Vai al contenuto

Sto Acquistando Un Pappagallo


Ospite
 Share

Recommended Posts

Ciao a tutti, sono Francesco ho 30 anni e sono di Roma.

Ho avuto esperienze con vari animali tra cui cani, gatti, roditori, pappagallini, esotici eccetera. Attualmente ho una coppia di diamantini mandarino e un canarino spagnolo. Non ho mai riflettuto troppo quando ho adottato questi animali, l'ho fatto con passione e amore. Ora mi ritrovo da più di un anno a riflettere sull'acquisto di un pappagallo (anche se mi piacerebbe adottarlo ma credo che nessuno te lo regali...). Comunque, vorrei acquistare un pappagallo e sto riflettendo molto su che scelta compiere non tanto basandomi sui miei gusti personali (opterei subito per un Ara) ma riflettendo sulle caratteristiche del mio ambiente e del mio stile di vita, per non incorrere in cattive conseguenze per il pappagallo.

Ho un negozio di animali (vendo cibo e accessori non animali) quindi un'esperienza teorica me la sono fatta... anche con molti clienti che hanno pappagalli. Lavoro spesso al negozio, che è spazioso, e frequentato da molta gente, tutti amanti degli animali. La mia casa è abbastanza grande, dotata di due balconi spaziosi, al secondo piano. La questione è che non vorrei mettere un pappagallo dentro una gabbia, vorrei educarlo e abituarlo sul trespolo, libero quindi, senza il taglio delle ali (sono contrario) e vorrei abituarlo a stare con me in negozio, sempre su un trespolo. Per fare questo so che serve pazienza e bisogna far abituare il papagallo al nuovo ambiente e ad essere in contatto con tante persone.

Sono tanti i pappagalli e tutti affascinanti e belli. Ovviamente sono molto più affascinato da quelli che emulano la voce e i suoini! Avevo pensato al CENERINO ma ho dovuto scartare questa opzione perché il Cenerino si affeziona molto al padrone e risulta ostile, scontroso o diffidente nei confronti degli sconosciuti: immaginare un Cenerino beccare la faccia di un cliente che gli sta antipatico, mi ha fatto riflettere!!!! Apparte gli scherzi.. avevo pensato anche all'ARA ma ritengo che sia troppo grande come pappagallo, lo spazio in casa c'é ma non è cosi grande per permettergli di svolazzare libero... non ho nemmeno un giardino dove potergli costruire una grande voliera.

Allora le ultime ipotesi che sto vagliando in questo momento sono per l'Amazzone farinosa o per Cacatua Sulfurea (ciuffo giallo). Sto leggendo molti testi su questi animali, e mi sembrano entrambi socievoli e abbastanza addomesticabili.

Ora vorrei sapere da chi ha esperienza reale con i pappagalli qualche consiglio, se possibile, specialmente su questi argomenti:

1) come abituare un pappagallo al trespolo, evitandogli di vivere dentro una gabbia

2) come comportarsi quando si decide di portare con Sé un pappagallo, da tenere libero ad esempio in un negozio

3) sono contrario a prendere un pappagallo troppo piccolo (nel senso appena nato) da imboccare, sono convinto che i pappagalli cuccioli abbiano bisogno di stare con la madre fino al primo piumaggio... come affrontare l'ovvia diffidenza iniziale che si instaura tra pappagallo e persona ...

Ok spero in vostre risposte!!!

CIAO

Link al commento
Condividi su altri siti

Ciao Francesco, io sono Alice e ho 19 anni.

andiamo per ordine.

Se ho ben capito vuoi un pappagallo che ti stia accanto sul trespolo mentre lavori. Allora ti sconsiglio assolutamente cocorite, calopsiti, inseparabili e tutti questi pappagallini di piccole dimensioni: sono molto vivaci e appena prendono confidenza con l'ambiente svolazzano ovunque (te lo dico per esperienza...XD) per il resto l'amazzone è un gran bel pappagallo, tranquillo e parlerà anche molto bene se gli insegni. io sono più a favore di questo che del cacatua.

ora rispondiamo ai punti...

1) Per abituarlo al trespolo esistono dei particolari trespoli con attaccata una catenella, che si lega ad una zampa del pappagallo in modo che lui rimanga fermo. La catenella è abbastanza lunga, gli premette di scendere dal trespolo e fare tutte le sue acrobazie, ma non di allontanarsi. Io però personalmente sono contraria a queste cose, sia perchè un animale legato mi fa pena e poi perchè non è detto che siano sicure (il pappagallo di mio papà con il becco ha rotto la catena ed è volato via) Per il resto ti consiglio prima di farlo abitiare all'ambiente in una gabbia: da lì può osservare il negozio, la gente che entra ed esce, senza essere disturbato. Poi quando sarà addomesticto potrai tirarlo fuori e lasciarlo tranquillo sul suo trespolo.

2) I pappagalli sono tutti animali sociali (vivono in gruppi) quindi non vanno mai lasciati soli. Il fatto che veda altra gente è quindi positivo, anche se all'inizio potrebbe spaventarsi. Ecco perchè ti consiglio la gabbia...Per il resto deve imparare ad ambientarsi e a stare accanto a te.

