Vai al contenuto

Addestramento Falconi


Ospite
 Share

Recommended Posts

Dapprima un saluto a tutti e una mia breve presentazione. Sono un ragazzino di 50 anni e da sempre la passione per i falconi mi tormenta. Certo non avendo le conoscenze giuste mi impauriva. Le solite domande affioravano riuscirò ad allevarlo? riuscirò a farlo volare (in gergo a volarlo)? che problemi potrà avere? ecc. Poi dopo aver letto libri e aver conosciuto alcuni falconieri ho ritenuto di essere in grado di gestire al meglio un falcone. Quindi dopo una valutazione del posto dove vivo, della distanza da casa ai luoghi di volo e altro ho scelto il tipo. Una gentile femminuccia di falco cherrug cherrug, meglio conosciuto come falco sacro.

Avete letto bene "falconieri" perchè un rapace non può ripeto "NON PUO'" vivere chiuso in gabbia o voliera deve poter volare almeno un giorno si e uno no (meglio tutti i giorni).

Certo prima di portarlo a casa occorre una attenta valutazione dell'attrezzatura e della scelta. Giusto per aver un'idea su quello che serve:

- guanto

- braccialetti aylmeri

- moschettoni

- lunga e lunghina

- girelle

- geti

- sonagli

- filagna

- blocchi

- logoro

- borsa o gilet zaino

- attrezzatura radiotracking (trasmittenti e ricevente)

- bilancina con precisione al grammo

- congelatore per il cibo

- trasportino

- eventuale falconiera

- cibo congelato (DOCS, quaglie, colli e teste di pollo, piccioni o topolini)

Dopo essersi attrezzati di tutto punto giunge finalmente il fatidico momento. Il periodo della deposizione (sempre in relazione al fotoperiodo) è circa i primi di marzo, 30 giorni di cova e poi la schiusa. La cessione del pullo avviene tra i 45 e i 60 giorni dalla nascita (l'imprinting sui falconi non è necessario), con regolare consegna del CITES.

Nella prossima puntata, se lo ritenete interessante, scriverò su come ci si deve comportare nei primi giorni di convivenza.

Link al commento
Condividi su altri siti

Molto interessante! Soprattutto perchè è un tipo di allevamento su cui bisogna necessariamente fare la valutazione dei pro e dei contro.. credo che siano necessarie grande costanza e dedizione!

Link al commento
Condividi su altri siti

Ciao Bardo, ebbene si il tempo che devi dedicare a un rapace è tantino. Non solo ma devi studiare un pochino prima di addestrane uno e devi stare attento a tutti gli errori che puoi compiere involontariamente. Esempio stupido non devi mai dico "MAI" presentare il cibo con la mano destra (sulla sinistra c'è il rapace sul guanto) lui associerà subito mano=cibo e sai quale sarà l'effetto??? Ogni volta che ha fame e vede la mano dx l'attacca pennsando che lì ci sia cibo, risultato????? rischio pronto soccorso e cucitura dita e sicura iferita con infezione. Avete presente come sono gli artigli di un rapace???? Figurati i poveri disgraziati che prendono un bestione di gufo reale (bubo bubo) peso delle femmine sino a 4 Kg. e apertura alare di 2 mt. (pellegrino brookei femmina 1,1 Kg. e apertura alare 115 cm) :bigemo_harabe_net-102:

Link al commento
Condividi su altri siti

Eccomi ancora,

ora abbiamo il rapace e lo portiamo a casa nell'apposito trasportino (non sto a tediarvi con le indicazioni per il trasportino) arrivati lo mettiamo nella falconiera ( 2/3 mt. di lunghezza per 2 mt. di larghezza e 2,5 mt di altezza) dove avremo posizionato i posatoi rivestiti in astroturf. Questo materiale serve (in combinazione a regolari voli giornalieri) a limitare gli effetti del bumblefoot ( Il termine bumblefoot ha un significato abbastanza ampio includendo non solo la pododermatite settica, ovvero la vera e propria infezione del piede del rapace, ma ogni sorta di problema degenerativo o infiammatorio delle zampe quali gli ispessimenti della cute, le lievi abrasioni, gli arrossamenti cutanei, le piccole ferite e gli ingrossamenti dei cuscinetti plantari, in modo principale di quello centrale ). I primi 5/7 giorni servono per l'ambientamento dove nei primi 2/3 giorni faremo mangiare il nostro rapace fino a che ne avrà voglia (gli daremo il cibo e controlleremo che ne avanzi) annotano ogni giorno il tipo e il quantitativo di cibo. In questi primi giorni dovremo abituare il rapace al pugno. Questo ci impegnerà tante ore ogni giorno (quante ore?????? quante + potrete ... sopratutto nelle ore notturne), questa attività viene definita ammansimento.

