Vai al contenuto

Gatta Madre...dubbi


ruenmolag
 Share

Recommended Posts

Ciao a tutti..prima di tutto mi presento sono Andrea 23 anni e mi sono appena iscritto.

Ho 2 gatti ed un cane...

La mia gatta femmina di 1 anno non sterilizzata è tornata con noi dalle vacanze estive con una bella sorpresina nella pancia :-) e ieri sono nati 5 gattini. I miei dubbi nascono dal fatto che la gatta finora ha passato tutto il tempo con loro..ma ogni tanto si alza, esce dal rifugio dove custodisce i piccoli e va a mangiare. Poco fa invece l'ho trovata sdraiata a rilassarsi nel corridoio. Prontamente l'ho presa in braccio e ricordandole che aveva 5 figli l'ho rimessa assieme a loro. Mi chiedo..è possibile che si dimentichi di loro oppure questo allontanarsi e star sola per un po' è normale? e soprattutto è dannoso per i gattini rimanere senza la madre vicino?

Quando lei è con loro allatta senza sosta anche se alcuni faticano un po' a trovare il proprio "spazio latte". Ogni tanto sento qualche miagolio..ma nulla di preoccupante.

La gatta inoltre ogni tanto esce..miagola un po' poi torna con loro quasi volesse la mia attenzione.

Sapete dirmi qualcosa?

Link al commento
Condividi su altri siti

Ciao benvenuto. Secondo me è normale che la gatta esca ogni tanto dalla cuccia, vorrà rilassarsi. Se i gattini non miagolano più di tanto, qualche miagolio e normale, e sono tranqulli io non mi preoccuperei.

Se la gatta per il resto sta bene, probabilmente miagola ogni tanto perchè vuole coccole.

Tienici informati e se hai altre domande, siamo qui

Link al commento
Condividi su altri siti

Ciao! Grazie della gentile risposta. La mia paura piu grande era che la mia gatta non fosse una buona madre, so che a volte le gatte si disinteressano dei piccoli o li curano male. Sono 5 gatti e la mia preoccupazione, finora è che tutti vengano allattati. Sembrano tutti in salute e ci rimarrei male se qualcuno non dovesse farcela..

Link al commento
Condividi su altri siti

Guarda, se un cucciolo non viene allattato te ne accorgi perchè in genere piange molto.

Sì, a volte può succedere che le gatte non siano brave madri, specie se al primo parto, ma te ne accorgeresti perchè c'è proprio un continuo disinteresse della gatta nell'accudire i piccoli.

Se vuoi metti le foto di mamma e cuccioli nella sezione "i nostri mici" così li possiamo ammirare

Link al commento
Condividi su altri siti

Ciao! Sai la paura era che potesse "dimenticarsi" di avere i piccoli... invece mi rendo conto di quanto sia straordinario l'istinto dei gatti che pur senza aver mai avuto esperienze simili sanno fare gia tutto...

A volte mi avvicino per vedere se tutti mangiano, non vorrei mai che qualche gattino sovrastato dagli altri non riesca ad avere il latte e rimanga indietro :rolleyes:

Link al commento
Condividi su altri siti

sei molto dolce e premuroso ... :bigemo_harabe_net-104:

ti capisco, anche io controllavo sempre, e a volte indirizzavo qualcuno che si "perdeva" ... ho notato come la madre piangeva per avere coccole ogni qualvolta allattasse e si tranquillizzasse con le mie mani.... e poi esattamente come dici tu, ci siamo stupiti anche noi di quanto sia stata brava pur on avendolo mai fatto prima... l i stinto!

però appena è nata la prima ammetto che amalasunta la guardava in modo strano e si sentiva spaesata!!

Link al commento
Condividi su altri siti

Adesso comincia a pensare alla sterilizzazione della mamma gatto e anche dei mici, non appena svezzati. I gatti non possono essere dati in adozione prima di 2 mesi e mezzo -3 mesi.

Una gatta non sterilizzata arriva a fare in 10 anni di vita ben 5000 gattini e non mi pare il caso di aumentare la popolazione di randagi.

Inoltre in questo periodo in caso di adozioni, evita di far adottare i gattini se sono neri, potrebbero fare una brutta fine.

se hai bisogno di CONSIGLI su come fare l'adozione, chiedi pure.

