Vai al contenuto

ciberlaura

Members
  • Numero contenuti

    1246
  • Iscritto

  • Ultima visita

Profile Information

  • Gender
    Female
  • Location
    perugia
  • Interests
    istruttore cinofilo apnec; operatore cinofilo per scopi sociali

Visite recenti

1152 visite nel profilo

ciberlaura's Achievements

Newbie

Newbie (1/14)

0

Reputazione Forum

  1. Grazie per avermi aggiunta come amica =)

  2. "IL CARATTERE DELLO SHAR-PEI Trattasi di un cane estremamente intelligente, infatti nell'antica Cina i soggetti che non dimostravano una spiccata intelligenza venivano soppressi e mangiati. In alcuni casi è un pò ostinato ma basta usare la mano ferma fin da cucciolo. Trattasi di un cane dignitoso, sobrio, un pò snob, con una proverbiale diffidenza verso gli estranei ed una sconfinata devozione verso il padrone. Possiede le qualità del cane da guardia senza tuttavia mai attaccare, si limita a segnalare la presenza di un estraneo con un sordo brontolio... Sono pigri di natura e se in una casa esistono divani e caminetti , saranno i loro posti preferiti. Si attaccano morbosamente ad un membro della famiglia, di solito scelti da loro stessi e da quel momento sono la sua ombra. Si affezionano anche agli altri membri ovviamente ma il vero padrone, colui al quale concedono una fiducia illimitata, sarà sempre quello scelto da loro. Ecco perchè si dice che "non si possiede uno Shar-pei" ma "si è posseduti da uno Shar-pei". Odiano la pioggia e l'acqua in generale e se portati a passeggio nelle giornate di pioggia evitano scrupolosamente le pozzanghere che incontrano sul loro cammino. E' una loro abitudine, in segno di affetto, di prendere in bocca la mano del padrone oppure di dare la zampa per attirarne l'attenzione in cerca di una carezza. Sono dei formidabili cacciatori di animali quali, topi, gatti, uccelli, lucertole dovuto al fatto che nell'antica Cina il cane non veniva sfamato dal padrone ma doveva procurarsi il cibo. Non è un cane per tutti ed ha bisogno della presenza assidua del padrone, deve sentirsi amato e far parte della famiglia, soffre moltissimo per l'assenza del padrone." Ho riportato alcune caratteristiche peculiari dello Shar pei perchè visto il post mi sembrava corretto partire (per rispondere ai tuoi dubbi) da ciò che dice lo standard e alcuni allevatori del carattere di questa razza molto ma molto particolare. E' una razza orientale quindi dignitosa, riservata, e come hai notato non ama le smancerie e l'essere toccato. Il tuo cane non ha nulla che non vada a parte probabilmente una gestione familiare che va cambiata ma presenta tutte le caratteristiche tipiche di questa razza. Il tuo cane (come tutti i cani) non deve essere costretto a "subire" le tue carezze o quelle di altri se non vuole, è la sua natura di cane riservato. Probabilmente ama molto di più stendersi ai vostri piedi sul tappeto mentre guardate la tv e farvi da accompagnatore silenzioso e discreto. E' un cane che non gioca con altri cani, gli importa soltanto stare con il suo padrone. Insomma più che parlare di addestramento direi che occorre parlare di caratteristiche di razza. Mettete in pratica le regole del "buon capo" quelle che vi hanno detto gli altri, ma allo stesso tempo rispettate la sua natura di "vero samurai". Lo shar pei è un cane magnifico dignitoso in tutte le sue espressioni anche quelle affettive: che per noi possono sembrare fredde e distaccate ma per questi cani vale più uno sguardo che milioni di carezze. E' chiaro che un cane non dovrebbe mai ringhiare al proprio padrone solo perchè lo tocca..ma ripeto la razza in questione è molto particolare non ama il contatto fisico, diciamo che è un pò gatto, quindi io direi che sarebbe bene trovare un giusto compromesso. Seguite le regole in modo da far capire al cane qual'è il suo posto in famiglia ma osservatelo e cercate di capire cosa gli piace, cosa non va ecc... un educatore vi può sicuramente aiutare ma deve utilizzare solo metodi non coercitivi e deve conoscere questo tipo di cane. Ricordate la razza del vostro cane, le sue origini e quello per cui era stato selezionato e il suo stile di vita...la genetica conta molto insieme all'ambiente e alle esperienze di vita. Se avete altri dubbi chiedete pure
  3. ciberlaura

    E' Arrivata Kali'

