Vai al contenuto

Montare Senza Filetto!


ciottonina
 Share

Recommended Posts

Ecco subito aperta questa discussione sulla possibilità di montare il proprio cavallo senza filetto ( o morso £@@£ ) . Ho sempre pensato :"Ma non gli fa male quel coso in bocca?" E qui mi è venuta la domanda: Si può montare senza filetto, cioè con le redine e testiera a cui è stato tolto il filetto.Si può fare? Datemi tutte le informazioni possibili!!!

Grazie

Ciao

Link al commento
Condividi su altri siti

Certo Ciottonina che si può! ;)

Ma bisogna forse distinguere due casi: si può montare ad esempio con la cavezza, oppure adottare uno strumento tipo il bosal o l'hackamore.

Entrambi non costringono il cavallo a tenere in bocca qualcosa, solo che il bosal o l'hackamore sono strumenti che in mani sbagliate possono diventare pericolosissimi e molto costrittivi per il cavallo.

Come mai si potrebbe decidere di rinunciare all'imboccatura?

Beh, molti cavalieri fanno questa scelta in base al cavallo: ci sono cavalli che non sopportano le imboccature (magari sono troppo sensibili, oppure sono stati maltrattati... oppure hanno qualcosa ai denti) e sarebbero quindi immontabili se venissero sottoposti a una tale tortura.

Altri cavalieri invece fanno questa scelta in base ad altri (ed alti)principi: in questo modo si può montare più naturalmente, con meno costrizioni, avendo un cavallo più sereno e senza la preoccupazione dei soliti tironi. Si trovano anche cavalli montati unicamente con la cavezza (attenzione che la cavezza fine come quella Parelli, se usata male, può fare comunque molti danni), o con un collare, o addirittura in completa libertà. Questo naturalmente presuppone un buon addestramento del cavallo.

Link al commento
Condividi su altri siti

La testiera (ho preso come esempio quella western per farti capire meglio) senza imboccatura rimane così, quindi puoi immaginare che non avrebbe senso, scivolerebbe via dalla testa del cavallo.

Ci sono pero' delle briglie che permettono di togliere il morso o il filetto, ma diventerebbero identiche ad una normalissima cavezza (si usano ad esempio nei trekking lunghi, che prevedono un bivacco).

La capezza che ti dicevo prima non è speciale.. è solo un po' più fine del normale. Qui la si trova perché viene usata per seguire il metodo Parelli, ma in America viene usata comunemente da tutti. La sua pericolosità è dovuta al fatto che è costruita da corde fini e molto robuste, che se si dovessero impigliare (o se un cavaliere non degno di questo nome tirasse come un matto) non si romperebbero, ma ferirebbero in modo serio il cavallo.

Link al commento
Condividi su altri siti

Innanzitutto non è che "quel coso" debba essere per forza uno strumento di tortura. Rimane un mezzo estraneo alla bocca del cavallo, che, se usato con criterio (e quindi tralasciando tironi, mani che si appendono...etc) , è un mezzo di comunicazione. Cambia la forma e l'uso a seconda di molti fattori, ma questo è tutt'altro discorso.

Le imboccature, citate da LadyD, danno sì l'impressione di una maggiore "libertà", ma sono sempre mezzi contenitivi, a volte, più forti del semplice filetto. L'hackamore, per mezzo di leve, agisce sul naso. Se messo male, tra l'altro, dà dei problemi di respirazione al cavallo. Mi pare, invece, che il bosal abbia la stessa funzione, ma sia più usato nella monta western e non abbia le leve.

In ogni caso l'uso è consigliato solo a cavalieri davvero esperti. Detesto le persone che dicono: -io faccio i percorsi senza filetto, solo con l'hackamore....- e ci credo che il cavallo lo trattieni: -quando tiri lui quasi non respira più, per quello si ferma-

La capezza Parelli (che alla fine è sempre un hackamore) dà sicuramente una pressione minore, infatti è consigliata da subito anche ai meno esperti. In effetti credo che se un principiante usasse l'hackamore parelliano e poi quello i normale...i "danni" sarebbero differenti, non per questo lo ritengo un mezzo innocuo. In più c'è un vantaggio nel metodo: gli esercizi con la capezza prima si fanno da terra, quindi il cavallo viene abituato a sentire i comandi che verranno impartiti in sella.

Senza fossilizzarsi troppo sull'argomento Parelli che, comunque, non è l'unico a "insegnare" come montare il proprio cavallo in libertà, ci sono tanti metodi per arrivare a questo tipo di rapporti. Credo che ci sia un punto in comune: il tempo.

Non è che da un giorno all'altro si possa prendere un cavallo e toglierli tutto...bisogna instaurare un rapporto di grande fiducia e di grande affiatamento.

S'incomincia sempre a piccoli passi, andando avanti lentamente.

