Vai al contenuto

Il Cutting


Pedrainne
 Share

Recommended Posts

Lo so che c'è già una discussione simile, ma come avevo accennato nella discussione sul reining, vorrei aprire topic un po' più tecnici...

Proprio per questo, nel cutting, visto che sa meglio di me l'NCHA rule book, (ormai sono quasi 4 anni che sono fuori dal cutting ed è possibile che qualcosa sia cambiato, nel modo di affrontare o magari sono state fatte modifiche ecc..) chiederei gentilmente a Lin di volerci parlare del cutting un po' più tecnicamente, spiegandoci penalità, crediti e metodi di questa magnifica disciplina..

Io dal mio lato vi parlerò della mia esperienza avendo montato cavalli simili ma anche cavalli del tutto diversi l'uno dall'altro...

A te Lin (se sei disponibile) la parola! E grazie dell'aiuto! ;)

Link al commento
Condividi su altri siti

Aiuto! spero di non fare strafalcioni! :D dico subito che la mia è più una conoscenza manualistica perchè poche volte ho avuto la fortuna di provare l'emozione del cuuting vero in sella ad uno di questi cavalli.

in caso qualcuno non avesse ben presente la disciplina:

il cutting è una gara di lavoro con la mandria della durata di 2 minuti e mezzo. Il bonimio separa un manzo dal resto della mandria ed una volta effettuato il taglio (cut) il cavallo dovrà tenere detto capo separato senza alcun aiuto da parte del cavaliere se non delle gambe. In genere in un buon go si effettuano 2 o 3 tagli. Il lavoro deve sempre avvenire lungo la cosidetta "linea di lavoro", una linea immaginaria parallela a quella che congiunge i primi due marker ai lati dell'are, e che è posta immaginariamente davanti alla testa del cavallo.

Il binomio concorrente non è solo in arena, ma ha 4 aiuti: 2 Herd Holder ai lati della mandria e 2 Turn Back agli angoli opposti.

Si potrebbe dire che come nel reining si parte con un ipotetico 70 da cui si toglie o aggiunge in base alle penalità effettuate o ai crediti acquisiti.

Vi sono penalità da 1 punto e penalità da 3 punti o 5 punti dette majior penalities.

Penalità da 1 punto:

- perdita di vantaggio

- guodata

- piede sulla spalla

- esitazione a poggiar la mano dopo avere effettuato il taglio

- lavoro fuori posizione

Penalità da 3 punti:

- "Hot quit" cioè lasciare il vitello nel momento sbagliato. Se non erro il vitello lo si può lasciare (rilevare il cavallo dal lavoro) solo quando si gira dalla parte opposta alla nostra (ci volta il sedere, gira la testa dall'altra parte) o quando rimane fermo per troppo tempo non permettendo il lavoro

- cavallo che morde il vitello

- seconda mano sulle redini

- sperone sulla spalla

- disturbo della mandria

- fallimento nel compiere un taglio profondo

- "Back Fance"

penalità da 5 punti:

- il cavallo lascia il vitello spontaneamente e non su comando del cavaliere

- perdità di un vitello

- cambio di vitello al momento del taglio, mentre se ne era scelto un altro

- fallimento nel tagliare un vitello dopo aver lasciato la mandria ( ame è successo: entro in mandria, porto su un po' di vitelli, un po' vanno a dx e un po' a sx ed io in mezzo come un pirlotta, senza più vitelli davanti §#§§#§ )

Si prende direttamente 60 nei seguenti casi:

- se il cavallo mentre lavora si gira verso la madria (if horse turns tale)

- se il cavallo cade

Si prende 0 nei seguenti casi:

- equipaggiamento illegale

- quando si lascia l'area di lavoro prima che i 2 minuti e mezzo siano terminati

e mi pare che succeda anche se ti è caduto il cappello e scendi per raccoglierlo anche se il tempo è terminato

i concorrenti possono prendere crediti o demeriti (o ne uno ne l'altro se le cose sono state eseguite nella norma) nei seguenti aspetti:

- lavoro in mandria

- posizionamento del vitello

- grado di difficoltà

- scenicità del cavallo

- tempo di lavoro

- grado di coraggio

- redini lunghe

poi ci sonoaltre tre voci:

