Vai al contenuto

Dizionario Eqestre


ela
 Share

Recommended Posts

Ciao a tutti.

La cultura equestre comprende anche l'utilizzo dei giusti termini. Facciamo un giochino dove ognuno può mettere a disposizione degli altri, il giusto ternine per indicare la determinata cosa o azione.

E' importante, e denota una buona conoscenza utilizzare le parole corrette parlando con altri del cavallo. Si fanno anche belle figure.

Sgrido sempre tutti quelli che chiamano gli arti "zampe".

Si chiamano ARTI o GAMBE. Meglio arti. (es. l'arto posteriore sinistro, la gamba anteriore destra)

Avanti con i suggerimenti!!!!!!!

Link al commento
Condividi su altri siti

Forza ragazzi, cosnoscerete qualche termine no?

Siamo messi bene... secondo me dovremmo fare una colletta per regalarne uno a te di dizionario! :bigemo_harabe_net-163:

Ma tornando all'argomento principale... che termini di preciso? Di qualsiasi cosa che riguardi l'equitazione, dai finimenti alle figure del dressage?

Una cosa del tipo:

Si dice ...... quella cosa che serve per...

Link al commento
Condividi su altri siti

Vorrei che fosse chiaro per i neofiti:

le redini sono le due corde che collegano la bocca del cavallo alla nostra mano e non servono per appendervi ma per comunicare con l'equino

la redine non è quella cosa attaccatta alla sella dove ci mettete il piede ma quello è lo staffile con la relativa staffa. (una per parte)

gli zoccoli e i ferri sono indipendenti. Cio non vuol dire che se un cavallo è senza ferri debba essere anche senza zoccoli è semplicemente sferrato non un caso cronico di tarlo o di laminite o di podoflematite o che so io

quoto gli arti/gambe di Ela

il morso è quella cosa che il cavallo ha in bocca, e non la testiera.

Poi se ci penso me ne vengono, vi aggiorno.

PS il cavallo essendo vivo e vegeto scorreggia, non è un momento di euforia totale ma un normale atteggiamento dell'equino quando gli scappa.

Sir Hiss

Moderatori - scorreggia si puo' dire?

Link al commento
Condividi su altri siti

Sir, si poteva dire :emissione gassosa, ma lasciamola lì.

Dai, comincia tu con qualche nozione di livello superiore a staffe e redini.

Qualcosa di utile e quotidiano.

Partiamo pure dalla base.

sei troppo clemente....

Ah un'altra cosa, le briglia! Attenzione cavallanti le briglia sono quelle che usano nel tiro = cavallo + carrozza (Giusto Ela?), noi cavallanti usiamo le redini (vd. sopra il significato)!

Buona notte fanciulle

Link al commento
Condividi su altri siti

Si, si chiamano anche briglie, ma in genere si chiamano redini anche le nostre.

A proposito di "Tiro", Il tiro è una specialitò degli attacchi che prevede l'utilizzo di cavalli pesanti i quali si cimentano nelle prove da lavoro agricolo, tra le quali c'è il tiro. I cavalli da tiro sono quelli da lavoro agricolo.

Lo sport (disciplina riconosciuta e regolamentata dalla FEI) si chiama "Attacchi"; un pò più genericamente, ma più romantico e sicuramente molto corretto è la "disciplina delle redini lunghe".

Si dice invece montare "in briglia", quando si usa una particolare testirea che può montare 2 imboccature contemporaneamente, un filetto ed un pelham. Il cavallo si trova in bocca due imboccature ed il cavaliere ha 4 redini in mano, un paio per ogni imboccatura. Naturalmente deve essere utilizzata da cavalieri esperti che hanno una sensibilità ottima, e sanno quando e come utilizzare ciascuna delle due imboccature. Il segreto stà nel corretto utilizzo delle due imboccature combinate, ed avere una esperienza di lunga data. L'errore è usarne o solo una (spesso si vede gente attaccata al pelham) o senza cognizione di causa.

Link al commento
Condividi su altri siti

A proposito di "Tiro", Il tiro è una specialitò degli attacchi che prevede l'utilizzo di cavalli pesanti i quali si cimentano nelle prove da lavoro agricolo, tra le quali c'è il tiro. I cavalli da tiro sono quelli da lavoro agricolo.

