Vai al contenuto

Le Difese Del Cavallo


Recommended Posts

ahi, ahi... mi sa che questo potrebbe diventare un topic chilometrico.... :bigemo_harabe_net-134:

Dunque, dunque.... i cavalli purtroppo non hanno il dono della parola ("per fortuna" potrebbero pensare i cosiddetti cavallari...), ma ci fanno capire benissimo quando una cosa non gli va/gli fa male/gli dà fastidio/gli fa paura.

Proporrei di iniziare ad elencare le varie difese del cavallo, per poi trattarle magari ad una ad una... che ne dite? ;o)

Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
  • Risposte 73
  • Created
  • Ultima Risposta

Top Posters In This Topic

penso che il mio non abbia di questi problemi o perlomeno con me...

Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Beh...direi in linea di massima che abbiamo:

Morsi calci e rampate...impennate sgroppate e smontonate e scarti...

Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

... le fughe, le stoppate improvvise, l'allontanamento dal pericolo tramite passi laterali o indietreggiamenti, le schiacciate (contro il muro per esempio), l'avvicinamento al ciglio delle strade...

vogliamo metterci anche i segnali che anticipano una difesa?

Del tipo orecchie schiacciate indietro, muscoli tesi, mascella contratta, zoccolo sbattuto per terra, "sguardo da suocera", sbuffi,......

Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Si penso sarà proprio un bel topic questo :D

Inizio con un po' di esperienza personale, così magari mi dite cosa ho fatto bene e cosa ho fatto male e mi consigliate.

Morsi, mi son beccata un paio di morsetti andando a stringere il sottopancia, è un vizio che hanno insegnato le bimbe troppo irruente alla "mia" cavallina, Barbie, così ogni volta che andavo a toccar le fibie, senza stringere e nulla lei sapendo già cosa l'aspettava, si girava e mordeva sul braccio. Con me l'ha fatto giusto un paio di volte, mi è bastato sgridarla con un semplice "Ehi" o un richiamo del suo nome, al che lei mi guardava e quando le sue orecchie smettevano di essere indietro me la coccolavo e riprovavo con più calma e devo dire che non l'ha fatto più con me perchè ha capito che non le faccio male.

Per quanto riguarda gli scarti, diciamo che ci sono "abituata", al maneggio dove vado io preferiamo montare fuori anche se pioviggina o c'è vento (accade spessissimo che ci sia vento anche molto forte) perchè il campo è almeno il doppio di quello al coperto e cerchiamo di usarlo il più possibile. Quindi capita che quando ci sia vento, per un nonnulla, un fruscio di foglie, un ramo che sbatte, la carta colorata che sta attorno alle barriere degli ostacoli che fischia, o anche una macchina che passa in strada, insomma qualunque cosa, il cavallo scarti verso l'interno passando al galoppo da una qualsiasi andatura precedente. Ho imparato a prendere questa reazione con normalità, del tipo "io la capisco la situazione, tu no, io devo tranquillizzarti e farti capire che non è niente", quindi seguo il galoppo per un paio di tempini, rallento dolcemente sino a tornare all'andatura a cui ero precedentemente e appena lo fa accarezzo il cavallo e gli parlo per tranquillizzarlo.

Simile ma un po' diverso per i passi indietro o le stoppate improvvise. Questo mi è capitato solo con una cavalla, Lisa G., una bellissima grigia un po' pestifera, semplicemente però è che non lo fa in particolare in prossimità di qualcosa che la spaventa, ma un po' per capriccio o perchè all'improvviso ha trovato "un'importantissima" foglia da annusare :P

In questo caso solitamente gambe e una carezza sul collo per tornare ad avanzare.

Discorso invece diverso per le sgroppate. Anche questo, mi è successo solo con Lisa, è il suo modo per esprimere felicità mi hanno detto oppure, se capisce che ti spaventi, come modo per smettere di lavorare. E su questo devo imparare ancora... perchè le sgroppate a cui ho assistito da sopra con lei non so come, per istinto e per fortuna, mi sono buttata indietro con le spalle evitando così di cadere in avanti, però spaventata, la fermavo o la mettevo al passo. Mi hanno spiegato poi che a volte se ne approfitta un po' e dovrei farla continuare a lavorare invece che farle capire che "sgroppata" è uguale a "smetto di lavorare.

Pareri e consigli a voi :P

Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Bene, ora penso che siano tutte... perché non proviamo a trattarne una alla volta?

Proporrei di iniziare dalla prima: il morso!

Vi è mai capitato di trovarvi a che fare con un cavallo che mordeva? Cosa avete fatto? Cosa bisogna fare e cosa no?

Grazie Eloin per averci parlato della tue esperienza!! ;o)

Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Alle mie prime esperienze di lezione montavo un criollo che come infilavo il piede nella staffa si girava e mordeva. Già non ero ben sicura e lui di certo non mi aiutava. A olte mordono quando gli si stringe il sottopancia. Mi è capitato di dovere risolvere il probblema morso solo ultimamente con un 4 anni che si infastidisce quando gli tocco la grassella. Ogni giorno dopo averlo spazzolato (e non fa niente se lo spazzolo) lo accarezzo partendo dala groppa e gli parlo e quando si gira (non è aggressivo, è solo infastidito) gli dico no con calma continuando ad accarezzarlo. Vedo che funziona. Per fortuna lui dve solo abituarsi ad essere toccato dappertutto.

Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
Non mi sono mai trovata di fronte a cavalli che mordono... una domanda stupida.. un morso fa tanto male? perchè ricordo che i miei da piccola mi dicevano di stare attenta quando andavo al maneggio, in quanto a mio zio gli avevano staccato un dito! mi hanno a dir poco...sconvolta...[/i]
Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Patu dipende da che morso è....un morsettino è un pizzicotto...ma alcuni morsi ti fanno anche sanguinare...

Io sto lavorando con una cavalla che le fa tutte...morde..calcia...rampa...di tutto...

Per correggere il vizio di mordere bisogna vedere con che cavallo si ha a che fare...e che tipo di morsi sono...se per giocare o con aggressività.

A volte basta alzare un dito e dire NO...altre volte do anche schiaffettini sul muso....ma con i cavalli insistenti mi armo di pistolina ad acqua...tempo una settimana e non hanno più il vizio!

Comunque può sempre capitare di beccarsi un morso, soprattutto se non ascoltiamo il cavallo quando ci parla...

I cavalli che non segnalano con il corpo prima di mordere sono solitamente cavalli sempre ignorati...e quindi saltano il passaggio dell'avvertimento perchè l'uomo gli ha insegnato che era inutile che avvertisse il suo disagio...

Esempio tipico:

un cavallo da maneggio che soffre il solletico...le prime volte tirerà le orecchie indietro, ma siccome ci sono molti principianti tutti ignoreranno questo comportamento...quindi lui passerà a mordere e, andando avanti con il tempo non tirerà più le orecchie indietro, ma morderà non appena si tocca...

Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Nel maneggio che vado c`é un cavallo che continua a scalciare , sopratutto nel maneggio ma nelle passeggiate mai visto !!!

Credete che é un vizio questo ?

Poi non dimentichiamoci la lotta contro cavallo- cavallo , li sopratutto sono stalloni che lottano , succede di tutto ...... :bigemo_harabe_net-132:

Dovremmo fare delle foto per verificare bene cosa succede in situazioni cosi !

Che ve ne pare ??? :bigemo_harabe_net-130:

Prencer

Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

In maneggio mi è capitato di montare un castrone buonissimo ma che, evidentemente, ha qualche antipatia particolare verso un paio di cavalli... a volte durante un sorpasso, o incrociandoli, appiattisce le orecchie e tende il collo in avanti e mi aspetto che da un momento all'altro scatti per mordere... una delle istruttrici mi ha confermato che ha questo vizio... come dovrei comportarmi? Più che altro ho paura che se fa qualche movimento brusco io possa sbilanciarmi e cadere, non mi sento ancora così sicura col mio equilibrio in sella... cosa dorvrei fare per evitare che il cavallo passi dalle minacce ai fatti?

Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
cosa dorvrei fare per evitare che il cavallo passi dalle minacce ai fatti?

quando li incontri passa un po' più lontano....

La mia cavallina non ha mai morso però quando riceve molti vizi(come carote,catalogna,mele ecc. troppo spesso) non mi piace il suo comportamento perchè è sempre lì col naso a cercare e a volte fa come il gesto di mordere.

Per evitare faccio periodi lunghi senza portarle nulla da mangiare e poi cerco di dargli qualcosa massimo una volta alla settimana in modo che perda il vizio.

Solo che dopo il lavoro mi piace premiarla...e poi..a quegli occhi da tenera golosona è difficilissimo resistere... :bigemo_harabe_net-146:

Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Bene, ricapitolando (le risposte sono tratte dai vostri post), per quel che riguarda i morsi possiamo dire che:

- può essere dovuto:

  • da un fastidio
  • da un dolore
  • dalla paura/per difesa
  • da un vizio
  • da una sfida, ovvero un tentativo di surclassarci nella gerarchia
  • ALTRO??
- sistemi usati per far sparire il vizio:
  • pistola ad acqua
  • sgridata ("no" secco)
  • sberlotto
  • allontanarsi dagli altri cavalli
  • non dare più da mangiare dalle mani
  • non si fa niente poiché il cavallo ha agito per paura, per difendersi
  • ALTRO??
Se ho dimenticato qualcosa vi prego di inserirlo...

Qualche commento? Pro o contro alle diverse cause/reazioni?

Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

guardando il post mi è tornata in mente una scena pazzesca alla quale ho assistito. Cavalla molto nevrile caduta sul van stacca dito di colui che tenta di sganciare il gancio della corda alla quale era legata ai due venti per consentirle di alzarsi. Ovviamente è stata una reazione di terrore seppure il tutto sia avvenuto a van fermo durante l'operazione di discesa dei cavalli fatta in tutta calma.