- una è l'eccessivo aiuto degli Herd Holder (se aiutano troppo il concorrente possono causagli un demerito)

- poi una è quando il cavallo anzichè continuare a lavorare sulla linea di lavoro avanza verso il giudice

- poi l'altra la confondo con quella appea citata.... :P

sono promossa? :lol: scherzo! :P

tengo a precisare che tra il conoscere le varie regole e saper giudicare c'è un vero abisso, bisogna avere moltissima esperienza sia di gara che di "occhio", perchè le cose avvengono talmente veloce che bisogna essere dei veri esperti per poterle riconoscere al momento ;)

Link al commento
Condividi su altri siti

Discussione interessante e molto istruttiva!!!!! ;) :lol:

Link al commento
Condividi su altri siti

Grazie mille Lin, un'ottimo lavoro...

Ti lascio ancora parlare degli herd holders e dei turn back.....

Ma vorrei anche che cercassi di spiegare (lo so che non è per niente facile) cosa hai provato la prima volta che hai lavorato un vitello.... :D

Link al commento
Condividi su altri siti

figuratevi! :P

lo devo proprio dire?......bhè...quando ho provato la prima volta....HO PIANTO "£$!" ...che idiota!

è stata un'emozione fortissima sentire il cavallo che prendeva iniziativa, in più mettiamoci anche una buona dose di strizza (io sono una fifona :D ). Arrivando da tre anni di reining ero abituata ad avere il controllo del cavallo, a sapere ciò che avrebbe fatto perchè ero io a chiderglielo. Ma nel cutting è diverso, è un gioco di squadra, sei tu insieme al cavallo....non che nel reining non ci sia affiatamento....ma il cutting è diverso. In più c'è un discorso di piena fiducia che si instaura...le prime volte che ho provato ero un disstro completo! guidavo il cavallo e nemmeno me ne accorgevo £@@£ era tutto un discorso di fiducia...la fiducia in me nel senso che dovevo credere che non sarei caduta, e fiducia nel cavallo che sapeva cosa fare e che dovevo lasciare lavorare. Poi mettiamoci anche un pizzico di adrenalina ;)

io consiglio a qualunque appassionato di monta western che ne ha la possibilità di provare l'emozione del cutting....molto probabilmente sarà difficile separarsene!

anche se non posso permettermi un cavallo, mi sono letteralmente innamorata di questa disciplina

per quanto riguarda gli aiuti ho paura di essere poco precisa se non di sbagliarmi perchè nessuno mi hai mai spiegato bene quale sia il loro esatto compito :unsure: posso parlare per quello che ho visto...chideo quindi a Pedrainne di correggermi se sbaglio o ad aggiungere qualcosa.

Gli Herd Holder "abbacciano la mandria" contenendo eventuali fuori uscite di qualche vitello dal gruppo durante il lavoro e aiutano il binomio a portare su i vitelli al momento del taglio.

I Turn Back rispingono indietro il vitello in lavoro ....lo fanno girare....è un compito molto più difficile, bisogna sapere quando e come agire...direi che è più difficile fare il TB che fare una gara.

Link al commento
Condividi su altri siti

Precisamente, fare il turn back è molto più difficile che fare la gara vera propria...

In America c'è gente e ci sono cavalli che fanno solo quello come specialità, mentre in Italia le cose sono un bel po' diverse, per quanto riguarda i cavalieri, leggermente diverse per quanto riguarda i cavalli.

Infatti in Italia normalmente (almeno quando calcavo io le arene) turn backs e herd holders erano normalmente gli altri T.....r professionisti, o qualche ottimo non pro. Per quanto riguarda i cavalli invece, normalmente si tratta di cavalli che poi non fanno la gara vera e propria, sono cavalli "esterni" se mi passate il termine.

Cosa ha detto lin è giusto, gli herd holders devono contenere ogni fuori uscita di capi durante la gara e devono "assistere" il cavaliere durante il taglio, ma non troppo altrimenti si cade nelle penalità.

I turn back come dice la parola stessa devono far muovere il vitello se si ferma (farlo girare letteralmente) in modo tale che il cavaliere possa compiere il lavoro.

Detto così sembra una cavolata, ma vi assicuro che non lo è per niente, io il turn back lo facevo solo a casa, non mi sono mai presa la briga di farlo in gara....Troppa responsabilità "£$!"