Lo sport (disciplina riconosciuta e regolamentata dalla FEI) si chiama "Attacchi"; un pò più genericamente, ma più romantico e sicuramente molto corretto è la "disciplina delle redini lunghe".

Quindi il tiro è solo il nome di una specialità delle prove da lavoro agricolo... e le altre specialità come si chiamano e in cosa consistono? Illuminaci!

Link al commento
Condividi su altri siti

Le specialità degli attacchi sportivi sono in pratica le stesse del completo montato.

- Dressage (5 giudici) , dove ogni categoria singoli, pariglia (due cavalli affiancati) tiro a 4 (due cavalli di timone, dietro e due di volata, davanti), tandem,(due cavalli uno in fila all'altro), cavalli o pony, effettua un testo composto da circa 20 figure realizzato dagli esperti della FEI (ogni categoria ha il suo testo).

- Maratona, la prova di campagna, con un percorso in tre fasi, la prima di max 8 km, ad andatura libera da effettuare a 15Kmh. di velocita, seguito da max 1000 m. di fase al passo a 7kmh. di velocità, quindi 10 minuti di visita veterinaria, e l'ultima fase con max. 8 ostacoli fissi composti ciascuno da max. 6 porte (a,b,c,d,e,f) alla velocità , fuori dagli ostacoli di 14 Kmh, e la più alta possibile dentro gli ostacoli.

- In fine la prova ad ostacoli mobili, un tracciato di max, 20 porte numerate con possibilità di porte multiple, composto da coppie di coni (tipo coni stradali , quelli arancioni) sovrastati da una pallina da tennis ciascuno, la cui distanza tra di essi è 20cm. superiore alla larghezza della carreggiata della carrozza (che ovviamente è fissata a seconda della categoria), con un tempo limite. Si prendono penalità sia per le palline abbattute che per il superamento del tempo massimo.

Se si fa un completo dura tre giorni (o 4 a seconda di quanti concorrenti ci sono) altrimaneti si fa la combinata (1 giorno) dressage + ostacoli mobili.

Poi ci sono le prove di eleganza o di tradizione. L'eleganza, effettuata attaccando carrozze moderne (tre giudici) valuta pulizia, correttezza dell'attacco, carrozza, finimenti, cavalli ed equipaggio, dapprima da fermi e poi in movimento.

La ttradizione è più o meno la stessa cosa ma fatta con carrozze antiche e tutto deve essere super perfetto in ogni sua parte, inoltre fanno anche una prova di guida con qualche ostacolo mobile ecc... Tutto valutato secondo un rigidissimo protocollo e da giudici esperti di carrozze, e finimenti antichi.

Link al commento
Condividi su altri siti

Buonasera,

Ela ci ha illuminati vagamente di un mondo che credo sia vastissimo.

Allora, mi hai chiesto nozioni di base....

Dunque parto dalla pulizia:

Curasnette/nettapiedi: utensile fatto ad "elle" che serve per pulire i piedi del cavallo , spesso munito di spazzolino per i piu' esigenti.

Brusca e striglia: la brusca è una spazzola più o meno grande di diversi materiali.

Striglia è....

Non ce la faccio lo ripeto troppo spesso..

In ogni caso ci sono milioni di utensili per pulire il cavallo. Da me caldamente viene consigliato l'olio di gomito e inotre ricordo che il cavallo va pulito anche sotto la pancia, tra le gambe, la testa e tutti gli altri posti scomodi.

Il cavallo monta inglese oltre che avere sella (composta da quartiere , arcione, riscontri, paletta... secondo me dimentico qualcosa..), le relative copertine o sottosella (evitano che il cavallo si ferisca con la sella) e testiera (composta da capezzina eventualemente chiudi bocca (x te LadyD), montante imboccatura, sottogola, frontalino e forse qualcosa d'altro... :-) )puo' avere i paracolpi (parastinchi davanti, paraglomi o campane attorno il piede e paranocche dietro - c'è chi lavora con fasce da lavoro) poi puo' avere pettorale serve per tenere la sella al suo posto, martingala, serve per avere una "leva verso il basso" se il cavallo alza la testa.

Inoltre ci sono anche le redini di ritorno ma chiamerei LadyD in merito... ;-) che servono per lavorare il cavallo, in ogni caso sconsiglio l'utilizzo.