C'è gente che neanche ci prova ed è soddisfatta di tenere il "coso". Non per questo ha un cavallo meno sereno o poco collaborativo. In effetti, avere il filetto è anche rassicurante...nel senso che ti "toglie" la paura di non poter controllare il cavallo in determinate situazioni. Personalmente io non uscirei mai in passeggiata senza filetto, però conosco persone che lo fanno tranquillamente.

Non saprei, sicuramente è una sensazione da provare prima o poi.

Allora, ciottonina, a quando la prima lezione di equitazione? Basta leggere, è ora di agire. ;)

Link al commento
Condividi su altri siti

la mia istruttrice monta un cavallo particolarmente sensibile con una testiera particolare senza filetto (nè hakmore o bosal naturalmente...) e si trova molto bene, è anche uscita in c-2 così, col filetto il cavallo diventa immontabile!!Poverino quando era piccolo gliene hanno fatte di tutti i colori, per questo ora non sopporta le imboccature... :( , poi per fortuna l'hanno preso i miei istruttori e ora stà imparando che non tutti gli umani sono delle bestie...

Link al commento
Condividi su altri siti

Allora, ciottonina, a quando la prima lezione di equitazione? Basta leggere, è ora di agire.

Hai raggione :P

Venerdì ho l'esame teorico per la patente!!Quando prenderò la patente inizierò ad andare a cavallo!!! Speriamo che non mi bocciano :rolleyes:

Lady d insomma, è una cavezza più fina che viene usata apposta per montare il cavallo senza filetto? Non c'è un sito di cui ne parla? Tu monti gringo con quella? Ma il filetto in finale a che serve dato che se si "tira" la redine per andare a destra il cavallo lo sente lo stesso il comando?

Link al commento
Condividi su altri siti

Ma il filetto in finale a che serve dato che se si "tira" la redine per andare a destra il cavallo lo sente lo stesso il comando?

Ehehehe...fosse così semplice.

Il filetto è il mezzo per parlare (e non torturare) alla bocca del cavallo. Una via di comunicazione che porta, naturalmente insieme agli altri aiuti, a tutto ciò che comporta l'arte del montare a cavallo. Girare a destra e a sinistra è solo una goccia dell'oceano...

In più ho l'impressione (cosa ne pensi Lady?) che la capezzina Parelli (per non parlare della capezza vera e propria) sia molto imprecisa per determinate richieste. Ad esempio noto una grande difficoltà, quando i saltini diventano impegnativi, nel cercare le distanze. Questo è solo un esempio...adesso non me ne vengono in mente altri, in ogni caso non riguardano solo il salto ostacoli, ma il lavoro in piano. Comunque non dubito che, grazie ad un lavoro costante e protratto nel tempo, si ottengano risultati ottimi. Ma si tratta di tanto tanto tempo. E, nel caso si voglia imparare col metodo citato sopra, di tanti tanti dindi spesi agli stage, corsi....

Personalmente rimango legata al caro filetto sempliciotto che mi rassicura psicologicamente e mi consente di non far troppi danni. :rolleyes:

Link al commento
Condividi su altri siti

quella che dico io è una testiera in cuoio nella quale le redini anzicchè essere attaccate al filetto (che in questo caso non c'è) sono attaccate ai lati della striscia di cuoio che cinge il muso del cavallo e che è persente in tutte le normali capezze. Non sono attaccate da sotto come nelle capezze di pat parelli...spero di essermi spiegata :rolleyes:

per ciottonina: il normale filettone snodato semplice è l'imboccatura più leggera, poi ci sono filetti più articolati fino ad arrivare ai morsi più severi. Onestamente anche io preferisco il semplice filetto, so di non eseere in grado di usare imboccature pesanti e quindi non le uso!

Link al commento
Condividi su altri siti

Io uso questo filetto che si chiama snodato.

Fa male al cavallo?

Ripeto: no, non fa male al cavallo...tutto dipende da come viene utilizzato. Un centauro (che è forte) usato da una persona esperta può essere meglio di un filetto semplice a cui ci si appende ad ogni battuta di trotto. Capito il punto?

Personalmente credo che troppe persone abbiano in mano mezzi che non sanno usare. Soprattutto ai concorsi si vedono spesso persone alla prime armi strattonare cavalli con in bocca cose stranissime.

Il fatto è che è molto semplice far tacere un problema con un morso più severo...ma così il problema di fondo non è risolto, ma solo soffocato...e ritorna sempre, magari più avanti, ma ritorna.

Per quanto riguarda la monta western ne so davvero poco.

Magari LadyD te ne parlerà meglio.

Link al commento
Condividi su altri siti

Lady d insomma, è una cavezza più fina che viene usata apposta per montare il cavallo senza filetto? Non c'è un sito di cui ne parla? Tu monti gringo con quella?