LA STERILIZZAZIONE

La questione si ripropone imperiosa ogni primavera, quando "maturano" i micini dell'anno prima ed i padroni si ritrovano a fare i conti con le femmine che "cantano" (più di uno me ne sono visto arrivare in ambulatorio angosciato, convinto che la sua adorata micina avesse contratto una malattia dall'esito sicuramente fatale) e maschi che, poco simpaticamente, cominciano a schizzare di urina fetida gli angoli di casa.

E' giusto sterilizzare il gatto? Non gli si provoca una crudele mutilazione? E' vero che dopo ingrassa? Qual'è l'età giusta per farlo? Non cambia carattere? Le femmine non devono avere almeno una gravidanza?...

Queste sono le domande più frequenti che mi avete posto, vediamo di rispondere con ordine.

Il gatto sterilizzato, sia maschio che femmina, vive in piena serenità: semplicemente, non pensa più al sesso; nessun'altra componente del suo carattere viene alterata, tornerà il micio di prima ma senza l'ossessione di istinti riproduttivi che subiscono, nei nostri gatti di casa, la frustrazione di non poter essere soddisfatti. La femmina, se anche ha partorito una volta, al calore successivo andrà in smanie allo stesso modo; il maschio, se anche si accoppia una volta, forse ancora di più soffrirà di non poterlo fare in seguito.

Non è più crudele lasciare un animale "intatto" ma impedirgli di accoppiarsi piuttosto che sterilizzarlo e togliergli il pensiero?

Per la femmina, per di più, c'è proprio un problema di carattere organico che vedremo fra un attimo. Ma intanto pensiamo ad una gatta, tipo la classica gatta di cascina, che viene lasciata libera di accoppiarsi quando vuole: questa micia può fare tranquillamente due figliate all'anno, in genere di quattro gattini l'una. Anche ammettendo una certa mortalità naturale, volete farvi il conto di quanti gattini fanno in dieci anni?

E ammettendo che la metà siano femmine, e che queste possano partorire l'anno dopo la loro nascita, avremo una crescita della popolazione felina assolutamente intollerabile!

In genere la gente di campagna non va per il sottile e si limita ad uccidere una certa quota di gattini neonati, ma questa pratica spero bene che incontri disapprovazione ed orrore da parte di tutti i miei fedeli lettori!

La contraccezione chimica, da parte sua (vedi Estropill e simili) è direttamente responsabile del carcinoma mammario della gatta nonchè dell'infezione dell'utero (piometra) che spesso compaiono molti mesi o anni dopo anche in seguito ad una sola somministrazione. Vi dico con la maggiore serietà possibile che tutte le volte che ho trovato un tumore mammario in una gatta, o era integra oppure era stata trattata con l'Estropill. Il carcinoma mammario della gatta ha sempre una malignità impressionante, e per quanto riguarda la piometra, considerate se vale la pena, per evitare di operare una gatta giovane e sana con un banale intervento di routine, correre il rischio di doverla operare d'urgenza, magari dieci anni dopo e non più così in forma, per un'infezione dell'utero che la sta mettendo in pericolo di vita.

Perchè non lasciare integra una gatta "di casa" che non vede mai un maschio?

A parte il fatto che spesso le gatte in calore lanciano grida impressionanti, si contorcono come indemoniate sui pavimenti, vi zampettano in mezzo ai piedi e non mangiano per alcuni giorni, c'è proprio un motivo organico che consiglia di sterilizzare la femmina anche se i calori sono blandi e non vi danno fastidio.

Oltre alla coniglia, la gatta è l'unica femmina di mammifero domestico ad avere l'ovulazione indotta: ossia, se non si accoppia i follicoli ovarici che si formano ad ogni calore non scoppiano liberando l'ovulo, ma piano piano regrediscono fino a sparire. O almeno dovrebbero, perchè dato che in natura l'accoppiamento è la regola, il meccanismo di involuzione (atresia) follicolare può non essere in grado di riassorbire per mesi o anni tutti i follicoli inesplosi. Alla lunga capita che alcuni di essi diventino persistenti trasformandosi in cisti ovariche: queste cisti però continuano a produtte ormoni, e possono provocare sia calori ininterrotti (se producono estrogeni) sia assenza di calori (se producono progesterone). In ambedue i casi la stimolazione ormonale su utero e mammelle è scorretta, e ricadiamo nel caso precedente della contraccezione chimica; potreste trovarvi con una micia matura da operare d'urgenza all'utero o con un tumore cattivissimo alle mammelle!