    Ciao a tutti, finalmente è arrivata la mia nuova compagna a 4zampe. Si chiama Walla Wanda Lullaby made by waves sound al secolo "Kalì" pastore australiano blue merle di tre mesi e mezza. E' simpaticissima, giocherellona, attivissima e molto intelligente..naturalmente lavorerà con me nella pet therapy! Vi posto alcune foto... http://img231.imageshack.us/img231/9726/kali43.jpg http://img291.imageshack.us/img291/3482/3mesi4.jpg http://img3.imageshack.us/img3/2861/3mesi8.jpg
  4. Non voglio scoraggiarti ma questo cucciolone ha dei grossi problemi. probabilmente non è stato socializzato con le persone e con gli animali ed ha subito dei traumi da parte di altri. La paura in un cane è molto pericolosa perchè induce il cane a fuggire sempre e comunque e quando è messo alle strette può diventare pericoloso. Ti consiglio di cuore visto la mole del cane e la razza (bellissima e straordinaria ma molto impegnativa) di trovare un addestratore anche a domicilio che ti aiuti. Da solo è assai difficile recuperare. Fai come ti ha detto Zarina aspetta che sia lui ad avvicinarsi a te e non viceversa ma chiedi aiuto ad un esperto.
  5. ma abbaia sempre e in continuazione quando le metti il guinzaglio ed esci? Lo fa per tutta la passeggiata? Dammi qualche altra info vedo se riesco ad aiutarti.
  6. dipende anche dal carattere del cane, se lei è molto sensibile, un buffetto sul muso anche dato solo una volta con troppa energia da tua madre potrebbe averla comunque condizionata verso di lei. Magari non l'ha fatto apposta però la cagnolina potrebbe essersi spaventata. Se non si ripeterà vedrai che le passerà e di te si fida!
  7. ma non hai provato a farlo dormire in un kennel? Se il tuo veterinario esclude la causa fisiologica (ovvero il cane non riesce a trattenersi perchè sta male) allora puoi provare a farlo dormire in una gabbia con una traversa. Dagli da mangiare la mattina e il pomeriggio, evita la sera così riduci il rischio delle feci di notte. Portalo fuori tardi la sera e per un certo periodo alzati presto la mattina, insomma come faresti con un cucciolo. Se anche questo non funziona..secondo me il cane sta male, ma davvero male!
  8. complimenti per la cagnolona! Il rodesian è una delle mie razze preferite e lo ritengo fantastico!!!! Un abbraccio
  9. Porta il cucciolone fuori al guinzaglio, portalo a giocare con altri cani ne ha assolutamente bisogno. Il Pastore tedesco è un cane da lavoro molto energico e forte e i maschi quando entrano nella maturità possono diventare molto irruenti, quindi devi iniziare ad educarlo ai comandi di base: seduto, vieni, resta. Devi portarlo in giro al guinzaglio insegnandogli a camminare bene al guinzaglio e devi instaurare un rapporto stretto con lui, altrimenti quando crescerà non ti considererà più. Quindi socializzazione, portandolo fuori e facendogli conoscere animali, persone ambienti nuovi. Educazione di base: seduto, fermo, vieni. Se da solo non riesci fatti aiutare da un educatore, non aspettare che il cane cresca pensando che tanto si calmerà perchè non è vero. Attenzione all'altro cane, perchè quando il PT sarà adulto potrebbe creare problemi all'altro..mi raccomando attenzione! Fai con lui giochi di riporto della pallina o oggetti oppure di ricerca...insomma stancalo non solo fisicamente ma anche mentalmente. Il pastore tedesco è un cane attivo anche da adulto, odia la solitudine, ama stare insieme al suo padrone e lavorare. Non lasciatelo troppo solo e fai con lui trekking o corse o altro..se non si scarica abbastanza inizierà ad abbaiare e a essere sempre nervoso. se puoi frequenta un buon corso di educazione di base così farai socializzare il tuo cucciolone e imparerai a gestirlo anche da solo.
  10. concordo con voi: per un'educazione di base va bene anche da autodidatta, ma vista la particolarità del cane in questione io qualche soldo per un corso di educazione di base da persone serie ce lo spendereie meglio farlo subito con un cucciolo che spendere poi un patrimonio con un cane adulto da correggere. Naturalmente è un consiglio generale, magari riuscirai a fare tutto benissimo da sola, ma non escludere la possibilità di chiedere ad un esperto..e poi è bellissimo potersi confrontare e vedere in pratica quello che viene descritto nei libri o l'esperienza e la capacità di una persona che lavora da anni con i cani. Comunque di libri sull'educazione ce ne sono a bizzeffe per scegliere occorre guardare chi l'ha scritto e magari farsi consigliare da chi li ha letti. resto dell'idea che la teoria non può mai sostituire la pratica, servono entrambe. Complimenti per la scelta del cane e facci sapere come andrà con lui. fatti dare tanti consigli e dritte dall'allevatore per crescerlo bene, ci sono poche persone anche fra gli educatori che conoscono questa razza, quindi tieniti in contatto con l'allevatore così potrai chiedergli consiglio per ogni evenienza! Aspettiamo le foto!!!!!!
