Vai al contenuto

Chiarezza Sull'aviaria


Recommended Posts

Ormai il temuto virus dell'aviaria ha raggiunto l'Italia. Anche il nostro paese si sta dimostrando incivile e brutale nell'affrontare il problema , soprattutto per il non rispetto degli altri esseri viventi e della loro vita. Animali ancora vivi ammassati in sacchi della spazzatura e buttati come se nulla fosse!Il virus, sebbene pericoloso, sarebbe sicuramente meno doloroso per loro!

é vero, i virus sono le forme di vita più forti sul pianeta, ma l'ignoranza è il male peggiore!

Che tristezza, i giornali creano solo allarmismo e non parlano di articoli che potrebbero tranquillizzare la gente. Ecco il chiarimento, ormai necessario, da parte dell'Associazione Nazionale Medici Veterinari:

INFLUENZA AVIARIA, L’ANMVI CHIARISCE: IL RISCHIO DI CONTAGIO È PARI A ZERO PER I NOSTRI ANIMALI DOMESTICI

L’Anmvi è finalmente scesa in campo per chiarire i dubbi sulla impossibilità di trasmettere l’influenza aviaria attraverso il pet food. Molte persone infatti continuano a temere la possibilità di un contagio attraverso la pappa o per via aerea, che possa infettare il proprio quattrozampe o un uccellino domestico. Ma i veterinari hanno sgomberato il campo da ogni informazione scorretta, andando a ribadire quanto l’Enpa sta dicendo ormai da mesi, che il panico fa male solo agli animali e che in l’Italia le probabilità di un’epidemia sono minime.

“Siamo al delirio”, ha dichiarato l’Associazione nazionale medici veterinari italiani, che si è rivolta alla stampa con un comunicato chiedendo che “si abbassino i toni dell’informazione e si restituiscano al fenomeno le giuste proporzioni”. Il rischio serio, come ha precisato infatti il presidente dell’Anmvi, Carlo Scotti, è soprattutto che la disinformazione crei reazioni spropositate di fronte a un problema le cui dimensioni non sono affatto quelle gonfiate dai media.

A proposito della possibilità di contagio per gli animali domestici, l’Anmvi ha ricordato che “i decessi si sono verificati in famiglie o individui nei quali la convivenza e promiscuità con gli uccelli infetti era estrema, con probabile inalazione ripetuta di escrementi per la permanenza prolungata negli stessi locali o per un contatto diretto o ingestione di sangue vivo di diversi animali ammalati”. L’intervento si è concluso con qualche battuta sulle possibilità del gatto di casa di incontrare un’anatra selvatica sono limitate alla visione del protagonista di un cartone animato televisivo dei Looney tunes; non ha aggiunto che il noto Daffy Duck è, nei fumetti, eterna vittima di ingiustizie. Più o meno come gli altri volatili che con l’influenza aviaria continuano a scontare la scelta, esclusivamente umana, di tenere animali negli allevamenti intensivi. (21 febbraio)

Fonte: www.enpa.it

Con l'augurio che queste cose abbiano maggiori canali di pubblicità e ascolto. Purtroppo le notizie peggiori sono sempre quelle che hanno i maggiori ascolti!

Link al commento
Condividi su altri siti

Non so se posso parlare troppo perchè non mi sono molto documentata sull'argomento ma secondo me la paranoia l'hanno un po architettata le case farmaceutiche....

Link al commento
Condividi su altri siti

Join the conversation

You can post now and register later. If you have an account, sign in now to post with your account.

Ospite
Rispondi a questa discussione...

×   Pasted as rich text.   Paste as plain text instead

  Only 75 emoji are allowed.

×   Your link has been automatically embedded.   Display as a link instead

×   Your previous content has been restored.   Clear editor

×   You cannot paste images directly. Upload or insert images from URL.

Caricamento...
 Share

×
×
  • Crea Nuovo...