Non mi viene in mente altro

Sir Hiss

Link al commento
Condividi su altri siti

Sir Hiss, ti sei dimenticata che utilizzo sempre anche la martingala.. oltre a redini di ritorno, chiudibocca.. e ogni tanto anche stringibocca.. Se no come faccio a fare un bel rollkur?! Altrimenti il cavallo scapperebbe! :rolleyes:

Link al commento
Condividi su altri siti

Certo... e poi quando ti capita di saltare sbarri pure il cavallo... sennò si ferma a saltare 60 centimetri!

L'olio di gomito serve sempre, non solo per la pulizia del cavallo... è ottimo anche per selle e finimenti, box e quant'altro... l'unico problema è che sembra costare troppo visto il numero di persone che lo usa...

Link al commento
Condividi su altri siti

Continuiamo????

i ramponi= sono specie di "bulloni" di varie forme e grandezze che vanno avvitate al ferro dove è praticato un apposito foro filettato. Si impiegano soprattutto nello sport , hanno diverse forme e spessori perchè devono essere applicati a seconda delle condizioni di terreno. Se ne possono montare 2,3 o 4 per ferro a seconda delle scuole di pensiero, del tipo di ferratura e dell'attività che si svolge, senza mai tralasciare la condizione del piede.

Link al commento
Condividi su altri siti

che arterio che ho! Non avevo detto a cosa servono.!!!

Servono per migliorare la presa sul terreno!!!! I vari tipi si applicano, scegliendo quello adatto di vollta in volta, a seconda delle condizioni del fondo e ci vuole una buona conoscenza in materia.

Sorry ragazzi e grazie Mylady.

Link al commento
Condividi su altri siti

Ci sono maniscalchi o cavalieri o guidatori che preferiscono mettere 4 ramponi per ferro anzichè due , per avere migliore aderenza. Al contrario c'è chi sostiene che 4 bloccano troppo il piede a terra ipedendone un naturale eventuale rotazione, dando luogo a distorsioni. Non ho mai approfindito molto la questione, noi ne mettiamo due per ferro ed un mio amico 4.

Link al commento
Condividi su altri siti

Il torcinaso è uno strumento composto da un manico di legno (tipo manico di una mazzetta da muratore. Un grosso martello) alla cui sommità c'è un cappio di corda (un anello di corda). Il cappio va messo attorno al labbro superiore del cavallo , si gira il manico e il cappio attorcigliandosi si stringe , stringendo il labbro.

Serve per immobilizzare i cavalli che non vogliono stare fermi e bisogna usarlo per poco tempo, con cognizione di cosa si stà facendo e bisogna essere capaci di usarlo.

E' un brutto bagaglio che mi fa impressione vedere utilizzare. A volte è necessario per il bene del cavallo, perchè in casi di urgenza bisogna farvi ricorso.

Naturalmente, penso che sia superfluo ripeterlo, ma repetita juvant, quasi sempre si può ottenere l'immobilità usando la famosa pazienza, dedizione e anche astizia, se serve. C'è chi invece di essere paziente e tranquillizzare il cavallo, corre subito a prenderlo, girategli alla larga.

Link al commento
Condividi su altri siti

Ma no! Si usa per farlo stare fermo. A parte il fatto che non vedo come si possa montare e tenere il manico del torcinaso in mano... è un medodo coercitivo, gli fa male, gli strizza il labbro, gli blocca la circolazione del labbro superiore. Forse non mi sono spiegata. Si usa se il cavallo non stà fermo e lo si deve medicare.... , in casi di estrema necessità.

Link al commento
Condividi su altri siti

che schifo sembra una cosa da tortura medioevale...

infatti si usa solo in casi estremi...

Link al commento
Condividi su altri siti

Join the conversation

You can post now and register later. If you have an account, sign in now to post with your account.

Ospite
Rispondi a questa discussione...

×   Pasted as rich text.   Paste as plain text instead

  Only 75 emoji are allowed.

×   Your link has been automatically embedded.   Display as a link instead

×   Your previous content has been restored.   Clear editor

×   You cannot paste images directly. Upload or insert images from URL.

Caricamento...
 Share

×
×
  • Crea Nuovo...