Vai al contenuto

Diamantino Di Gould Maschio


manuminds
 Share

Recommended Posts

Il mio diamantino di Gould maschio (che rallegra continuamente le mie giornate con il suo canto armonioso) questa mattina mi ha sorpreso perchè continuava a saltellare come un matto! Lo ha fatto anche dopo qualche ora e non capisco perchè!

Cosa può significare? Aiutatemi..

Link al commento
Condividi su altri siti

Un volatile che presenta qualche patologia lo si riconosce dai seguenti sintomi:

- scarsa vivacità: resta in un angolo appartato della gabbia;

- è inappetente oppure è colto da fame eccessiva;

- la sete è ardente

- le piume sono arruffate e le ali vengono tenute cadenti;

- il respiro è affannoso, rumoroso e a becco aperto;

- starnutisce, tossisce e ha scolo dal naso;

- tiene semichiusi gli occhi, gonfi e cisposi;

- le zampe sono gonfie e arrossate;

- i movimenti sono scoordinati;

- resta appallottolato con la testa sotto l'ala;

- ha diarrea e le feci gli imbrattano il sottocoda;

- il ventre è gonfio, duro e arrossato;

- ha difficoltà di evacuazione, le feci sono molto dure;

- dimagrisce rapidamente;

- ha perdita anormale di penne e piume.

Questi in linea di massima sono i sintomi che avvisano di qualche patologia in corso. ;)

Link al commento
Condividi su altri siti

Non so bene come mettere le foto, comunque il maschio ha la testa rossa con il petto bianco e la femmina ha la testa rossa/viola e il petto viola.. con i colori un po' più spenti!

L'altro maschio che è morto aveva la testa nera e il petto viola.. era stupendo!!

Link al commento
Condividi su altri siti

mi dispiace tanto per l'altra coppia, l'importante adesso è prendersi cura al meglio di questa coppia.

Hai pensato a farli riprodurre?

Per quanto riguarda le foto, puoi creare un album online su virgilio o yahoo (se hai un indirizzo di posta su uno dei due) e inserire le foto e poi postare qui il link dell'album. ;)

Link al commento
Condividi su altri siti

Mi piacerebbe tanto farli riprodurre e pensavo proprio di provare a mettere il nido non appena la temperatura saliva un pochino (ho letto che i piccoli dovrebbero avere una temperatura esterna di 25°). In casa arriva a malapena a 20° (siamo fuori tutto il giorno)

A dir la verità avevo spostato la coppia sana nella nuova gabbietta per qualche tempo ma poiché è molto più piccola rispetto alla gabbia di legno (quella di legno è alta quasi un metro e di diametro 50) li ho trasferiti di nuovo dopo un'accurata pulizia.. non pensi sia una buona idea? Il veterinario non ha sollevato particolari obiezioni in merito.. Bhò? che faccio? Cmq non c'è dubbio che la gabbietta in plastica è molto più comoda e di facile pulizia.. ogni volta che devo cambiare le pappe o pulire sotto mi tocca entrare con le braccia e i diamantini si spaventano e volano dappertutto.. oltretutto non sono convinta che faccia molta differenza la gabbia più grossa.. se ne stanno quasi sempre sullo stesso posatoio in alto.. non è che svolazzano qua e là! Cosa mi consigli? Grazie davvero per la tua disponibilità!!

Link al commento
Condividi su altri siti

La gabbia di legno come ti avevo già detto è un ricettacolo di parassiti, si può pulire solo con acqua, non si può usare nessun tipo di disinfettante necessario per eliminare tutti i batteri e soprattutto gli acari, e in più non facilita le manovre della pulizia quotidiana, per le quali immagino farai numeri da contorsionista, facendo spaventare i diamantini e diventando pazza tu....quindi meglio per il momento trasferirli nella gabbia nuova (di plastica?? solo il fondo di plastica, le sbarre immagino siano di ferro zincato..), più piccola ma più comoda e funzionale.