3) Se non lo vuoi allevato a mano ci metterai più tempo ad addomesticarlo, ma ce la farai comunque... Parlaci spesso, fagli dei versi in modo che lui capisca che lo prendi in considerazione. Comincia fin da subito ad avvicinarti alla gabbia, a farti vedere che sei tu a mettergli cibo e acqua. Poi pian piano puoi iniziare a mettere le mani dentro alla gabbia, sempre per mettergli da magiare: se lui associa le tue mani al fatto che danno cibo non avrà più paura. Non forzarlo. Non cercare di tirarlo fuori se lui non vuole e se lo fai uscire per le prime volte fai movimenti lenti e rimettilo sopra la gabbia (magari prova tutte queste cose quando il negozio è vuoto e tranquillo, così lui impara a conoscere te) per il resto quando si abituerà all'ambiente sarà a suo agio anche sul trespolo in mezzo a tanta gente. Armati di molta pazienza, i risultati arriveranno anche se non subito.

Spero di esserti stata d'aiuto e buon lavoro!!

Link al commento
Condividi su altri siti

Ciao!

Se prendi un ara, bisogna seguirlo molto perchè sono volatili molto intelligenti, e sentono la mancanza del padrone!

Visto che tu hai un negozio penso che potresti prendertelo però prima di lasciarlo libero sul trespolo devi assicurarti che stia fermo senò va adosso alla gente!

Oppure c'è un'altra possibilità, quella del parrocchetto dal collare che è molto docile.

Link al commento
Condividi su altri siti

Grazie per i vostri consigli. Mi sono informato anche da un allevatore e credo che sceglierò un'Amazzone a Fronte Gialla perché secondo l'allevatore è la razza più adatta al mio caso. Si tratta di un pappagallo socievole e che ama stare in mezzo alle persone e socializzare con tutti, purché lo si educhi a farlo sin da piccolo.

Quindi mi sono prenotato per la prossima covata di fronte gialla.. ^^

Link al commento
Condividi su altri siti

Ciao!

Bene, visto che hai fatto una bella scelta!

Infatti mi ero dimenticato di dirti che c'erano anche gli amazzoni!

Comunque gli amazzoni si affezionano molto!

Una curiosità: Lo prenderai da imbeccare?

sarà l'alelvatore che lo imbecca e me lo lascerà per le ultime imbeccate a me... non me la sento di gestire un pullo, ho paura di farlo morire :(

Link al commento
Condividi su altri siti

Ciao Francesco, di che parte di Roma sei? sono di Roma anche io.

ti volevo brevemente raccontare la mia esperienza:

io ho come pappagalli 4 agapornis (tutti allevati a mano) e un amazzone testa gialla (femmina).

L'amazzone è' con noi da quando ha circa tre anni, quindi non da quando era una pulletta, ma comunque nemmeno da troppo vecchia, vista soprattutto l'età media di vita. Per quanto tutta la famiglia abbia interagito con lei dal primo giorno, non c'è stato nulla da fare, ha scelto mio padre (fra l'altro quello che se ne occupava meno). Oggi vive gran parte delle sue giornate in voliera, perché, escluso mio padre, nessuno gli si può avvicinare.. c'è il rischio di perdere dita e occhi. Quando è fuori dalla voliera, dobbiamo annunciare prima il nostro passaggio in modo che mio padre la possa prendere e permetterci d'andare dove dobbiamo andare, altrimenti ci si butta contro.

questo è solo per dirti, che i pappagalli sono si animali molto molto intelligenti, ma ognuno di loro al suo carattere, a prescindere dalle nostre buone intenzioni... loro sono quello che sono.

l'idea di tenere un animale libero è splendida, ma comunque munisciti di una bella e spaziosa voliera per quando non ci sarai (è buona cosa non lasciare in libertà pappagalli non custoditi, hanno la buona fama di finire nei guai molto facilmente), per la notte ecc.. inoltre se mai dovesse capitare di doverti assentare per qualche giorno, e affidarlo a qualcuno, dei essere certo che abbia il suo spazio, i suoi giochi, le sue sicurezze. I pappagalli sono animali molto abitudinari e cambiamenti troppo bruschi o ripetuti, non gli fanno bene.

io sono d'accordo al trespolo, ma assolutamente contraria a catenelle o cose simili (molto pericolose) e al taglio delle remigati (meno dannoso fisicamente, ma dannosissimo per la psiche dell'animale, che viene privato della sua capacità di volare e quindo di fuggire al pericolo). Quindi decidi bene, vagliando anche bene il discorso porte e finestre, ottime vie di fuga (un qualsiasi rumore nuovo o stazione diversa potrebbe spaventare l'animale e indurlo a volare via). Dovresti vagliare anche il fatto, non remoto, che in un negozio, dove tu giustamente svolgi i tuo doveri, potresti distrarti un attimo, e un pappagallo addestrato, libero su di un trespolo potrebbe suscitare non pochi cattivi pensieri ad un cliente di passaggio non particolarmente educato (scusa la franchezza, ma un pappagallo di taglia media addomesticato ha il suo valore economico e io non mi sentirei tranquilla).

Link al commento
Condividi su altri siti

Join the conversation

You can post now and register later. If you have an account, sign in now to post with your account.

Ospite
Rispondi a questa discussione...

×   Pasted as rich text.   Paste as plain text instead

  Only 75 emoji are allowed.

×   Your link has been automatically embedded.   Display as a link instead

×   Your previous content has been restored.   Clear editor

×   You cannot paste images directly. Upload or insert images from URL.

Caricamento...
 Share

×
×
  • Crea Nuovo...