Vai al contenuto

Cocker Spaniel Inglese


Alessandra F
 Share

Recommended Posts

Origini della Razza



La famiglia di razze note con il nome di "spaniel" risale almeno al XIV secolo, qiando Chaucer scrisse degli "Spanyels" nei suoi Racconti di Canterbury. Quando l'antica famiglia degli spaniel si diversificò, i suoi rappresentanti si specializzarono in diversi tipi di lavoro. All'inizio del XIX secolo vi era un gruppo identificat o come i "cocker", e questi furono gli antenati della razza odierna. Dall'unione tra spaniel da caccia e toy spaniel nacquero, intorno alla metà del 1800, gli antenati del Cocker Inglese moderno. Solo la taglia e il peso permettevano di differenziarli dagli altri spaniel.

Il nome potrebbe derivare dall'antico termine cock (far alzare la selvaggina), ma potrebbe derivare anche dall'uso di questa razza nella caccia alla beccaccia (woodcock in inglese).

Lo sviluppo del cocker fu concentrato attorno al Galles e all'Inghilterra meridionale, ma con l'evoluzione di nuovi colori come il roano, il bianco e nero e il rosso, oltre al nero originario, il cocker ottenne più vasta popolarità. Fu la razza più diffusa in Gran Bretagnanegli anni '30.

Nel 1893, il Kennel club registrò i primi rappresentanti della razza. Poi il maschio Obo, considerato uno dei capisaldi della selezione della razza. Il Cocker divenne rapidamente uno dei cani più richiesti anche in Europa.



Descrizione



Cacharel-T.S.Garp.jpgCane da caccia allegro e vigoroso, armonioso e compatto, il Cocker è anche un piccolo cane che fa la felicità di migliaia di famiglie italiane. È costruito nel quadrato: la distanza tra la punta del garrese e il punto di attacco della coda è approssimativamente uguale all’altezza al garrese. Particolarmente dolce e affettuoso, il Cocker è anche un cane pieno di vita ed esuberante. Il suo temperamento è gioioso, e si esprime con un movimento quasi perenne della coda, in particolare durante le azioni di caccia. La testa deve presentare un aspetto distinto, è asciutta e ricoperta di pelo piuttosto corto, liscio e brillante. È relativamente grande rispetto al volume del corpo, in particolare nel maschio.[/color] La testa è tipica, con muso ben quadrato, stop situato a metà distanza tra l’estremità del tartufo e I'occipite, cranio ben sviluppato e nettamente cesellato.
Il naso è abbastanza largo da permettere grande acutezza di fiuto. Gli occhi, di color marrone o marrone scuro, esprimono intelligenza e dolcezza, mantenendo sempre un'espressione di vivacità e allegria. Le orecchie, a forma di lobo, sono attaccate a livello degli occhi e sono ornate da belle frange di peli lunghi, diritti e setosi. Gli arti, abbastanza corti, hanno buona ossatura; il petto è ben sviluppato e la regione sternale ben discesa. Il rene è corto e largo. La linea superiore del corpo è solida e diritta, in dolce pendenza dalla regione lombare verso la coda.




Taglia



Altezza al garrese (da terra alla sommità delle spalle) da 39 a 41 cm per i maschi, da 38 a 39 cm per le femmine.

Peso medio 12,5 - 14,5 per i maschi, 12,5 - 14,5 kg per le femmine.

La lunghezza tra garrese ed attaccatura della coda dovrebbe essere uguale all'altezza da terra al garrese.



Standard



ASPETTO GENERALE - allegro,attento, sportivo, molto armonico nelle forme, compatto, misura all'incirca da terra al garrese quanto dal garrese alla coda .


CARATTERISTICHE - Carattere allegro con la coda dal movimento incessante e gioioso, particolarmente quando segue una traccia incurante delle difficoltà del terreno. Dolce ed affettuoso ma sempre molto vivace ed esuberante.



TESTA E CRANIO - Muso e mascelle elegantemente quadrati. Stop marcato posto a metà fra la punta del tartufo e l'occipite. Cranio ben sviluppato, ben scolpito , non troppo raffinato né troppo grossolano. Arcate zigomatiche non prominenti .Tartufo ampio per permettere molto potere olfattivo.