Quando facevo io le gare c'erano sempre un sacco di discussioni soprattutto nelle categorie Open perchè il cavaliere aveva come aiuti i suoi avversari, per cui talvolta delle piccole sottigliezze di cattiveria ci sono sempre state...

Adesso non so come siano le cose adesso, forse Lin potrebbe dirci qualcosa in merito...

nelle categorie dei non professionisti invece le cose sono sempre state fatte leggermente meglio...

Questo è il cutting!

Se c'è qualcuno che vuole sapere qualcos'altro si faccia avanti.. Se vuole chiarimenti o specifiche...

Per quanto riguardo l'addestramento e l'allenamento dei cavalli a illion verrebbero i capelli bianchi perchè non si presta molta attenzione ad avere il cavallo riunito, che alza la schiena e ed usa il posteriore (se non per stoppare)... :P

Link al commento
Condividi su altri siti

Magari sarebbe interessante sapere come si perpare un cavallo da cutting...

come si svolge un allenamento "tipo"? Come funziona la preparazione del cavallo "principiante" e come quella di un cavallo più "avanzato"?

Link al commento
Condividi su altri siti

Io non ho mai addestrato un puledro da cutting, però l'ho visto fare per più di cinque anni consecutivi, quindi anche se non sono una professionista, posso cercare di spiegare cosa vedevo fare e cosa facevo io quando dovevo prepare la mia cavalla prima di una gara... :D

Link al commento
Condividi su altri siti

Oggi dovrei avere un po' di tempo così vi accontento!

Link al commento
Condividi su altri siti

Tengo a precisare che quello di cui sto per parlarvi si riferisce solo ed esclusivamente alla mia esperienza personale quando lavoravo con un T.....r di cutting...

I due anni venivano domati normalmente come qualsiasi cavallo, indipendentemente da ciò che sarebbe poi andato a fare... Poi si inizia dopo circa tre mesi, a lavorare già un po' sulla mucca meccanica.

Prima si scalda il cavallo ginnasticandolo per benino, poi si lavora con la mucca meccanica o con una persona, su le distanze lunghe, nel senso che si fa in modo che questo finto vitello (sia esso persona o mucca meccanica) vada piano piano e giri solo dopo aver camminato per un bel po', ed essersi fermata per un attimo..

Questo fa si che il cavallo cominci a capire che la mucca oltre ad andare dritto, prima o poi gira..

All'inizio i puledri tendono a scappare in avanti quando il vitello gira, ma poi pian piano capiscono che lo devono seguire e così in poi, passando al trotto e poi ad un canterino leggero.

In questo modo il cavallo si abitua anche a correre, a fermarsi e a girare con la mucca. La mucca con il passare del tempo verrà poi fatta girare sempre prima, ma mai velocemente e brevemente come tante volte fanno i vitelli veri. A questo punto si fa già una sorta di scelta in merito al cavallo.

Se dimostra di avere un po' di cow sense allora si prosegue con l'addestramento, se invece dimostra di non averne, si cerca di trovare la specialità a lui più congeniale..

Il lavoro di cui sopra viene fatto per tre/quattro mesi, poi si passa alle mucche vere e proprie. E qui il discorso cambia.

Normalmente si comincia con delle mucche che sono lavorate già da un bel po' di tempo, in modo tale che siano più statiche, ma che permettano al cavallo di cominciare a capire cosa dovrebbe poi andare a fare...

Per abituarli alla mandria, lui ci stava dentro parecchio, trottava dentro al pen con i vitelli, entrava dentro la mandria, si fermava e lasciava al cavallo il tempo per abituarsi, ma soprattutto per tranquillizzarsi...

In questo lui era davvero un grande, tant'è che i tagli dei suoi cavalli erano sempre uno spettacolo, perchè il cavallo era calmo, attento e pronto al suo lavoro come solo pochi sanno essere..

Nel frattempo arrivava l'inverno ed i cavalli si godevano il meritato riposo...

Tutto ciò a qualcuno può sembrare molto lento, ed infatti lo è... Lui non è mai stato un gran preparatore di cavalli da futurity, perchè preferiva lavorarli più con calma, ma meglio anche se fossero arrivati pronti solo al Derby!