Il diamante di Gould tende purtroppo in cattività a mantenere la cronologia riproduttiva australe e quindi a nidificare nell’autunno-inverno europeo, si può comunque tentare la riproduzione anche nel periodo primaverile. Il materiale da costruzione da fornire agli uccelli deve essere molto vario poichè ogni individuo manifesta delle proprie preferenze. Alcune coppie imbottiscono troppo sommariamente il nido (il nido deve essere di quelli a pera) e quindi deve intervenire l'allevatore. La covata comprende di solito da 4 a 8 uova (in qualche caso addirittura sino a 12) che i genitori covano a turno per 14-16 giorni. I piccoli abbandonano il nido dopo 22-24 giorni e divengono autosufficienti a 35-45 giorni di età Alcune femmine si dimostrano cattive riproduttrici: diviene quindi necessario affidare uova e piccoli a coppie di passeri del Giappone che fungano da balie.

altre info su diamanti di gould, alimentazione e riproduzione

;)

Link al commento
Condividi su altri siti

Grazie di tutte le informazioni! Penso proprio che trasferirò i diamantini e speriamo che la suocera non se ne accorga! Magari sulla gabbia di legno posso mettere degli uccellini meno delicati? Tipo canarini? Mi spiacerebbe molto non usarla proprio più, è bellissima e molto grande...

Link al commento
Condividi su altri siti

Magari sulla gabbia di legno posso mettere degli uccellini meno delicati? Tipo canarini? Mi spiacerebbe molto non usarla proprio più, è bellissima e molto grande...

Mi dispiace, ma le gabbie di legno non sono adatte per nessun tipo di volatile, soprattutto perchè si formerebbero parassiti e acari impossibili da sconfiggere solo con acqua, visto che non si può disinfettare una gabbia di legno con candeggina o altri disinfettati.

Io sono sicura che sia bellissima, ma ti consiglio di farla diventare solo parte dell'arredamento e di non introdurre nessun uccellino al suo interno, ti dico questo per evitare che altri uccellini facciano la stessa fine della coppia dei diamantini di gould. ;)

Link al commento
Condividi su altri siti

Ok, peccato! Venerdì ho fatto traslocare i due diamantini ed è stata una bella impresa prenderli! Adesso se ne stanno quieti sulla nuova piccola gabbietta.. il maschietto non canta più ma forse deve solo abituarsi?!? Speriamo! Ho pensato di aspettare questo autunno per mettere il nido.. quand' è che posso metterli all'aperto? con quali precauzioni?

Grazie ancora di tutto!

Link al commento
Condividi su altri siti

Ciao! Allora, se li hai trasferiti nella nuova gabbia da poco, il maschio deve ancora abituarsi alla nuova sistemazione quindi non preoccuparti. I sintomi di malessere te li ho descritti, solo in quei casi è bene contattare il vet aviario.

Per quanti riguarda la riproduzione, puoi provare anche in questo periodo, il nido che devi fornire è quello di tipo a pera (a loro più gradito ma scomodo per controllare la situazione dei pulli e soprattutto scomodo da pulire) ma puoi fornire anche un nido del tipo a cassetta (più funzionale e facile da pulire). Oltre al nido fornisci anche del materiale per l'imbottitura, come piccoli rametti di legno (es. di salice) e striscioline di stoffa (es.iuta).

L'alimentazione deve comprendere, oltre al misto per esotici, spighe di panico, osso di seppia, mattonella di sali minerali, pastoncino all'uovo (che nel periodo riproduttivo può essere offerto anche tutti i giorni), semi germinati e metti a disposizione anche del pastoncino per insettivori.

La gabbia può essere spostata all'esterno quando la temperatura all'interno della casa è quasi uguale alla temperatura esterna, così da non fargli subire un violento sbalzo di temperatura. (Non spostare però in continuazione la gabbia dentro/fuori la casa, perchè gli sbalzi di temperatura sono nocivi alla salute dei volatili)

All'esterno della casa cerca di metterli in un luogo riparato, lontano dalle correnti d'aria e dagli altri fenomeni atmosferici, quali la pioggia. ;)

Link al commento
Condividi su altri siti

Join the conversation

You can post now and register later. If you have an account, sign in now to post with your account.

Ospite
Rispondi a questa discussione...

×   Pasted as rich text.   Paste as plain text instead

  Only 75 emoji are allowed.

×   Your link has been automatically embedded.   Display as a link instead

×   Your previous content has been restored.   Clear editor

×   You cannot paste images directly. Upload or insert images from URL.

Caricamento...
 Share

×
×
  • Crea Nuovo...