Vai al contenuto

Come Interrompere Le Covate?


Ospite
 Share

Recommended Posts

Ciao a tutti, sono qui ad esporvi un problema per il quale non ho ancora trovato soluzione.

Possiedo una splendida coppia di cocorite molto affiatata e…..molto prolifica. Vi seguo con simpatia da anni ed ho più volte letto che per il bene degli uccelli è sconsigliatissimo permettere loro troppe covate consecutive, in quanto a lungo andare sarebbe deleterio per la salute della femmina, altresì che per interrompere le covate è sufficiente togliere la materiale disponibilità del nido alla coppia. Vengo quindi al mio problema: Quando la nidiata è ormai svezzata ed i primi piccoli abbandonano definitivamente in nido, la femmina nuovamente gravida ricomincia a deporre nuove uova, questo quando l’ultimo piccolo della covata precedente non è ancora autosufficiente ed è ancora all’interno del nido. Sono alla 4^ covata e non sono riuscito ad interrompere questa “catena di Sant’Antonio”. Come posso riuscire a togliere il nido se questo è ininterrottamente occupato da prole o uova o da tutte e due contemporaneamente?. Al termine di quest’ultima deposizione (7 uova) ho provato a togliere il nido durante una sortita della femmina, “trovata” rientrata dopo aver visto la disperazione della stessa che gridava e si affannava nella ricerca del suo nido e relativo contenuto. Come posso fare?, per il bene della coppia, che amiamo e fa parte della nostra famiglia, se quella di togliere il nido con la covata è l’unica soluzione, prenderò il coraggio a due mani e farò quanto dovuto, ma spero ci sia un sistema meno drastico e più rispettoso della coppia e della loro prole. Grazie sin d’ora dell’aiuto. Con stima, Cosimo.

Link al commento
Condividi su altri siti

L'ultimo piccolo è uscito da una settimana, 15 minuti fa ho tolto il nido, lei si aggira nervosamente, ma effettivamente la catastrofe vera sarebbe se "Zilla" morisse per il troppo stres subito, non potrei mai perdonarmelo. Questa sarebbe stata la quarta covata consecutiva, troppo anche per una buona mamma come lei. sigh! :( :( *-+-+-**-+-+-* /SIZE]

Link al commento
Condividi su altri siti

Ciao Auri, scrivo a poco più di un mese di distanza dall'esposizione del mio problema. Grazie al Tuo consiglio fornito on cortese disponibilità è tutto risolto!!! Dopo aver eliminato il nido Zilla ha continuato a deporre uova (7) nel fondo della gabbia. Da tre settimane malgrado i coco si accoppino giornalmente si sono interrotte anche le deposizioni. Ora Zilla sta ultimando la muta, ha recuperato la sua tranquillità (e noi la nostra) ed è bellissima. GRAZIE!! Cosimo. *+++**+++*

Link al commento
Condividi su altri siti

Ho tolto il nido alla mia coppia di coco che hanno gia avuto 6 piccoli,ultimo 36gg il primo 42,gia messi,oggi,in una gabbia a parte perche' ultimamente si beccavano spesso,o se le andavano a cercare,rompendo le scatole a mamma e papa'....ho il problema che il maschio continua a fecondarla,mi ha gia deposto 3 uova sul fondo,che non cova e lascia li.....Cmq io le butto!

Posso farli riprodurre fra 2\3 mesi?o e' ancora presto?

Grazie.

Il mio negoziante di fiducia mi ha detto di dargli pokissima frutta e verdura perche' non devono andare in diarrea...invece nel sito degli allevatori di roseicollis consigliano di dare frutta e verdura tutti i giorni...chi ha ragione?????

Link al commento
Condividi su altri siti

Il mio negoziante di fiducia mi ha detto di dargli pokissima frutta e verdura perche' non devono andare in diarrea...invece nel sito degli allevatori di roseicollis consigliano di dare frutta e verdura tutti i giorni...chi ha ragione?????

Frutta e verdura vanno date bel lavate e asciugate giornalmente. Tutto tranne l'avocado che è tossico.

La lattuga va data con parsimonia poiche un eccesso di questa verdura potrebbe portare alla diarrea.

Posso farli riprodurre fra 2\3 mesi?o e' ancora presto?

Falli riprodurre tra 3/4 mesi. ;)

Link al commento
Condividi su altri siti

Aury ti ha spiegato bene.

Negli uccelli sia fattori esterni, riguardanti l’ambiente, e fattori interni, modificazioni fisiologiche a livello ormonale legati a cambiamenti dell’ambiente, regolano la deposizione delle uova.

Lo stimolo all’ovodeposizione può essere scatenato anche dalla presenza di oggetti inanimati (cui gli uccelli, generalmente pappagalli) si affeziona come se fossero dei partner, per esempio dei peluches, ma anche da oggetti come la cassetta nido. Anche all’interno di coppie, dove, nonostante la presenza del partner, la femmina continua una covata dietro l’altra, e questo problema è tipico anche nei canarini.

Non dobbiamo dimenticare che una continua produzione di uova, anche da parte di un organismo giovane, è un compito molto gravoso che può portare a un generale indebolimento. Il primo problema grave cui si va incontro è l’ipocalcemia (livello troppo basso di calcio nel sangue) che può risultare fatale. Un altro problema è la ritenzione dell’uovo, con quest’ultimo che resta bloccato nell’ovidotto senza essere deposto. Altre patologie sono la malnutrizione, l’osteoporosi e il prolasso dell’ovidotto.

Sarà necessario modificare in senso positivo il comportamento del volatile (sia esso un pappagallo o un canarino) rimuovendo tutta la serie di stimoli e fattori che possono indurre l’ovodeposizione.

Ciao *+++*

Link al commento
Condividi su altri siti

Join the conversation

You can post now and register later. If you have an account, sign in now to post with your account.

Ospite
Rispondi a questa discussione...

×   Pasted as rich text.   Paste as plain text instead

  Only 75 emoji are allowed.

×   Your link has been automatically embedded.   Display as a link instead

×   Your previous content has been restored.   Clear editor

×   You cannot paste images directly. Upload or insert images from URL.

Caricamento...
 Share

×
×
  • Crea Nuovo...