Questo è il primo anno di addestramento di un puledro..

Dopo vi parlerò del lavoro su un tre anni..

<_<

Link al commento
Condividi su altri siti

Il lavoro su un tre anni prospect di cutting non è più tanto improntato al gioco con il vitello all'interno del pen, bensì si deve già cominciare ad insegnare al cavallo a non adare più contro il vitello, cercare di mantenere una linea parallela al movimento dello stesso, e pian piano si comincia a mettere al cavallo un po' più di pressione quando il vitello comincia a correre come un dannato da una una parte all'altra del pen senza mai fermarsi e provando a bucare...

Il resto è davvero tecnica e non so a quanti può interessare, comunque se c'è qualcuno interessato o che ha delle domande, avanti!

Altrimenti sto studiano un po' il trail e vorrei cominciare a parlarne un po'!

Link al commento
Condividi su altri siti

Buonasera a tutti, mi fà molto piacere che si parli di cutting: disciplina che adoro e che pratico da un pò di tempo... spero che questo argomento si allarghi .... ciaoo *+++*

Link al commento
Condividi su altri siti

Benvenuto cutter.... il tuo nick spiega molte cose...

Sono davvero felice che qualcun'altro appassionato di cutting si sia iscritto nel forum!!

Anche io spero che l'argomento si allarghi...

Cosa ne dici di parlarci un po' della tua esperienza.... :D

Link al commento
Condividi su altri siti

Grazie !! certamente si, dimmi un pò da che parte devo iniziare, però... aiutami tu ))(( non vorrei incominciare con

" Era un pomeriggio assolato del 1990.... " ho paura che molti si addormenterebbero... eheheheh ... :D:D:D

Link al commento
Condividi su altri siti

Potresti cominciare con lo spiegarci perchè tra tutte le discipline della monta western hai proprio deciso di intraprendere il cutting....

Cosa provi quando sei nella mandria e quando ti trovi faccia a faccia con un vitello... :wub::wub:

Link al commento
Condividi su altri siti

grazie dell'imboccata..beh prima ho fatto un pò di trail e western pleasure,ma seriamente ho iniziato facendo reining a livello sia nazionale che regionale, MA quando mi hanno fatto provare un cavallo da cutting è scattata la scintilla.In effetti le sensazioni sono molto diverse sopratutto basti pensare che nel Reining (=cavallo tra le redini) è il cavaliere che mette quasi il 100%, il cavallo - forte dell'addestramento quotidiano ( e chissà come è contento ...) devo solo seguire gli insegnamenti appresi ed eseguirli nel migliore dei modi; nel cutting invece il cavaliere ci mette il 50%, ma l'altro 50% lo deve mettere il nostro equino.. :D .. L'addestramento non è così ripetitivo, ma bensì vario di azioni (i vitelli si muovono ....!!) e non c'è bisogno di continuare a strapazzare il "povero" quotidianamente poichè essendo il quadrupede dotato di cow-sense basta avergli insegnato piano e per bene come "tirar fuori" questa innata dote .. et voilà i giochi sono fatti.. chiaro parlo solo dei Quarter Horse e solo "cutting blood line"....

Come potete ben immaginare è una cosa meravigliosa lavorare insieme al tuo cavallo e insieme intendo con la sua complicità.. ci si sente come un unico corpo proteso a raggiungere uno scopo solo : quello di non far passare il vitello e farlo entrare nella mandria !

Ecco che quando "tagli" e separi il tuo primo vitello... ma che dico ? anche molto prima: quando ti avvicini lentamente alla mandria cercando il "tuo" vitello senti sotto di te una vibrazione e ti chiedi " oddio ho lasciato il cellulare con il vibrato in tasca ??" :lol::lol: no è " LUI" che ti trasmette che è pronto, attende solo il tuo ordine di quale vitello dave tenere... poi eccoti lì.. lo hai scelto, lo separi, abbassi la mano immediatamente (sennò rischi il - 1 penalty) e inizia il delirio di emozioni forti indescrivibili ... ed è a questo punto che viene fuori la completa fiducia nel tuo cavallo ed anche la sua in te.

Naturalmente gioca un ruolo molto importante anche la scelta del vitello... ma questa è un'altra storia....

