Vai al contenuto

Trasloco: Come Comportarsi?


Lorella
 Share

Recommended Posts

Probabilmente dovrò cambiare casa. Ho due gatte, che già conoscerete perchè ne ho parlato ovunque in questo sito. Comunque una ha 15 anni e mezzo e si chiama Marty, l'altra di 5 e si chiama Ginger.

So che il gatto ama il posto dove vive da sempre, si crea insomma il cosiddetto territorio. Siccome è facile che andremo a vivere alla casa al mare, con giardino, mentre ora stiamo in appartamento con balcone, dovrò sicuramente far alzare e di parecchio il muro di cinta e mettere reti ai cancelli.

Cosa mi consigliate x rendere meno traumatico il distacco dall'ambiente dove le "bimbe" hanno vissuto? Avranno ripercussioni sulla salute? Se c'è qualcuno che ha avuto esperienze del genere, m può venire incontro? Grazie a tutti anche da parte di Marty e Ginger. Lorella :bigemo_harabe_net-102: Pianto di chi deve lasciare la vecchia casa!!!

Link al commento
Condividi su altri siti

ciao Lorella!

12 anni fa abbiamo traslocato da un appartamento a una casa in campagna con grande giardino e la mia micia (che ora non c'e' piu') all'inizio per circa una settimana e' stata nella sua cesta, piuttosto incavolata. poi ha scoperto che aveva tutto un mondo da esplorare e si e' ambientata bene.

diciamo che in due settimane tutto si e' risolto. la mia ella aveva 10 anni quando abbiamo traslocato e per altri 8 e' stata con noi!

Link al commento
Condividi su altri siti

IO con i miei 3 gatti feci due traslochi e l'unico che ne ha risentito è stato Paco che per giorni stava rintanato da qualche parte uscendo solo per mangiare...gli altri due non ne hanno sofferto più di tanto, bene o male c'erano i loro odori e poi i nuovi odori li avevano già sentiti durante i nostri andirivieni fra la casa vecchia e la casa nuova...certo un pochino di tempo per ambientarsi bene lo fanno tutti, ma almeno per quanto riguarda i miei mici, niente di traumatico. Buon Trasloco!!!!!

Link al commento
Condividi su altri siti

I gatti "moderni" si affezionano molto di più al proprietario rispetto a quelli di 20 anni fa... il loro comportamento si è modificato notevolmente, e comunque la castrazione per i maschi e la sterilizzazione per le femmine li rende molto meno attaccati al territorio.

Ti consiglio di portare con te e sisemare in una stanza le loro ceste, ciotole, giochini. Lì metterai i gatti per i primi due-tre giorni. Limitare il loro accesso alla nuova casa gli consentirà di ambientarsi piano piano senza andare a nascondersi dappertutto. Una volta che ti sembrano tranquilli nella "loro" stanza puoi aprire la porta e lasciare libero accesso alla casa. Per l'accesso al giardino lascerei passare 10-15 giorni dal trasloco, poichè, come mi è sembrato di capire, vivono in appartamento. Restando in casa avranno il tempo di familiarizzare con gli odori ed i rumori del giardino e crearsi una mappa "olfattiva" e "sonora" della loro nuova casa. Per i primi tempi falli uscire sotto la tua sorveglianza e lascia la porta aperta in modo che possano subito rientrare in caso di improvvisi spaventi.

Di solito il trasloco non è così traumatico e quando scoprono le possibilità del giardino...

VEDRAI LA CONTENTEZZA!!!

Antonella

Link al commento
Condividi su altri siti

Join the conversation

You can post now and register later. If you have an account, sign in now to post with your account.

Ospite
Rispondi a questa discussione...

×   Pasted as rich text.   Paste as plain text instead

  Only 75 emoji are allowed.

×   Your link has been automatically embedded.   Display as a link instead

×   Your previous content has been restored.   Clear editor

×   You cannot paste images directly. Upload or insert images from URL.

Caricamento...
 Share

×
×
  • Crea Nuovo...