No, è una capezza "tuttofare"... va bene per montare (come qualsiasi altra capezza se vuoi), per condure il cavallo a mano, per farlo girare nel tondino, la lasci sotto la briglia quando vai in passeggiata (è fine e non dà fastidio al cavallo), eccetera.

Sì, ogni tanto la uso con Gringo, ma dipende da cosa decido di fare. È un attrezzo che ritengo vada bene per le passeggiate, per fare lavori in maneggio tipo cerchi, cambi di galoppo.. cose semplici insomma (la metto anche se viene qualcuno che vuole imparare a montare, così il cavallo non è infastidito in bocca da comandi sbagliati). Ma come dice bene Earendil, trovo che per fare certi lavori non sia proprio il massimo. Con un filetto riesco a dargli impulsi migliori e più precisi, dunque si possono fare esercizi più particolari (ad esempio se voglio fare esercizi che hanno bisogno di raccogliere il cavallo, o se voglio fare appoggiate, volte, eccetera).

Ci sono filetti "leggeri"??

Filetti leggeri... beh, penso che Earendil abbai già esposto bene questo punto. L'azione dipende relativamente dall'imboccatura, ma direttamente dalla mano del cavaliere. Un cattivo "cavaliere" può mandare a sangue un cavallo montando con la capezza, mentre un buon cavaliere può (deve) usare una mano finissima quando usa ad esempio un morso+filetto o un bosal.

Per il filetto in sé... quelli più leggeri (naturalmente nel senso relativo del termine) sono quelli con il cannone grosso (il cannone è la parte che sta tra i due anelli). Capirai che più il cannone si fa fine, più l'azione è forte (è fisica: una forza applicata su una superficie ampia è meno potente della stessa forza applicata ad una superficie applicata su una superficie piccola; la forza viene concentrata)

Io uso un filetto a D, con delle parti in rame (per intenderci, è simile a questo). Ho scelto gli anelli a D perché non ruotano e dunque non possono pizzicare o addirittura ferire le labbra del cavallo (cosa che invece può succedere con un filetto tipo questo, specialmente se mal regolato)

Per quanto riguarda la monta western ne so davvero poco.

Magari LadyD te ne parlerà meglio

Beh, che dire... i principi sono gli stessi in tutti i vari tipi di monte. Quello che forse vorrei aggiungere è che ogni tanto sento gente che si stupisce dei morsi impiegati nella monta western.

Se vogliamo fare un balzo indietro nella storia tornando ai cowboys e ai veri cavalli da lavoro, si può capire il motivo che spinge a condurre il cavallo con una sola mano: Questi uomini di cavallo avevano bisogno di avere almeno una mano libera per aprire cancelli, tirare il lazo, eccetera. Dovevano quindi riuscire con una mano a guidare il cavallo in maniera ottimale, in maniera che l'aniomale reagisse immediatamente ad ogni impulso. Ecco perché si sno adottati morsi a leva: permettono un'azione minima della mano in cui la forza viene amplificata appunto dalle leve.

Oggi invece il cavallo non è più orientato verso il lavoro (salvo rari casi) ma allo sport: quei morsi sono applicati solo a cavalli con un ottimo addestramento di base cominciato anch'esso con il filetto o con il bosal (a dipendenza degli addestratori). In gara poi viene valutata la precisione dei comandi e l'azione della mano deve risultare impercettibile (sto parlando di veri cavalieri, non di cavallari..). Quindi vale (dovrebbe valere) la regola: morso pesante, mano leggerissima

Ah, una precisazione: per "bosal" (e mi riferisco a questa immagine) si intende solo l'anello in cuoio che appoggia sul naso (la parte più scura se vogliamo) e non tutta la briglia.

Link al commento
Condividi su altri siti

Personalmente credo che troppe persone abbiano in mano mezzi che non sanno usare. Soprattutto ai concorsi si vedono spesso persone alla prime armi strattonare cavalli con in bocca cose stranissime.

hai ragione...lo dico per esperienza personale: una volta, quando ancora avevo il mio cavallo, il mio istruttore cominciò a farmi usare un morso cattivissimo (ora mi sfugge il nome, ma è molto comune...) con un cavallo che non ne aveva assolutamente bisogno, insieme agli speroni a rotella (di quelli che non fanno male, quelli grandi, insomma): un controsenso pauroso!!!! :)

Link al commento
Condividi su altri siti

un po di tempo fa il mio istruttore mi ha fatto montare con la capezza (con le redini attaccate)... io all'inizio avevo un pò paura che magari mi scappasse la cavalla, però poi mi sono accorta che la cavalla lavorava molto più serena e sciolta... magri fare le volte al galoppo fatte bene era un po' faticoso ma lavorava benissimo anche con il posteriore! secondo me questo potrebbe essere un bel metodo per i principianti per imparare a girare con le gambe anzichè tirare le redini come fa spesso chi è alle prime armi..

