Vai al contenuto

Con Il Cane In Treno


carletta54
 Share

Recommended Posts

Ah perfetto, :bigemo_harabe_net-117: allora magari mi porto il trasportino, fortunatamente abbiamo anche trovato un appartamento dove accettano il cane, è sempre un gran strazio lasciarlo a casa! L´ho fatto una volta, mai più! mi ha rovinato tutti i divani.. che disastro..

Come consiglio, anche per tutti gli altri è sempre quello di informarsi bene prima sul portale ufficiale, sempre iper fornito di info utili su gite ***

Io ad esempio l´anno socrso ho soggiornato in questo hotel,** in valle d´aosta e non fatto problemi se no potete fare una ricerca tramite questo portale, dove ho prenotato la casa questa estate** e mi sono trovata molto bene.

Spero di avervi consigliato bene e Buone vacanze a tutti anche ai nostri bau :bigemo_harabe_net-146:!

Modificato da martyfloo
Da regolamento non è possibile mettere siti pubblicitari
Link al commento
Condividi su altri siti

Dal 1° Ottobre 2004 tutti i cani, che debbono essere movimentati al seguito di viaggiatori in ambito comunitario ed in provenienza dai Paesi terzi debbono :

essere muniti di passaporto come da Regolamento (CE) 998/2003

essere identificati tramite sistema elettronico (trasponditore-microchip)

essere stati sottoposti a vaccinazione antirabbica in corso di validità

In Auto:

consiglio di trasportare i cuccioli e i cani adulti iper-attivi all'interno di un Kennel, mentre per i cani adulti che in auto dimostrano di essere a loro agio è comunque consigliabile l'installazione, all'interno del veicolo, di una sbarra che permetta di separare il cane dal conducente.

In Aereo

Tutte le compagnie aeree consentono, in genere, il trasporto di cani ma ciascuna adotta regole diverse per cui prima di metterci in viaggio è sempre opportuno programmare ed informarsi con largo anticipo (ad esempio sui voli Alitalia può essere imbarcato solo un animale per ogni classe e/o sezione di cabina).

Al momento della prenotazione dovremo comunicare alla compagnia aerea la presenza del nostro amico a quattro zampe. Se la località di vacanza è all'estero dovremo inoltre informarci sulle formalità in vigore nel paese di destinazione: ad esempio in certi Stati l'introduzione di un animale prevede un periodo di quarantena che può arrivare fino a tre mesi (in questo caso forse è meglio evitare a Fido questa traumatica esperienza!).

Come regola generale il nostro cane dovrà essere vaccinato contro le principali malattie e, per ogni evenienza, è opportuno portarsi dietro oltre al libretto sanitario anche un certificato che attesti lo stato di buona salute.

Tutte le compagnie aeree consentono che i cani di piccola taglia viaggino al nostro fianco, in cabina, purché custoditi in gabbie col fondo impermeabile (tali gabbie devono avere dimensioni adeguate per consentire alle bestiole di muoversi comodamente).

Se invece il peso del nostro cane più quello del contenitore supera i 10 kg., l'animale dovrà viaggiare nella stiva: sarà imbarcato dallo scalo merci e viaggerà all'interno di apposite gabbie messe a disposizione dalla compagnia aerea o se previsto all'interno di un kennel di vostra proprietà.

In Nave

E’ escluso che il cane possa accompagnare il proprio padrone nell’effettuazione di una crociera, in quanto tutte le compagnie che effettuano tali viaggi vietano al presenza di animali a bordo, per cui ai cani è preclusa tale tipo di escursione o vacanza.

Diverse sono le modalità per i trasporti a bordo dei traghetti che a seconda che il viaggio sia più o meno breve, possono variare a seconda delle regole che ogni compagnia di navigazione adotta.

Una cosa però le accomuna: tutte pretendono per l’imbarco un certificato di buona salute per cui prima della partenza è bene fare aggiornare il libretto sanitario dal proprio veterinario il quale oltre a certificare lo stato di saluto dell’animale, provvederà a fare quelle vaccinazioni che sono richieste obbligatoriamente nei luoghi di destinazione, siano essi in Italia o all’Estero.

I cani di piccola taglia previo assenso del comandante o suo delegato, possono accedere alle cabine; quelli di media o grossa taglia devono rimanere sui ponti esterni tenuti al guinzaglio e con la museruola indossata. Sulle navi che effettuano traversate più lunghe e generalmente su quelle di più nuova costruzione, esistono sul ponte esterno spazi provvisti di idonei ricoveri e zone dedicate alle normali attività motorie degli animali,mentre in quelle più datate esistono “zone canili” dotate di gabbie per il contenimento e non sempre spazi liberi riservati

IN TRENO

In Italia è consentito il trasporto in treno di cani purché si seguano una serie di semplici regole legate anche al tipo di treno utilizzato per lo spostamento.

Per gli animali di piccole dimensioni , in via generale, il trasporto è gratuito se custoditi in appositi contenitori di dimensioni non superiori a 70x50x30.

Nei treni a scompartimento, i cani di piccola taglia possono viaggiare liberamente accanto a noi, sempre sorvegliati con attenzione e purché i passeggeri dello scompartimento lo consentano, solo in 2a classe, acquistando un biglietto ridotto del 40%.

I cani di grossa taglia, invece, sono ammessi solo se non recano disturbo e sono tenuti al guinzaglio e con museruola, altrimenti, oltre al pagamento del biglietto ridotto, è necessario prenotare l' intero scompartimento.

Link al commento
Condividi su altri siti

Join the conversation

You can post now and register later. If you have an account, sign in now to post with your account.

Ospite
Rispondi a questa discussione...

×   Pasted as rich text.   Paste as plain text instead

  Only 75 emoji are allowed.

×   Your link has been automatically embedded.   Display as a link instead

×   Your previous content has been restored.   Clear editor

×   You cannot paste images directly. Upload or insert images from URL.

Caricamento...
 Share

×
×
  • Crea Nuovo...