OCCHI - Pieni ma non prominenti , colore dall'ambra al bruno armonizzanti col colore del mantello e con una generale espressione di intelligenza e di dolcezza, benché decisamente svegli, brillanti e vivacissimi. Rime palpebrali ben aderenti.



ORECCHIE - A forma di lobo, inserite basse, al livello dell'occhio, di tessuto sottile e che arrivano, in lunghezza, fino al tartufo. Ben ricoperte di pelo lungo , liscio e setoso.



BOCCA - Mascelle forti con dentatura completa e chiusura a forbice. I denti superiori devono avanzare sugli inferiori toccandoli e devono essere ben perpendicolari alle mascelle.



COLLO - Di lunghezza moderata , muscoloso e che esce pulito da spalle ben inclinate.Niente giogaia .



ARTI ANTERIORI - Spalle oblique ed asciutte. Arti di buona ossatura , diritti, sufficientemente corti da dare l'impressione di potenza concentrata , ma non troppo corti per non intralciare la grandissima azione di questo piccolo grande cane sportivo.



IMG_9691%20new.jpgTRONCO - Forte , compatto. Torace ben sviluppato e profondo. Petto né troppo largo, né troppo stretto. Coste ben arcuate .Rene corto, largo, forte. Linea superiore solida e diritta in dolce pendenza solo verso la coda dalla fine del rene alla attaccatura di questa.



ARTI POSTERIORI - Posteriore largo, ben arrotondato e ben muscoloso. Arti con buona ossatura , ben angolati, garretti bassi che devono imprimere una forte spinta.



PIEDI - Solidi, con cuscinetti plantari spessi, da gatto.



ANDATURA - Azione sciolta, decisa e ampia con grandi falcate e presa di terreno.



PELO - Piatto, setoso, mai ruvido o ondulato, non troppo abbondante , mai riccio. Buone frange agli arti anteriori e posteriori fin sopra ai garretti.



COLORI - Vari .Negli unicolore il bianco é ammesso solo sul petto.



TAGLIA - Altezza : cm 39-41 per i maschi, cm 38-39 per le femmine. Peso dai 12,600 ai 14,500 kg.



DIFETTI - Qualsiasi allontanamento dai suddetti punti é da considerarsi difetto che va penalizzato a seconda della gravità.



NOTA - I maschi devono avere due testicoli di apparenza normale e ben discesi nello scroto.


Conclusioni
Il cocker è una razza che più di tante altre ha conosciuto incredibili fortune e altrettanto incredibili fasi negative per quanto riguarda la diffusione. In alcuni paesi, segnatamente la Francia, nel periodo post-bellico ha raggiunto livelli di diffusione astronomici (appunto in Francia in un certo periodo ha superato il 50% dei cani immatricolati), per poi cadere a livelli bassissimi per il pernicioso effetto generato da un film. Così come accade oggi per i Dalmata, l’enorme richiesta generata dal film "Lilli e il Vagabondo" ha portato una infinita genìa di allevatori sprovveduti e senza scrupoli a produrre una miriade di cuccioli che, non tenendo conto delle caratteristiche caratteriali e morfologiche dei singoli soggetti riproduttori, sono risultati assolutamente non aderenti allo standard. Sempre per motivi di moda questo è avvenuto in particolare per i soggetti a manto fulvo, le cui temute caratteristiche di mordacità sono una autentica contraddizione in termini con lo standard del cocker. Da allora gli allevatori seri hanno intrapreso un duro ma efficace lavoro di "riselezione" che ha riportato i cocker, e segnatamente quello a manto fulvo, alle loro caratteristiche iniziali. Il cocker, per le sue caratteristiche caratteriali e morfologiche, gode di un’altra curiosa ambivalenza: reputatissimo nell’ambito venatorio, viene peraltro pochissimo utilizzato come cacciatore. Non è chiaro perché questo avvenga: forse la verità sta nella scherzosa risposta di un cacciatore "lavori non si sa quanto per addestrarlo bene e poi te lo ritrovi sul divano abbracciato dalla moglie e dai figli", forse per le attenzioni d’obbligo del pelo lungo che si impiglia facilmente. Come cane da compagnia, comunque, il cocker è un cane "facile", come tutti i suoi cugini di provenienza venatoria. Questo non vuol dire che non richieda il dovuto addestramento (tra l’altro, come già detto, non facilissimo) da cucciolo, ma semplicemente che gli inevitabili errori del padrone neofita difficilmente si ripercuotono sul carattere del cane in maniera da renderlo "difficile" nella socializzazione con le persone e con gli altri cani. Questo essenzialmente a causa della sua estrema giocosità, della sua indole pacifica e di una territorialità piuttosto scarsa, che anche nei maschi alfa si esterna più che altro in maniera simbolica. Per finire, è bene comunque ricordare le sue origini venatorie: nell’ambiente urbano il guinzaglio è di rigore, mentre in campagna non ci si aspetti il cane che ti trotterella rigorosamente al piede. L’ultima nota è per un fatto poco conosciuto, ma che può portare a problemi gravi: i cocker hanno una soglia di dolore incredibilmente alta, e raramente si lamentano per ferite e altri malanni. Conosco una cockerina che ha portato a termine (con successo) una prova di lavoro con un chiodo infilato in un piede, senza lamentarsi, rallentare e senza che nessuno se ne accorgesse. Questo spiega, tra l’altro, il perché dell’inutilità delle punizioni fisiche. Modificato da zarina
non si possono pubblicizzare allevamenti
Link al commento
Condividi su altri siti

