato da molti stranieri che si avvalogno dei sistemi

di traduzione online i quali non riescono ad interpretare le abbreviazioni. E siccome non abbiamo limitazioni nel numero dei caratteri è gradevole leggere un italiano ben scritto.

Grazie

Link al commento
Condividi su altri siti

io lo ho avuto dalle prime lezioni in questo maneggio ma sapevo già andare e anke usarlo, ora dopo un bel po' ho preso i miei speroni, ma posso dire di saperli utilizzare...

Scusa raffy horse, leggendo cosa hai scritto mi sorge spontanea una domanda: che tipo di esercizi fai a cavallo per avvalerti di certi aiuti? non sei in grado di farli senza? cosa ti fa credere di essere in grado di utilizzarli?

Non ti sto mettendo sotto processo sia chiaro, sono soltanto curiosa di capire perchè si sente il bisogno di usare frustino e speroni..

Io personalmente provo più soddisfazione nell'esguire un determinato esercizio con la piena collaborazione volantario del mio compagno a quattro zampe senza il bisogno di aiuti esterni.. Poi si sa che non tutto il mondo è paese!!!

Eris

Link al commento
Condividi su altri siti

riprendo il filo del discorso di eris ed ela...

A questo punto mi vien da dire che se ci fossero più istruttori SERI queste cose non accadrebbero...

Perchè se tutti gli istruttori si comportassero nello stesso modo la gente non potrebbe far altro che adeguarsi...

Forse è un ragionamento utopico....quando ci sono di mezzo i soldi non si sta mica a guardar le cose tanto per il sottile...

Bad Girl avevo già risposto alla tua domanda sulla mezza fida nel topic aperto da raffy horse...

Link al commento
Condividi su altri siti

Tornando al discorso del frustino dato ai principianti, anch'io ho la mia da dire:

Prima di tutto,da quando è andata via l'istruttrice che c'era prima, la quailità delle lezioni è migliorata; l'istruttrice di prima a volte sembrava sapesse meno cose di noi ragazzi: faceva le cose solo perchè qualcuno la pagava, i principianti non li seguiva quasi, e le lezioni che faceva a noi ragazzi già un po' più bravi non ti insegnavano nulla. Il frustino per lei si usava solo sul sedere "sulla spalla come fanno i bambini piccoli non serve a niente!" diceva. I poveri shetland della scuola ormai avevano il terrore del frustino: una volta in lezione una bambina lo sventolava in aria non sapendo bene come tenerlo e tantomeno come usarlo, allora io le dico "tienilo basso, sennò il pony si spaventa". appena finita la frase l'istruttrice mi fulmina con lo sguardo "scusa, ma chi è l'insegnante qui? e poi non si dice mai a un principiante che il cavallo si spaventa: puoi dargli anche un cavallo pazzo, ma devi dire che è bravassimo, altrimenti i bambini si spaventano!"

Sono rimasta senza parole... io preferisco di gran lunga che un bambino capisca che sventolando il frustino il cavallo potrebbe spaventarsi, che vederlo per terra dopo una sgroppata o un fugone per lo spavento...

"cosa vuoi che gli faccia una frustatina data,magari da un bambino?e poi uno non può mica imparare 300 cose insieme:assetto,dare la direzione e anche l'impulso...troppe cose...troppa fatica...inoltre c'è anche chi si avvicina all'equitazione solo per fare passeggiate tranquille e magari non ha interesse ad imparare..."

Mi sono sentita dire la stessa cosa dall''istruttrice di cui sopra, dopo che le avevo fatto notare che ben due bambine di circa 7-8 tenevano le redini come se andassero in calesse...e lei cosa mi risponde? "non posso dire tutto alle prime lezioni! se le spiego come stare in sella, come tengono le mani, da che parte si sale e come si guida il pony, a fine lezione cosa vuoi che ricordino?"

"Allora continua a non correggere gli errori, così non impareranno mai come tenere le redini correttamente" mi sarebbe venuto voglia di risponderle! io penso che tentar non nuoce: prova a spiegarglielo... se poi la lezione successiva non se lo ricordano, non importa, glielo rispieghi... un insegnante non può pretendere che da un giorno all'altro l'allievo impari tutto e vada a fare le olimpiadi!

Per fortuna che quest'istruttrice è durata pochi mesi, e poi è stata licenziata!

Link al commento
Condividi su altri siti

Purtroppo si piò incappare in insegnanti un pò sui generis e che lo fanno con poco entusiasmo, o peggio ancora in degli imbxxxxlli e non è raro.

