Vai al contenuto

Le Caratteristihe Distintive Dei Cavalli


ela
 Share

Recommended Posts

Guardando i passaporti dei cavalli, vediamo annotate le caratteristiche distintive dell'animale.

Remolini, balzane, manto, liste, beventi eccc.

Ne esistono tantissime varietà.

Cominciando dai mantelli ad esempio che possono essere semplici, a due colori o a tre colori, ci facciamo un ripasso di tutti i segni distintivi e relative spiegazioni?

E' facile chi comincia?

Link al commento
Condividi su altri siti

le balzane sono la cosa più facile direi...e c'è anche la filastrocca...la lilly ovviamente ne ha 3 (cavallo da re...)

Sul sito del portale del cavallo ho trovato un'ottima spiegazione...

Le macchie bianche sulle estremità degli arti si chiamano balzane:

alto calzata se arriva al ginocchio o al garretto,

calzata a metà stinco, piccola se copre il pastorale,

corona se copre solo la corona, traccia se è appena accennata.

Link al commento
Condividi su altri siti

Minù è balzana a quattro......................................e non c'è bisogno di commento...ehh ehh ehh

trovato.

sonodei cambiamenti di direzione del pelo, dello stesso colore del resto del mantello, e possono essere circolari, a spiga, cioè il pelo sempbra appiattito seguendo una riga...ecc..

in più vanno segnati almeno tre punti, di solito..così ho letto... sotto la criniera, nella groppa, e nella spalla.

la lista...sono delle zone di pelo bianco, nella testa, che può avere diverse lunghezze arrivando alle narici, in questo caso si chiama bevente in bianco.

poi abbiamo la palla di neve se è più o meno circolare,tra gli occhi, o la stella se ha i bordi irregolari.

poi c'è la riga mulina, che invece è di colore scuro,molto frequente sul mantello grigio, e appare come una riga nera o grigia scura che parte dalla criniera e seguendo la schiena arriva alla coda.

altri...mmmhh...per ora mi fermo qua...

per i mantelli magari aspettiamo di aver elencato tutti i segni particolari? per non fare un minestrone?

Link al commento
Condividi su altri siti

vedo che siete informate ma andiamo con ordine altrimenti c'è confisione.

Riordinado le cose, abbiamo le balzane.

Per chi non lo sapesse riprto il detto:

Balzano da uno cavallo di nessuno; balzano da due, tira come un bue; balzano da tre cavallo da Re; balzano da quattro, cavallo matto.

Le caratteristiche colorazioni della testa comprendono anche la maschera, "il mascherino", zona di pelo bianco molto estesa che comprende fronte, occhi, tutto il muso e il bevente. Il "bevente in bianco" è la zona di pelo bianco del labbro iferiore.

I remolini sono i giri del pelo. Quei piccoli tornadi che si chiamano anche lecco di bue che fanno cambiare direzione al pelo. I cavalli ne hanno diversi e nei passaporti sono riportati come una caratteristica peculiare.

Ma dei mantelli, ne vogliamo parlare?????

Link al commento
Condividi su altri siti

Parto con i più semplici...mantelli ad un solo colore.

ALBINO: privo di pigmentazione, anche narici e labbra sono chiare. gli occhi sono azzurri. è il cavallo BIANCO per eccellenza.

BIANCO: narici scure e occhi neri...pelo bianco che può essere Argentino,quando è bianco bianco, o Sporco, quando ha sfumature di altri colori.

SAURO: colore anche qua variabile, e francamente molte deff mi confondono. il colore è uniforme,criniera e coda sono dello stesso colore del resto del mantello. le tonalità sono: chiaro,paglino,dorato,scuro, bruciato,ciliegio,bronzino.

MORELLO: nero o tendente al nero. infatti a seconda dell'intensità abbiamo CORVINO, MALTINO,DECISO.anche qua criniera e coda sono dello stesso colore del mantello.

Link al commento
Condividi su altri siti

Mantelli composti a due colori separati

Baio: presenta molte gradazioni ma la regola ufficiale per riconoscere un baio è una: i peli del mantello variano dal rosso rame al marrone chiaro, al dorato sino al marrone molto scuro con crini sempre neri e estremità (gambe e muso) nere e possono frequentemente presentare balzane e macchie bianche. I bai più chiari possono presentare la riga mulina, ovvero una strisca di peli scuri che segue la spina dorsale e caratterizza i cavalli robusti.

Isabella: è un mantello ocra con estremità e crini neri.

Falbo

Sorcino: il mantello sorcino è dato da colorazioni diverse sullo stesso pelo, ma non da peli di diverso colore.

