Vai al contenuto

Scene Di Maltrattamento On Line, Polizia Postale Può Fare Ma...


mayacoya
 Share

Recommended Posts

(Dal sito ANIMALI e ANIMALI)

Questioni legali

SCENE DI MALTRATTAMENTO ANIMALE ON LINE, "POLIZIA POSTALE PUO' FARE MA...."

21 gen 08

Risposta del Ministro Gentiloni a interrogazione dell'on. Mellano.

21 gennaio 2008 - "Appaiono ogni giorno sulle pagine web scene di animali torturati, picchiati, uccisi: si tratta di reati che nella maggior parte dei casi non vengono puniti". L'On Bruno Mellano, Rosa nel pugno, si è rivolto al Ministro delle Comunicazioni, Paolo Gentiloni, chiedendogli attivarsi nei confronti dei provider e di impedire la diffusione di questo materiale". "Il sadismo nei confronti degli animali- dichiara Mellano- è un reato analogo a ogni tipo di comportamento che danneggi fisicamente un animale o implichi un comportamento innaturale per la sua indole". L'onorevole cita le segnalazioni ricevute dall'ENPA: un gatto lanciato da una scarpata, uno scoiattolo attirato con un esca e sbattuto con violenza con una catapulta rudimentale contro un albero, una tartaruga bruciata viva, un piccolo felino addirittura decapitato.

Gentiloni ha risposto che "il servizio di Polizia postale e delle comunicazioni riceve quotidianamente segnalazioni di utenti internet relative alla localizzazione in rete di foto o filmati che documentino la commissione, vera o presunta, di reati di ogni genere, compresi quelli relativi a maltrattamenti o uccisione di animali".

Il Ministro ha aggiunto che notizie di questo tipo, acquisite anche attraverso il Commissariato on line, vengono attentamente controllate e , laddove venga effettivamente accertata la natura illegale, si procede ad informare l'Autorità giudiziaria.

Tuttavia, Gentiloni aggiunge che " allo stato non esistono, strumenti normativi che obbligano i provider nazionali all'inibizione dell'accesso da parte degli utenti italiani a tali siti su segnalazione dell'Autorità, così come invece previsto per quelli pedopornografici (articolo 14-quater della legge 3 agosto 1998, n. 269).

"Ii contenuti immessi dagli utenti - ha proseguito il Ministro delle Comunicazioni-non debbono violare i termini del contratto stipulato con il fornitore del servizio e che, di norma, comprendono il divieto di pubblicare materiale osceno, illegale, relativo a violenze o più genericamente ritenuto offensivo o improprio, pena la rimozione immediata del contenuto stesso. Gli stessi provider, pur ribadendo più volte che le difficoltà di natura tecnica rendono impossibile un monitoraggio totale e costante dei contenuti immessi dagli utenti, hanno in più occasioni collaborato fattivamente con il servizio della Polizia postale, all'oscuramento di siti e-o contenuti illegali, fornendo su richiesta e con procedure particolarmente celeri, tutti gli elementi utili all'identificazione di utenti ritenuti responsabili di reati, per il loro successivo deferimento all'Autorità giudiziaria".

da Anmvi Oggi

Link al commento
Condividi su altri siti

Join the conversation

You can post now and register later. If you have an account, sign in now to post with your account.

Ospite
Rispondi a questa discussione...

×   Pasted as rich text.   Paste as plain text instead

  Only 75 emoji are allowed.

×   Your link has been automatically embedded.   Display as a link instead

×   Your previous content has been restored.   Clear editor

×   You cannot paste images directly. Upload or insert images from URL.

Caricamento...
 Share

×
×
  • Crea Nuovo...