Vai al contenuto

Pesce Rosso Adottato


Fedora
 Share

Recommended Posts

Ciao a tutti ieri mi è stato regalato un pesciolino rosso con pinne a vela già completo di acquario, il precedente proprietario non poteva più tenerlo e così me lo sono portato a casa, purtroppo però io non ho mai avuto pesci e quindi vorrei tutte le informazioni possibili (qualsiasi cosa)! Grazie

Link al commento
Condividi su altri siti

ciao

capiti fortunata, io sono un grandissimo esperto in pesci rossi (carassius auratus auratus)

per prima cosa bisogna sapere che un pesce rosso per vivere bene ha bisogno di almeno 40 litri d'acqua tutti per sè, più 20 per ogni nuovo esemplare, e siccome sono epsci che amano stare in gruppo, ti consiglierei di comprare un acquario vero e proprio di almeno 60 litri

qui ora ti riporto alcune notizie dal mio vademecum sul pesce rosso:

allora, partiamo con il dire che un pesce rosso della forma comune (cometa, shubunkin, trombetta ecc -vedi la scheda "varietà con il tempo"- ) hanno bisogno di almeno 30-50 litri a pesce per soddisfare le loro esigenze e far vivere loro la vita al meglio, è bene comprare per loro un acquaio quindi, di almeno 50 litri a pesce.

mettiamo di comprare 3 pesci rossi comuni o cometa, per loro ci vorrebbe come minimo un 80 litri quano sono piccoli ed un 150 litri quando cresceranno, non fatevi influenzare dalle cifre scritte, già 200 litri è relativamente piccolo...

quindi prendiamo una vasca di questa capienza, cominciamo con sistemarci sul fondo della ghiaia policroma di circonferenza massima di 6 mm. o della sabbia di fiume o ancora meglio del limo. quando sarà sparso omogeneamente, possiamo introdurre le decorazioni quali legni, pietre, ecc, ma prima di inserirle bisogna prima bollirle e lavarle con cura per eliminare i residui che comprometterebbero la vita dell'acquario. una volta sistemate le decorazioni, si passa col mettere le piante, le migliori per i pesci rossi sono le anubias, piante coriacee che si adattano a qualsiasi ambiente e non hanno bisogno di concimazioni o di substrato fertile e anche molto adatte ai pesci che ci aggiungeremo. è giunto il momento di mettere un filtro, il filtro è quella specie di motore dell'acquario che può essere interno o a zainetto cioè esterno, vi consigliamo quello a zainetto che vi semplificherà di molto la vita nella sua manutenzione. bisonga poi comprare due sostanze chiamate biocondizionatore ed attivatore batterico, da mettere in quantità moderate nell'acqua dell'acquario, l'attivatore batterico comincia a far maturare i batteri che puliranno l'acquario mentre il biocondizionatore serve a legare i metalli pesanti e ad eliminare il coloro presente nell'acqua rendendola vivibile ai pesci, e va inserito ad ogni cambio d'acqua. i pesci non vanno inseriti subito ma dopo un mese perchè i batteri ci mettono un mese per maturare e se aggiunti prima i pesci morirebbero per avvelenamento da nitriti, che raggiungono il picco massimo a 2-3 settimane per poi calare a zero verso la 4-5 settimana. affidatevi ai test per i valori dell'acqua che sono reperibili in ogni negozio di animali o di acquari, e che saranno i vostri migliori amici durante i primi mesi di vita dell'acquario.

per i pesci rossi ornamentali quali oranda, ryukin, orifiamma, black moor ecc, bastano 20-30 litri d'acqua poichè le loro dimensioni si contengono a non più di 15-20 cm, ma per allevarli ci vuole un acquario a tutti gli effetti come descritto sopra, perchè sono pur sempre pesci rossi.

dopo un mese dalla maurazione dell'acquario, si possono inserire finalmente i pesci, ma attenzione quando li inseriamo, per non far stressare i pesci, bisogna far stare il sacchetto che li contiene a mollo nell'acqua per almeno 10-30 mnuti per far abituare il pesce, poi ogni 5 minuti, versare un po di acqua dell'acquario nel sacchetto in modo da abituare meglio il pesce. dopodichè si può prendere il pesce col retino e inserirlo direttamente nell'acquario avendo cura di non buttare l'acqua del sacchetto nell'acquario, si può usare una bacinella in cui svuoteremo l'acqua posizionando il retino all'imboccatura del sacchetto per far cadere l'acqua e recuperare il pesce che verrà poi messo nell'acquario.

Da ora in poi la manutenzione dell'cquario sarà molto facile, basta cambiare ogni 2 settimane il 15-20 % dell'acqua con aggiunta di biocondizionatore e pulire la spugna e la lana filtranti del filtro settimanalmente. a dispetto di chi dice il contrario, prendersi cura di un acquario, è molto facile ed è un hobby che si consiglia a tutti perchè rilassa e dà molte soddisfazioni.

scusami per il papiro, :bigemo_harabe_net-130: ma ne vale la pena se è in ballo la vita di uno dei miei animali preferiti!

Link al commento
Condividi su altri siti

O Bravo... sei meglio di un enciclopedia... ti sei dimenticato che l'acqua prepatata del cambio va immessa alla stessa temperatura di quella della vasca per evitare stress e malattie da raffreddamento... anche la ghiaia per il fondo va lavata bene sotto acqua corrente e mai, mai in nessun caso, usare detersivi per pulire vasca e accessori...per il resto 10 e lode!! :bigemo_harabe_net-117:

Link al commento
Condividi su altri siti

Join the conversation

You can post now and register later. If you have an account, sign in now to post with your account.

Ospite
Rispondi a questa discussione...

×   Pasted as rich text.   Paste as plain text instead

  Only 75 emoji are allowed.

×   Your link has been automatically embedded.   Display as a link instead

×   Your previous content has been restored.   Clear editor

×   You cannot paste images directly. Upload or insert images from URL.

Caricamento...
 Share

×
×
  • Crea Nuovo...