Link al commento
Condividi su altri siti

:lol::D hai ragione anke io la penso cm te jassie j!!!!!!! anke io inizialmente giravo cn le redini ma poi ho fatto qualche lezione senza ne sella ne filetto!!! le prime volte era orribile devo ammettere!! ma poi ho fatto progressi e monto tuttora a pelo e senza filetto!! :rolleyes:
Link al commento
Condividi su altri siti

tutti ti hanno dato delle risposte ottime!!!!

io posso dirti solo che mi è capitato spesso di vedere montare cavalli con la cavezza da scuderia così tanto per fare un giro!

se usato con sapienza ogni imboccatura può essere "delicata", MA NIENTE è COME MONTARE SENZA! ogni tanto per far rilassare il cavallo portarlo a brucare senza nessuna costrinzione..... bisogna sempre contare l'affiatamento che hai con lui!!!

"^^"

Link al commento
Condividi su altri siti

non ho letto tutto (ho la febbre e mi fa mal la testa.. sigh sigh sigh :( )

però... senza imboccatura è impossibile lavorare un cavallo. si può montare senza.. ci mancherebbe... però non è possibile usare la capezza per avere un cavallo rotondo.

ok basta torno a letto. se mi riprendo e non mi spediscono al campo santo spiegherò meglio. :(

Link al commento
Condividi su altri siti

Ecco subito aperta questa discussione sulla possibilità di montare il proprio cavallo senza filetto ( o morso  £@@£ ) . Ho sempre pensato :"Ma non gli fa male quel coso in bocca?" E qui mi è venuta la domanda: Si può montare senza filetto, cioè con le redine e testiera a cui è stato tolto il filetto.Si può fare? Datemi tutte le informazioni possibili!!!

Grazie

Ciao

Certo che si può!!!! Con una cavezza normale o con quella parelli per chi è alle prime armi nella monta senza filetto oppure, per chi è più esperto, anche le mani alla criniera vanno benissimo!!! ;)

Anche con solo la testiera e le redini va bene!

Tutti i tipi di morsi, se usati male sono armi potentissime contro il cavallo, ma se usati con tatto e sensibilità, anche il morso più "cattivo" risulta dolce in bocca al cavallo! "^^"

Link al commento
Condividi su altri siti

Certo che si può!!!! Con una cavezza normale o con quella parelli per chi è alle prime armi nella monta senza filetto oppure, per chi è più esperto, anche le mani alla criniera vanno benissimo!!! ;)

Va bene per fare cosa? Per farsi ippotrasportare???

Ha estremamente ragione Illion, se vuoi lavorare con i cavalli, devi mettergli qualcosa in bocca!!!

Link al commento
Condividi su altri siti

ufffff.... prima di parlare mettere il cervello in mode on, grazie.

come fai a lavorare un cavallo senza un appoggio in bocca? non puoi.punto. a capo.

prendi un bastoncino abbastanza flessibile. puntalo su un muro e spingi. cosa fa? si piega.

prendi lo stesso bastoncino e piegalo senza appoggio. impossibile.

ora tu mi spieghi come fai a far passare la schiena al cavallo(che, concettualmente, è la stessa cosa che fa il bastoncino.. si piega verso l'alto) senza niente su cui appoggiarlo.

se riesci a farlo ti iscrivo alle olimpiadi.

per questo io(mica solo io...) sostengo che un cavallo in un pattern di reining non è rotondo e non usa la schiena. non si sta appoggiando e il suo impulso finisce col sfogare sul treno anteriore. è fisica... quella di heinstein... non teorie strampalate venute fuori da chissà dove.

il primo lavoro da fare con un cavallo, per averlo in mano e con la schiena che lavora inarcata, è fissare la redine esterna, usare solo la gamba interna e flettere con la mano interna. punto.

e in tutti i movimenti che si andranno a fare...rimarrà una redine fissa e una di flessione.

così ho fatto passare il mal di schiena anche a tanti quarter...

Link al commento
Condividi su altri siti

Se Illion ti riferivi a Vegas, ok, ma io concordo pienamente con te, sostengo infatti che per avere il cavallo rotondo e per poter lavorare bisogna usare il filetto o il morso.... *-+-+-*

Link al commento
Condividi su altri siti

Join the conversation

You can post now and register later. If you have an account, sign in now to post with your account.

Ospite
Rispondi a questa discussione...

×   Pasted as rich text.   Paste as plain text instead

  Only 75 emoji are allowed.

×   Your link has been automatically embedded.   Display as a link instead

×   Your previous content has been restored.   Clear editor

×   You cannot paste images directly. Upload or insert images from URL.

Caricamento...
 Share

×
×
  • Crea Nuovo...