Quando il vostro rapace si sarà calmato avrà mangiato a sazietà e si sarà abituato al nuovo ambiente e al pugno .... ebbene dovremo pesarlo e dovremo ora metterlo adieta (dovrà perdere circa il 15%) per ottenere un discreto peso di volo, la diminuzione di peso si ottiene scegliendo e razionando il cibo e con fitness

eheheheheheheheheheheheh

Non spaventatevi, non avete letto ancora nulla aspettate i prossimi capitoli

Link al commento
Condividi su altri siti

Grazie a tutti, si in effetti il sacro è un animale fantastico.

Eccoci pronti per la terza lezioncina.

Nel momento in cui il nostro rapace si è abituato alla nostra presenza e si fa maneggiare (maneggiare non vuol dire accarezzare, ma che sta bene sul pugno) e si rilassa sul pugno dobbiamo iniziare con i primi saltini sul pugno dal blocco. Iniziamo questa attività al mattino e prima di avergli dato da mangiare. Sul guanto posizioniamo un pezzetto piccolo di cibo (mi raccomando il rapace non deve mai vedere la carne nella nostra mano destra) e ci avviciniamo a lui, quando saremo abbastanza vicini il rapace cercherà di allungare il collo per mangiare ma noi staremo sempre fuori portata per mangiare dovrà saltare. All'inizio ci vuole un po di tempo e il primo giorno sarà dedicato a questa attività. Non gli daremo da mangiare fintanto che non avrà fatto il primo saltino. Se in questo primo giorno non salterà allora mangerà alla sera un solo pulcino (o mezzo) e poi a nanna. Il giorno sucessivo ricominceremo d'accapo e sono sicuro che avendo fame e avendo capito l'antifona salterà. Nei giorni seguenti dovremo aumentare il numero di salti ed eventualmente la distanza. Nella seconda puntata avevo accennato alla diminuzione di peso, ebbene questa si ottiene con carni poco nutrienti o con carni lavate il falco inoltre va pesato ogni giorno e dovremo annotare su apposito diario il giorno il peso del rapace e il cibo (varietà e peso). Il falcone non dovrà perdere + di 5/10 gr. al giorno e nel frattempo dovremo iniziare a muscolarlo con l'attività fisica.

Ciao e alla prossima

Link al commento
Condividi su altri siti

Bello il video e comunque anche a me piacciono molto i falconiformmi, e vorrei diventare un falconiere, ma Bardo secondo te le scuole di falconiere sono anche per Minorenni??

Ora rix tutti a questa domanda Grazie: http://www.animalinelmondo.it/forum/index....showtopic=24447

Link al commento
Condividi su altri siti

Io penso che non sia permesso ai minorenni, credo sia necessaria la maggiore età. Però meglio chiedere ad Arpad!

Link al commento
Condividi su altri siti

Ho risposto in pm

comunque penso che la risposta sia di interesse, quindi la giro a tutti. :bigemo_harabe_net-102:

Purtroppo il comma 2 dell'art. 13 della legge 157/92 prevede l'uso del falco come mezzo per l'esercizio dell'attività venatoria (dura lex sed lex). Quindi per essere certi di non avere problemi bisogna avere la licenza di caccia anche se non si caccia (potrebbe essere veramente rischioso)

http://www.birdstrike.it/birdstrike/file/i...Legge157-92.pdf

Un salutone

Enrico

Link al commento
Condividi su altri siti

Join the conversation

You can post now and register later. If you have an account, sign in now to post with your account.

Ospite
Rispondi a questa discussione...

×   Pasted as rich text.   Paste as plain text instead

  Only 75 emoji are allowed.

×   Your link has been automatically embedded.   Display as a link instead

×   Your previous content has been restored.   Clear editor

×   You cannot paste images directly. Upload or insert images from URL.

Caricamento...
 Share

×
×
  • Crea Nuovo...