Se vogliamo ripartire da capo e fare di tutt'erba un fascio (istuttore del cavolo e bravo istruttore) allora dò ragione a Martina. No No e poi no, niente frustino assolutamente.

Rimane il fatto che secondo me, il frustino serve e va saputo usare e bisogna imparare ad usarlo a tempo debito e correttamente.

Link al commento
Condividi su altri siti

Ciao a tutti...

Vi propongo una riflessione sulle prime lezioni...(così Rowena e Bad Girl possono farsi un'idea...)

Ho notato che la stragrande maggioranza degli istruttori non esita a dare frustino o speroni ai loro allievi alle prime armi...

Senza spiegare loro l'effetto che esso ha sul cavallo e dove-come-quando e perchè usarlo ma con un semplice "se non va usalo..."

il più delle volte alle mie obiezioni mi son sentita rispondere:

"cosa vuoi che gli faccia una frustatina data,magari da un bambino?e poi uno non può mica imparare 300 cose insieme:assetto,dare la direzione e anche l'impulso...troppe cose...troppa fatica...inoltre c'è anche chi si avvicina all'equitazione solo per fare passeggiate tranquille e magari non ha interesse ad imparare..."

Premetto che anche a me alle prime lezioni è stato dato il frustino e che non mi rendevo ben conto della situazione ma ora mi permetto di analizzarla...

Prima di tutto non è il male che il frustino dato da un bambino a farmi storcere il naso ma il fatto che il cavallo faccia le cose per paura...

Io ci ho messo mesi a far capire a lilly che la frusta lunga non era un pericolo...

Ora però con la frusta lunga posso addirittura accarezzarla...come se fosse "un allungamento del mio braccio" se voglio che trotti o galoppi quando la faccio muovere alla longhina uso la voce,lo sguardo e la posizione del mio corpo...

Secondo punto:se si vuole imparare ad andare a cavallo trovo che si possa fare lo sforzo di imparare anche quella cosuccia in più:dare l'impulso nella maniera corretta...

Già che impari 300 cose puoi impararne 301 e fare un lavoro fatto bene...

Punto terzo:se qualcuno si avvicina all'equitazione così per svago,ben venga,non sto dicendo che bisogna per forza aver intenzone di diventare chissà quali campioni,non vedo però perchè debbano rimetterci i cavalli...

Anche perchè,in tutta onestà,se proprio si vogliono fare le cose tanto per fare,basta mettere in testa un cavallo che galoppa e tutti gli altri al seguito galoppano...

Non voglio giudicare il lavoro di altri che io non faccio e non so fare e probabilmente non farò mai...

Però mi da fastidio questa cosa e tutte le scusanti che si dicono in merito...

ciao martina sono una ragazza che da mlto fa equitazione indubbiamente dare i frustino alla prima lezione è una cosa molto sbagliata perche le ragazze o i ragazzi che hanno la prrima lezione dovrebbero imparare a stare a contatto ed ha farsi rispettare senza aiuti esterni ma solo con aiuti naturali e con la forza di carattere ti dico che io ho inniziato ad usare il frustino quando gia ero in grado di farmi "rispettare" ma forse sai alcuni preferiscono darlo alle prime lezioni perche con alcuni cavalli c e ne veramente bisogno

sai una cosa che non sopporto e chi ne fa abbuso ogni errore del cavallo lo usano questo no ma s se un cavallo ha bisogno di una frustata non bisogna evere paura di dargliela ti dico la verita non ho mai dato grandi frustate solo rare volte quando forse il mio cavallo si imbizzarriva o cose del genere perche la reputo una c osa molto crudele comunque è una discussione molto intelligente perche alcune persone non capiscono quanto un cavallo possa aavere paura di queste cose e rispettarti solo per paura una cosa orribile in realta dovrebbe rispettrti per la tua forza di carattere e per il bene che gli vuoi ciao piccola-milla

Link al commento
Condividi su altri siti

Join the conversation

You can post now and register later. If you have an account, sign in now to post with your account.

Ospite
Rispondi a questa discussione...

×   Pasted as rich text.   Paste as plain text instead

  Only 75 emoji are allowed.

×   Your link has been automatically embedded.   Display as a link instead

×   Your previous content has been restored.   Clear editor

×   You cannot paste images directly. Upload or insert images from URL.

Caricamento...
 Share


×
×
  • Crea Nuovo...