Dun: mantello tipico delle razze del nord europa o della penisola iberica; Il dun può variare dal crema al grigio-argento. Il dun è caratterizzato da estremità scure e, talvolta, dalla riga mulina dalla criniera alla coda. Le varianti più tradizionali sono: Il dun scuro ovvero grigio topo, il dun argentato che è un colore simile a quello della lepre, il dun giallo color limone e il dun dorato ovvero giallo acceso.

Mantelli composti a due colori mescolati

Grigio: detto anche leardo è un mantello formato da peli bianchi e neri mescolati. Il grigio varia dal bianco candido al grigio scuro. Il grigio ferro ha una prevalenza di peli neri e il pelo risulta quasi nero; il grigio chiaro ha una prevalenza di peli bianchi e risulta un colore quasi del tutto bianco; Il grigio tortino è un mantello bianco con ciuffi di peli neri o marroni; Il grigio pomellato mostra delle chiazze più chiare alternate ad altre più scure. La criniera varia dal bianco al nero.

questi si possono distinguere da altri tipi di grigi, in cui lo schiarimento del mantello, avviene progressivamente con l'avanzare dell'età dell'animale. Questi soggetti possono nascere bai, sauri o morelli, ma mai grigi: si schiariscono, man mano che invecchiano, diventando sempre più bianchi.

Ubero: è costituito da peli rossi e bianchi, mescolati più o meno uniformemente.

Mantelli composti a tre colori mescolati

Roano: presenta una mescolanza di peli bianchi, rossi e neri. Il roano regolare ha un'uguaglianza di peli chiari e peli scuri; il roano chiaro ha una predominanza di peli chiari; Il roano scuro ha, invece, una prevalenza di peli scuri; Il roano vino o fragola ha una prevalenza di peli rossi; Il roano piombo o blu ha una prevalenza di peli neri; il roano baio ha una prevalenza di bianco con alcuni ciuffi rossi o marroni.

Palomino: è color oro; esso è formato da 3 colori: neri, bianchi e dorati. I crini sono bianchi o bianco crema. Il colore palomino è caratteristico delle razze americane.

Mantelli a due pelami :

Pezzati

Pezzato

Morello pezzato: pelle grigia e mantello grigio con chiazze nere, criniera o nera o crema

Multicolore: pezze nere e baie

Pezzato baio: pezze baie

Macchiati

I mantelli macchiati hanno un'origine indefinita ma sono tipici di alcune razze americane com l'Apaloosa. I principali tipi di mantello macchiato sono: Il leopard, caratterizzato da un manto grigio o crema con piccole macchie scure ovunque; Il macchiato con coperta ovvero un mantello spesso baio o morello che sulla groppa presenta una chiazza bianca macchiata del colore del mantello; Il marble è caratterizzato da un disegno screziato su tutto il corpo tranne che sulla testa; Lo snow flake caratterizzato da un mantello scuro coperto di macchie bianche; Il frost, con piccole macchie bianche distribuite su un manto scuro.

Questo è quanto sono riuscita a trovare su Wikipedia, mi mancano però due definizioni che proprio non riesco a trovare.. la prima è Falbo so che un mantello composto a due colori separati, ma credo che se non vedrò l'immagine, non riuscirò a capire come è fatto.

Invece per l'altro mantello, so come è fatto, ma non conosco la definizione, si chiama Baskin (non so se scrive così) ed è il mantello di Yuma..

Mantello baskin: Il giallo colore predominante è più scuro di quello isabella , le zampe sono nere/marrone scuro possono essere tigrate, il muso tende a scurirsi in maniera evidente soprattutto altezza narici e bocca, le punte dell'orecchie sono nere, con coda e criniera neri, e la riga mulina marrone scuro..

Eris

Link al commento
Condividi su altri siti

Vorrei precisare su quello che ha scritto Uvetta che il bianco non è un mantello ad un colore...

Cioè il cavallo BIANCO è solo quello albino, cioè con pelle rosa, il bianco descritto è il grigio, anche se apparentemente bianco.....e quindi composto da peli bianchi e neri con pelle nera...

Link al commento
Condividi su altri siti

ah, ecco anche io ricordavo che fosse così, ma non ho detto nulla perchè pensavo di dire una cavolata..

Scusa Uvetta non avevo capito che volevi farlo tu, ho visto che il lavoro era a metà e volevo completarlo..

Perchè non fai una ricerca e ci mostri una foto di un cavallo dal mantello Falbo???

Eris

Link al commento
Condividi su altri siti

Vediamo di mettere un po' di ordine..

ALBINO: privo di pigmentazione, anche narici e labbra sono chiare. gli occhi sono azzurri. è il cavallo BIANCO per eccellenza.

