Vai al contenuto

Sos Otocinclus


UlTiMo
 Share

Recommended Posts

aiuto ragazzi, proprio ora mi sto accorgendo che il mio otocinclus era da troppo tempo sul fondo senza muoversi mi avvicino e noto che ha delle piccole chiazze rosse dietro la branchia destra, prendo una lente di ingrandimento e vedo che non ha più la pinna destra tranne lo scheletro e sul fianco ha un piccolo buco e ora sta soffrendo. stamani ho letto che le radici delle piante vengono avvolte nella lana di vetro intrisa di fertilizzanti e va levata quando si piantano in acquario perché altrimenti le scaglie della lana di vetro se il pesce le ingerisce o le respira possono provocare gravi ferite e quindi ucciderli ed io non lo sapevo e la lana di vetro ne ho lasciata un po in ogni pianta.. qualcuno sa se è dovuto a questo fattore oppure a qualcos'altro. ah i pesci credo nn siano stati perché ho tutti pesci pacifici: platy, neon e neon rosè, 1 corydoras ed un occhio spinoso-...

Link al commento
Condividi su altri siti

L'Otocinclus affinis è un pulitore di alghe.

Bisogna sempre assicurarsi che abbiano sufficiente mangiare. Inoltre sono sensibili ai bruschi cambiamenti di acqua (ph, gk, kh, no2, no3, ecc..) Non è un pesce robusto.

L'acquario è piccolo il filtro indubbiamente potrebbe danneggiare pesci così piccoli.

Ma da quanto descrivi potrebbe trattarsi di batteri, ma anche di parassiti che hanno danneggiato la cute oppure una ferita che ha fatto spazio a quest'ultimi per difese immunitarie che calano.

Bisogna anche pensare però che un pesce quando non sta bene può essere attaccato dagli altri (legge della natura) e quindi le ferite provocate possono essere state inferte da altri pesci.

Ciao *+++*

Link al commento
Condividi su altri siti

grazie per avermi risposto, senti ti volevo chiedere un'altra cosa: ma come faccio a fa mangiare l'otocinclus, il corydoras e occhio spinoso che quando io do da mangiare loro non lo mangiano o perlomeno solo il corydoras tenta di mangiare ma invano perchè il mangiare non raggiunge mai il fondo perché mangiato prima dagli altri pesci

Link al commento
Condividi su altri siti

x daniele: ne avevo già sentito parlare di queste pastiglie e ora mi hai dato la conferma quindi grazie,

x manuel: niente da fare stamani lo ho trovato morto in mezzo ad una pianta comunque non sarei stato capace di fare quel discorso che hai detto te, ho provato a regolare il getto della pompa ma non si può fare in quanto non ha da regolare nulla, sarà perchè è una vecchia pompa cmq la ricompro, mi sapresti dire di quanti litri l'ora sarebbe adatta per un acquuario da 20 lt? ah un'altra cosa i pidocchi mica sono contagiosi?..

a presto ciao

Link al commento
Condividi su altri siti

x i pidocchi pulisci tutto l'acquario,e compra qualche prodotto apposta(però prima informati se sn pidocchi)poi compra una nuova pompa più piccola,e se vedi che è troppo forte mettila più a fondo,x il pesce prendi quelle pastiglie,sono molto efficaci,il sale poi non è che serva molto,ma cmq mettine,però mezzo cucchiaino da tè

Link al commento
Condividi su altri siti

ciao!

anche io ho un venti litri, che è un volume davvero piccolo per un acquario! pochi pesci possono viverti in venti litri, e più piccolo è il tuo acquario, più è difficile mantenerlo stabile... in poche parole i pesci e le piante ti muoiono più facilmente in un venti litri che in uno da 100...

ho tentato anche io con l'otocinclus, ma mi è morto subito! non ho mai avuto esperienze positive con questi pesci... sono delicati e li sconsiglio per il tuo volume.

in venti litri ti consiglio di mettere solo e unicamente 5 neon, 3-4 caridina.

per il filtro, ti consiglio il più piccolo modello di filtri a cascata, regolato al minimo.