La paura scatena questo tipo di reazione e non ci si può fare niente tranne che cercare di evitare una situazione del genere per quanto possibile. Se sono vizi, giustamente, cercare di non alimentarli "tipo" se mordi per avere lo zuccherino non te lo do più.

Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
guardando il post mi è tornata in mente una scena pazzesca alla quale ho assistito. Cavalla molto nevrile caduta sul van stacca dito di colui che tenta di sganciare il gancio della corda alla quale era legata ai due venti per consentirle di alzarsi. Ovviamente è stata una reazione di terrore seppure il tutto sia avvenuto a van fermo durante l'operazione di discesa dei cavalli fatta in tutta calma.

La paura scatena questo tipo di reazione e non ci si può fare niente tranne che cercare di evitare una situazione del genere per quanto possibile. Se sono vizi, giustamente, cercare di non alimentarli "tipo" se mordi per avere lo zuccherino non te lo do più.

Non posso che essere d'accordo con te: ho aggiunto alla lista sopra quanto da te suggerito.

Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

il reale problema sta nel capire se le difese in generale sono un vizio,una presa di posizione o un fastidio,disagio del cavallo...

Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Esatto!! E questo bell'intervento di martina ci porta al prossimo tema:

Come il cavallo esprime il suo disagio, ovvero i segni che prevengono la difesa. Possono essere:

- orecchie indietro

- sguardo "cattivo"

- mascella contratta

- muscoli tesi

- abbassamento della testa e muso in avanti

- sbattere lo zoccolo per terra con forza

- ALTRI??

Come ci si comporta in casi simili secondo voi?

Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Si cerca di capire da cos'è dovuto il disagio del cavallo...

E qui le cose possono essere mille...

-fattori esterni

-dolori fisici

-fastidio o paura di noi e del nostro lavoro

E per queste tre categorie generali ci sono moltissime situazione e altrettante soluzioni diverse.

Per esempio fattori esterni:se il cavallo sente un rumore si può spaventare e allora bisogna fargli vedere da dove viene il rumore che lo infastidice;moschini,zanzare ecc.spece a fine stagione possono innervosire i cavalli a tal punto da scalciare a destra e a manca anche colpendoci laddovè non c'è il rispetto.

Insomma,per ogni situazione varia il comportamento anche se in linea di massima se il cavallo va in difesa per paura bisogna permettergli di annusare,vedere,toccare in modo che si renda conto che può stare tranquillo.

Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

approposito di difese...

ieri è arrivato un cavallo nuovo in maneggio...

oggi l'ho visto è un cavallo stupendo di 6 anni, mi hanno detto che faceva sapete quelle gare schifose di galoppo che saltano delle siepi? ecco quelle...

be praticamente sto cavallo mi hanno detto che è ingestibile, nn puoi togliergli la coperta xche' scalcia di brutto, nn puoi pulirlo perche' appena vede una spazzola impazzisce, scalcia e morde, nn puoi accarezzarlo perche' ti staccherebbe un dito.

mi ha detto il mio istruttore che siccome è giovane si puo' recuperare, si puo' riaddolcire...

penso solo alle botte che puo' aver preso per aver perso la fiducia nell'uomo in questa maniera.

secondo voi si potrà veramente recuperare o è soltanto un sogno?

Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Ancora una volta mi trovo d'accordo con Martina

Nina, penso che con un buon addestramento, tanta pazienza, regolarità, precisione e coerenza, si possa sempre fare qualcosa ;o)

Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Tornando ai morsi: mi è capitato alcune volte, che mentre pulivo il mio pony lui si girasse e cominciasse a mordicchiarmi la maglia. in seguito ho scoperto che questa cosa è dovuta da un istinto naturale: avete presente quei momenti in cui due cavalli si puliscono a vicenda mordicchiandosi sulla schiena? bhe, è la stessa cosa, io stavo pulendo la schiena al pony, e lui di rimando mi puliva, eliminando eventuali sporcizie di una recente rotolata in paddok!

questo comportamento non è assolutamente da confondere con morsi fatti per cattiveria o altro, è solo un modo per ricambiare il favore fattogli! :bigemo_harabe_net-104:

Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

per quanto riguarda i segnali quoto martina. stabilito il motivo del disagio vi si pone rimedio. se occorre con pazienza se occorre (in caso di dolori ecc) con l'aiuto del veterinario o chiedendo consiglio all'istruttore.

per informazione di nina le gare di galoppo con le siepi si chiamano steeple chase

Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

a ok grazie, ma le stipple chase ho letto sul dizionario di inglese che si intendono anche il salto ostacoli...

Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Join the conversation

You can post now and register later. If you have an account, sign in now to post with your account.

Ospite
Rispondi a questa discussione...

×   Pasted as rich text.   Paste as plain text instead

  Only 75 emoji are allowed.

×   Your link has been automatically embedded.   Display as a link instead

×   Your previous content has been restored.   Clear editor

×   You cannot paste images directly. Upload or insert images from URL.

Caricamento...

×
×
  • Crea Nuovo...