Per il gatto le cose sono più semplici, non corre nessun rischio ormonale se si tiene cari i suoi testicoli!

I problemi, però, sono di un altro ordine. I gatti che possono uscire di casa, e quindi non spruzzano dentro, spesso vengono lasciati interi dai loro proprietari, soprattutto gli uomini inorridiscono all'idea che i loro gatti vengano castrati, come se fossero toccati nella LORO virilità! Questi maschi interi sono in effetti meravigliosi, splendidi e maestosi con la loro testona imponente (il grasso che si accumula nelle guance è un carattere sessuale proprio del maschio, come la pelle durissima, per difesa dagli attacchi degli altri maschi). Peccato che, oltre a riempire di gattini tutto il vicinato, io li veda molto spesso in ambulatorio, arrivano con ferite da morso che formano ascessi, con ferite e fratture per cadute o investimenti, con malattie incurabili come la leucemia e l'immunodeficienza felina, che si trasmettono con l'accoppiamento e con le lotte a sangue.

Questi micioni, peraltro generalmente socievolissimi col veterinario e con l'umanità in genere, hanno una vita media che va dai 2 ai 5 anni, contro i 15-18 che io auguro ad un gatto d'appartamento; prima o poi vengono trovati morti o, semplicemente, spariscono. Se siete della corrente "meglio un giorno da leoni..." non castrerete questi gatti, io preferisco avere i miei senza palline e sperare di tenermeli vent'anni.

Il gatto maschio che sta in casa va castrato per il semplice motivo che altrimenti amici e parenti disertano; l'odore delle urine del maschio intero è molto pungente ed indelebile, e l'esigenza sessuale di marcare il territorio rende la convivenza in appartamento decisamente problematica; la castrazione risolve odore e comportamento.

Alcuni gatti però non spruzzano, sono in genere persiani, dal carattere "freddo", ma anche europei o altre razze.

Questo accade quando il gatto in questione non ha nessun contatto con altri gatti e non è quindi stimolato in alcun modo; in questo caso il maschio può benissimo rimanere intero tutta la vita!

Per quanto riguarda l'età, l'intervento in realtà sia sul maschio che sulla femmina si può fare dalle sei settimane di vita in poi, più che altro per abitudine, si tende a farlo dopo il primo calore, che testimonia l'avvenuta maturità sessuale.

Il gatto sterilizzato, vero spauracchio dei proprietari, tende effettivamente ad ingrassare dopo l'operazione, perchè il metabolismo si riduce: questo NON vuol dire che debba necessariamente ingrassare!

Il bravo padrone terrà d'occhio il profilo del suo micio e, se lo vede ingrassare, non farà altro che diminuire la dose di cibo fino a raggiungere il nuovo equilibrio. Ovvio che se state a sentire lui (il micio) oltre che per aguzzini dal bisturi facile, passerete anche per affamatori; ma voi non date retta e scaricate pure la responsabilità sul veterinario! Un gatto adulto "standard" dovrebbe pesare intorno ai quattro chili.

di Grazia Vittadini - medico veterinario

Link al commento
Condividi su altri siti

Eheheh ho un gatto sterilizzato di 10 anni e ne pesa 12-13....

No cmq la gatta la si sterilizzerà una volta cresciuti i gatti..sennò ogni anno dopo le vacanze porterà qualche sorpresina al rientro come quest'anno....

PS: i gatti crescono bene..stanno per aprire gli occhi.. mi fa davvero piacere che stiano bene tutti e 5!

Link al commento
Condividi su altri siti

Join the conversation

You can post now and register later. If you have an account, sign in now to post with your account.

Ospite
Rispondi a questa discussione...

×   Pasted as rich text.   Paste as plain text instead

  Only 75 emoji are allowed.

×   Your link has been automatically embedded.   Display as a link instead

×   Your previous content has been restored.   Clear editor

×   You cannot paste images directly. Upload or insert images from URL.

Caricamento...
 Share

×
×
  • Crea Nuovo...