il filtro a cascata ti permette di risparmiare molto spazio e rendere più bello l'acquaro, inoltre per un piccolo acquario come il tuo ti permette di mantenere l'acqua sempre pulita... l'importante è che non crei troppa corrente, puoi mettere per esempio un legno di torbiera o mangrovia che distribuisca il flusso d'acqua in modo da non fare troppa corrente. il problema con questo filtro che si deve attaccare ai bordi esterni della vasca è che ti devi costruire un coperchio apposta, magari in plexyglas, in modo che tu possa attaccare il filtro ma bloccare le vie di fuga per le caridine, che a volte ti saltano fuori.

usa biocondizionatori come sera aqutan, sera nitrivec, e tetrabalance. rispetta le dosi!

igua

Link al commento
Condividi su altri siti

Effettivamente l'Otocincus è un pesce abbastanza delicato e confermo che è molto difficile da allevare in acquari di dimensione inferiori ai 100L perchè molto sensibile ai bruschi sbalzi delle caratteristiche dell'acqua.

Ho notato inoltre che ama le zone dell'acquario con acqua abbastanza ferma.

Per esperienza personale posso però dire che ,per crescere sani, non sono poi così esigenti su determinate caratteristiche dell'acqua, tant'è che in un acquario di comunità (in una strana convivenza con dei platy corallini, quindi pesci che vorrebbero caratteristiche dell'acqua molto differenti) sono riuscito a farli riprodurre più volte la varietà "affinis". Inoltre, in questa vasca, in oltre 8 anni non ho mai riscontrato alcuna infezione o tasso di mortalità allarmante.

Il pH era decisamente alto rispetto a quello indicato in bibliografia (circa 7,4), e la stessa durezza era superiore al "normale. Come accennato prima, credo che sia stata soprattutto la "stabilità dell'ambiente", dovuta a un volume sui 240 litri distribuito su una superficie scoperta molto ampia, a permettere di compensare queste "carenze" qualitative. Anche la vegetazione è molto importante per il benessere ( e la riproduzione) di questo animale: la presenza abbondante di "muschi", quali Riccia flitans (erba di cristallo), ne facilitano il riparo e la possibilità di alimentarsi correttamente.

Link al commento
Condividi su altri siti

* riccia fluitans.

*Riccia fluitans :D

ti ringrazio perchè mi era rimasta effettivamente una vocale nella tastiera, senza che me ne accorgessi al momento della rilettura.

Comunque, a tal proposito, voglio segnalare che anche il Muschio di Giava (Vesicularia dubyana) è una valida alternativa all'Erba di cristallo ... anche se, di solito, lo si trova ad un prezzo maggiore (almeno a me è capitato così).

Un'altra cosa, l'Otocinclus, pur non amando la corrente, predilige posizionarsi nei pressi dei diffusori d'ossigeno. Sinceramente non so quale sia la ragione. Potrei solo azzardare delle ipotesi cha vanno dall'aiuto nell'eliminazione di eventuali residui o parassiti dalle branchie, a una preferenza per le acque ricche di O2, fino al piacere di sentirsi solleticati dal piccolo flusso di bollicine. Nel caso fossero corrette una delle due prime ipotesi, anche la presenza dei diffusori (che personalmente, di solito, non amo) avrebbe un senso anche per per la sua salute.

Anche un filtro a cascata (come quello suggerito da Igua) sarebbe una validissima alternativa.

Link al commento
Condividi su altri siti

la Riccia fluitans è un'epatica bellissima in acquario... mi piacerebbe trovarne un po' da ancorare a delle radici... oppure una piccola radice (quelle con le ventose attaccatê) con della Riccia già radicata.. ma ad un prezzo decente! in un piccolo acquario è una meraviglia... :wub:

Link al commento
Condividi su altri siti

Join the conversation

You can post now and register later. If you have an account, sign in now to post with your account.

Ospite
Rispondi a questa discussione...

×   Pasted as rich text.   Paste as plain text instead

  Only 75 emoji are allowed.

×   Your link has been automatically embedded.   Display as a link instead

×   Your previous content has been restored.   Clear editor

×   You cannot paste images directly. Upload or insert images from URL.

Caricamento...
 Share

×
×
  • Crea Nuovo...