BIANCO: narici scure e occhi neri...pelo bianco che può essere Argentino,quando è bianco bianco, o Sporco, quando ha sfumature di altri colori.

Concordo con Sara.

Inoltre i cavalli albini non necessariamente presentano gli occhi azzurri. Si tratta comunque di albinismo parziale.

SAURO: colore anche qua variabile, e francamente molte deff mi confondono. il colore è uniforme,criniera e coda sono dello stesso colore del resto del mantello. le tonalità sono: chiaro,paglino,dorato,scuro, bruciato,ciliegio,bronzino.

Uvetta, il sauro è un colore che ha di base peli rossastri i diverse percentuali e sfumature (sono queste diversità a definire i vari mantelli bruciato, dorato, ecc). Inoltre non è detto che i crini abbiano lo stesso colore del mantello.

Mantello baskin: Il giallo colore predominante è più scuro di quello isabella , le zampe sono nere/marrone scuro possono essere tigrate, il muso tende a scurirsi in maniera evidente soprattutto altezza narici e bocca, le punte dell'orecchie sono nere, con coda e criniera neri, e la riga mulina marrone scuro..

Buckskin (questa è la denominazione corretta) e isabella.. aggiungerei anche il dun. Qui la cosa si complica notevolmente.

Dunque, nel buckskin il baio è diluito con il crema. Il mantello dun, invece, è la diluizione del baio con, appunto, il dun stesso (all'occhi appare un po' più scuro del buckskin), inoltre si riscontrano dei segni primitivi quali riga mulina, GAMBE (non "zampe"), bordi delle orecchie e muso scurite. Ma dato che così le cose sembrano semplici, le complichiamo ancora un po': esiste anche il mantello gold dun, che è un baio diluito sia dal crema che dal dun. Appare come un po' più chiaro del dun, ma con i tradizionali segni primitivi.

Sorcino: il mantello sorcino è dato da colorazioni diverse sullo stesso pelo, ma non da peli di diverso colore.

non proprio esatto. Un mantello è sorcino se composto da peli grigio scuro (probabilmente sorcino--> da sorcio, colore dei topi) e neri. Se il mantello presenta segni primitivi, si parla di mantello grullo.

Mantelli a due pelami :

Pezzati

Pezzato

Morello pezzato: pelle grigia e mantello grigio con chiazze nere, criniera o nera o crema

Multicolore: pezze nere e baie

Pezzato baio: pezze baie

È conosciuta anche la denominazione overo, tobiano e tovero (misto tra overo e tobiano). Nell'overo generalmente le gambe sono bianche, la coda è di due o tre colori, la testa è scura, le macchie bianche sono meno frastagliate e spesso attraversano la schiena da una parte all'altra. Nel tobiano invece la testa più scura e la coda di un solo colore.

Falbo

È un mantello giallo scuro - rosso. Mi viene in mente il sauro dorato.

Cominciando dai mantelli ad esempio che possono essere semplici, a due colori o a tre colori, ci facciamo un ripasso di tutti i segni distintivi e relative spiegazioni?

E' facile chi comincia?

Ela, forse non è così facile.. :D la genetica dei mantelli è davvero materia affascinante, ma, restando in tema, tra il bianco e il nero ci sono miriadi di sfumature, complicate poi dalle nostre percezioni personali ;o)

Link al commento
Condividi su altri siti

Esiste il "rabicanato", piccole chiazze di pelo bianco, individuato a zone sul manto generalmente sauro. E questo su wi.....dia non c'è.

Questa non voleva essere una corsa ad internet. Avrei preferito sapere quanti manti conosciamo di nostro, per nostra esperienza. Il perchè un baio o sorcino di nascita , diventa poi grigio durante la crescita, il pomellato in cosa differisce dal leardo. Ecc.

Link al commento
Condividi su altri siti

Grazie per le precisazioni...anche se avevo intenzione di chiarire una volta arrivati al mantello grigio, ma in effetti era meglio chiarirlo subito.

quanto all'Albino...quei due che ho visto di persona e ciò che ho letto non erano casi di albinismo parziale e sinceramente non pensavo si dovesse essere così precisi...mi sbagliavo.

stavo pensando...si riesce ad inserire qualche foto dei mantelli più caratteristici?

Link al commento
Condividi su altri siti

Quindi, i mantelli: Isabella, Buckskin, e Dun sono simili ma cambiano le sfumature? uno più chiaro, uno intermedio e uno più scuro? sarebbe possibile mettere delle fote per mostrare le differenze?

Link al commento
Condividi su altri siti

Il Buckskin così come il Dun e Red Dun, sono una selezione genetica derivata anche dal Sorraia, un pony di provenienza portoghese e spagnola molto poco diffusa che presenta un colore grigio, falbo od isabella con una caratteristica riga di mulo, del quale si possono facilmnte trovare tracce nel libri .