Purtroppo non ho nomi di allevamenti di cocker a Catania però ti posso dire di orientarti su allementi che allevano due razze al massimo.

Il cocker è un cane da caccia, e come tale ha bisogno di molto moto e attività di gioco. Essendo un cane a pelo lungo necessita di spazzolature quotidiane,

Link al commento
Condividi su altri siti

Ciao,

chiedo scusa per il ritardo...

sapete com'è andata? beh su internet mio marito ha trovato vari annunci soprattutto a Siracusa... così il 3 luglio siamo andati a Siracusa perché tra i tanti annunci era l'unico che non aveva finito i cuccioli e che proponeva una femmina nera come l'avevamo in mente... i cuccioli erano di un privato esposti in un negozio di animali di un'amica.

Sono andata con l'animo un po' sfiduciato, solo per guardare, magari era una fregatura...

come siamo entrati mio marito ha visto subito il box e si è avvicinato ed ha messo un braccio dentro: una cucciola tutta nera, vivacissima si è arrampicata sul suo braccio! Amore a prima vista!

I cani erano due, ho sperato che la femmina fosse lei e così è stato. L'abbiamo presa, abbracciata e da allora è con noi! Si chiama Biancaneve e giorno 3 festeggiamo il nostro primo mese insieme ed il 7 i suoi 3 mesetti!

Sono davvero tanto contenta!

Dalla foto del mio profilo, si vede un altro cane e dai miei post passati magari si legge di Cleo... e già per 9 anni è stata la mia amica fidata, ma poi l'arcobaleno arriva e i nostri amici animali spesso ci devono lasciare per correre oltre il ponte dell'arcobaleno... questa cosa mi ha un po' bloccata negli ultimi 2 anni.

Volevo lasciare a Cleo un posto nel mio cuore che nessun altro cane può mai prendere e non avrei mai più voluto soffrire per una separazione... ma poi qualcosa si è smosso dentro me, non so come ma con mio marito abbiamo dal nulla iniziato a parlare di un cane e forse la convinzione che scegliere una razza diversa mi facesse lasciare quel posto nel mio cuore per Cleo, mi ha fatto accettare l'idea...

Ora sono tanto contenta, Cleo è nel mio cuore come sempre, non la dimenticherò mai e vedo crescere anche questa pallina di pelo nero nero!

Spero che in questo forum possiamo tenerci in contatto in tanti e scambiarci tante info sui nostri amici!

un abbraccio

Lucia

Link al commento
Condividi su altri siti

Join the conversation

You can post now and register later. If you have an account, sign in now to post with your account.

Ospite
Rispondi a questa discussione...

×   Pasted as rich text.   Paste as plain text instead

  Only 75 emoji are allowed.

×   Your link has been automatically embedded.   Display as a link instead

×   Your previous content has been restored.   Clear editor

×   You cannot paste images directly. Upload or insert images from URL.

 Share

×
×
  • Crea Nuovo...