Link al commento
Condividi su altri siti

E perchè non parlare di quest'altra storia...

La scelta del vitello sembra una cavolata e sembra per la maggior parte delle volte lasciata al caso....

Ma non è così...giusto cutter? ;)

Link al commento
Condividi su altri siti

Giusto Pedrainne, ed anzi direi che la scelta del vitello è BASILARE, vediamo il perchè.

Tutto parte dalla conoscenza del tuo cavallo e dalle potenzialità che può esprimere, se è troppo "corto"da un lato (cioè se il cavallo tende a "rincorrere" il vitello e non anticiparlo) oppure troppo "lungo" (il cavallo anticipa troppo il vitello) inoltre se è un cavallo abbastanza caliente (!).

In effetti tutti noi tendiamo a prendere il primo vitello che ti faccia fare punti ed il secondo molto più conservativo e quindi da spingersi (da parte dei t.b.), ma non sempre è la tattica giusta, mi spiego meglio: se abbiamo un cavallo veloce che tiene bene i vitelli veloci allora possiamo azzardare con una relativa tranquillità la scelta su vitelli corridori, altrimenti meglio andare su vitelli più calmi...

Di norma i segni distintivi variano da razza a razza di vitello,(scartando i Limousine, ovviamente... ) ma possiamo affermare - con un certo margine di sicurezza - che i vitelli con il pelo arruffato, quelli con le orecchie basse, gambe piccole e tozze saranno vitelli più tranquilli e calmi, quelli con gambe alte ben slanciate, occhi leggermente con sclera bianca saranno quelli veloci.

Ecco che qui gioca - come dicevo - la conoscenza del tuo cavallo e, di conseguenza, che tipologia di vitelli andare a tagliare ed in quale ordine...

Un cavallo veloce e preciso potrà sicuramente tenere testa a vitelli veloci, il cavallo più lento, che fà ritardi (come ho scritto prima) non lo potrà mai fare, meglio quindi dirigere la nostra scelta su vitelli più alla portata del nostro equino !! ;)

Link al commento
Condividi su altri siti

Detto così sembra una cavolata, ma nella realtà non è proprio semplice...

Anzi secondo me il taglio è una delle parti più difficili in un go di cutting....

Secondo te è meglio cominciare il taglio da destra (cosa che avviene per la maggior parte dei casi) oppure azzarderesti anche qualche volta il taglio da sinistra?

In italia l'ho visto fare solo dalla Mason...Tu che ne pensi?

Link al commento
Condividi su altri siti

ti dirò, sinceramente destra o sinistra è solo per la nostra abitudine, io personalmente quando lavoravo a casa tagliavo sia a destra che a sinistra oppure centrale. Parlo per me, ovviamente, in gara alla prima tagliata io parto sempre da destra perchè mi posiziono il mio H.H. di fiducia alla destra per darmi una mano con i vitelli, solo per questa ragione.... PERO' mi hai fatto venire una gran voglia alla prossima di entrare dalla sinistra, sai ??? :D:D:D

Comunque si vedono anche tagli centrali, adesso... sai fà molto amereggano... :lol::lol:

A volte tagliano subito dal lato dove c'e il vitello che interessa, questo quando hai un cavallo di cui non ti fidi molto e non sai come si comporta nel taglio (morsi o calci ..), oppure quando il tempo a tua disposizione è agli sgoccioli per far prima.... e lavorare l'ultimo vitello

Link al commento
Condividi su altri siti

Uffa uffa uffa... Quante cose mi sto perdendo......

Dai se la prossima volta tagli a sinistra poi mi devi assolutamente dire come ti sei trovato..... ;)

P.S. Abbiamo bisogno di te anche nella discussione sul trail...

Non fermarti solo qua.... Dai vista la tua esperienza....

Forza forza ))(( ))((

Link al commento
Condividi su altri siti

Join the conversation

You can post now and register later. If you have an account, sign in now to post with your account.

Ospite
Rispondi a questa discussione...

×   Pasted as rich text.   Paste as plain text instead

  Only 75 emoji are allowed.

×   Your link has been automatically embedded.   Display as a link instead

×   Your previous content has been restored.   Clear editor

×   You cannot paste images directly. Upload or insert images from URL.

Caricamento...
 Share

×
×
  • Crea Nuovo...