Sono selezioni tipiche del cavallo americano e rientrano in categorie di mantelli come il Palomino.

Tanto quanto il palomino sono quindi classificazioni di colore delle quali esistono anche associazioni molto attive

al pari dei libri genealogici . Sui cavalli di oltreoceano non sono molto preparata forse chi di voi frequenta l'ambiente potrà darci una spiegazione un pò più scientifica che è sempre interessante.

Adesso ho poco tempo ma stasera cercherò di postare qualche foto

Penso che sarebbe necessario e molto interessante distinguere i mantelli calssici europei e quelli americani.

Di una cosa sono sicura l'isabella è isabella, il cavallo giallo con gli arti e la coda neri . Il mio primo amore era un isabella e solo per quello ho un affetto particolare per quel colore che onestamente a volte è proprio brutterello.

Link al commento
Condividi su altri siti

A me sono venuti in mente de segni caratteristici:

colpo di lancia: infossatura obliqua dei muscoli del collo, si dice chesia indice di ottimo cavallo di stirpe nobile, ma è giusto un detto.

colpo di accetrta: infossatura del collo davnti al garrese

Link al commento
Condividi su altri siti

Anche quello delle balzane è solo un detto anche perchè io la conoscevo diversa la filastrocca e poi mi sono sempre chiesta che fine aveva fatto il cavallo senza balzane.. cmq era così:"un balzano caval da sovrano, balzano da due forta come un bue, tre balzane caval per le sottane e balzano da quattro cavallo matto..

Quando parlavi di caratteristiche distintive pensavo intendessi quelle che troviamo sui libretti..

ma se andiamo più nel tecnico, posso citare altri dettagli, ma qualcuno poi deve spiegare perchè non trovo più gli appunti che avevo preso da giovane.

Allora il primo che avevo il mente è la forma della testa e del muso del cavallo c'è ne sone di diverse, posso far un es:

la testa del cavallo arabo e la testa del murgese ..

Non mi ricordo i nomi, Ela tu li sai???

Eris

Link al commento
Condividi su altri siti

E' da un po' che non sono presente nel forum... Adesso sono tornata...

Ho trovato interessante questa discussione...

Altre caratteristiche che non sono state menzionate sono: gli zoccoli che possono essere scuri, chiari o striati. Solitamente se le gambe sono scure gli zoccoli sono neri, mentre se sono bianche gli zoccoli sono chiari.

Per completare il discorso sulle balzane volevo aggiungere delle cosette.

Si parla di principio di balzana quando la macchia si trova lungo la corona dello zoccolo, traccia di balzana quando ne interessa solo una parte e balzana dentellata in corona se il margine bianco della corona presenta macchie di colore scuro o nero.

Le balzane si dividono in: piccola balzana (si ferma sotto il nodello); balzana normale (copre tutto il pastorale e si ferma al nodello); la grande balzana (raggiunge metà stinco); calzata ( quando la macchia si estende dallo stinco fino al ginocchio o al garretto);zebrature ( strisce nere che si trovano sulla parte posteriore delle gambe anteriori e sulla parte frontale delle gambe posteriori. Si incontrano più facilmente nei Dun).

Link al commento
Condividi su altri siti

ups, abbiamo perso questa bella discussione tra i meandri del forum :D

Qualcuno aveva chiesto le foto per capire le differenza tra Buckskin e dun. Ecco alcune foto:

Buckskin

dun

Gold dun

Riuscite a cogliere la differenza? Nella seconda, se vedete bene, si notano i segni primitivi, quali la riga mulina sul dorso, le zebrature sulle gambe e il pelo scuro su arti, punta del muso e orecchie.

Bene, tornando in tema: qualcuno magari se la sente di fare una piccola lista sulle macchie bianche, per esempio presenti sulla faccia del cavallo (stella, lista, ecc)?

Abbiamo parlato del mantello dell'appaloosa? Anche qui esistono delle varianti...

E per i mantelli non vi viene più in mente niente?

Quiz: qual'è quel mantello che, oltre al morello, viene accettato nello standard dei murgesi? Non vale andare a spiare in internet!!! :D

Link al commento
Condividi su altri siti

Join the conversation

You can post now and register later. If you have an account, sign in now to post with your account.

Ospite
Rispondi a questa discussione...

×   Pasted as rich text.   Paste as plain text instead

  Only 75 emoji are allowed.

×   Your link has been automatically embedded.   Display as a link instead

×   Your previous content has been restored.   Clear editor

×   You cannot paste images directly. Upload or insert images from URL.

Caricamento...
 Share

×
×
  • Crea Nuovo...