  11. Può entrarci un fattore di stress o di predatorio. I boxer sono cani molto attivi e giocherelloni, se lui è stato per molto tempo legato e magari non è stato ben socializzato, potrebbe entrare in stress con le bici perchè non le conosce oppure si eccita vedendole muoversi. Comunque sia ha ragione Zarina occorre desensibilizzarlo. Tra l'altro è possibile che faccia lo stesso vedendo le auto o persone che corrono o bambini che corrono...fai caso se anche queste cose lo disturbano. Oltre a lavorare sulle bici, lavora molto sul cane premiandolo quando è tranquillo, magari facendo passeggiate prima in ambienti tranquilli poi in quelli più movimentati. Se hai difficoltà consulta un esperto che possa vedere il cane di persona vista la mole e l'energia che possiede un boxer può farti comodo. Facci sapere come va.
  12. non è un comportamento da cane dominante ma da cucciolo normalissimo. Le cose da fare sono oltre che stabilire delle regole e ignorarlo quando ha questi comportamenti come dicevano Marty, Zarina e Abigail, occorre controllare la sua energia, che in questo momento è tantissima ed ha bisogno di essere scaricata, ma non solo fisicamente anche mentalmente. Quindi ok la passeggiata nel bosco e i giochi vari, ma occorre anche portarlo a camminare con il guinzaglio in città, fargli conoscere animali e persone nuove. Ha bisogno di giocare con altri cani che gli insegnino a moderare morsi e giochi irruenti. Concordo nel togliere per un pò i giochi del tiraemolla e della lotta, facendo solo giochi di riporto di oggetti o di ricerca. Fate regolarmente degli esercizi come il seduto, il vieni ecc...magari dopo che ha giocato un pò. Considerate anche che più un cucciolo è stanco meno riesce a controllarsi, quindi è necessario stare attenti a non "stressare" il cane con giochi eccessivi o troppo violenti. Una volta finito il gioco date al cucciolo un ossetto da rosicchiare in modo che l'adrenalina proviocata dal gioco pian piano se ne vada e il cucciolo si calmerà. In questa fase occorre molta pazienza, coerenza e calma. Dopo il gioco mettete il cucciolo in un posto suo tranquillo dove possa dormire, è importante che possa riposare senza che nessuno lo disturbi. Per riassurmervi: -niente giochi tiraemolla o lotta -smettere di accarezzare o giocare quando il cucciolo abbaia o morde -non permettere che morda mani o piedi o caviglie, se lo fa, smettete di giocare con lui -va portato al guinzaglio in ambienti nuovi e deve conoscere animali nuovi e persone. Deve poter annusare e conoscere ciò che lo circonda - fate giochi di ricerca o riporto -regole precise in casa Se avete difficoltà trovate un buon educatore anche solo per avere qualche consiglio su come crescerlo al meglio. Considerate che essendo un maschio verso i 8-9 mesi maturerà e questo comporterà altri problemi di controllo, quindi agite subito chiedendo consiglio a qualche educatore. Fateci sapere come va.
  13. farei di corsa una visita da uno specialista tipo neurologo per animali, perchè la bocca storta potrebbe essere il sintomo di una paresi o di qualcosa che le è accaduto all'interno. Magari da un occhio ci vede meno o ha problemi di equilibrio..insomma più che un comportamentalista serve assolutamente la visita di uno specialista. facci sapere.
  14. Non ci sono molto consigli da poterti dare. Dipende molto dalla volontà di tua madre di continuare a tenere questo cagnolino e di impegnarsi perchè si abitui alla nuova vita. Se voi siete ansiosi o iniziate a risentirvi verso il cane le cose potranno solo peggiorare. L'idea del recinto mi sembra troppo drastica per un pincherino di 10 anni abituato in casa...insomma mi sembra uno "scarica barile". Potresti alternarti con tua madre nel gestire il cane anche se tu non vivi più con loro, per esempio andandolo a prendere la sera o al mattino prima del lavoro..insomma dovreste aiutarvi a vicenda. Un pincher di 10 anni abituato in casa e poi sbattutto in un recinto in un giardino mi sembra davvero troppo. Il cagnolino soffre per la tua lontananza e per quella di tua madre quando non c'è...dovete mettervi daccordo e gestirlo insieme.
  15. concordo con Zarina, se non riesci ad abituarlo ad avvisarti quando gli scappa o a farla comunque nel posto giusto direi che puoi confinarlo in una cuccia grande o in kennel quando non ci sei con una traversina in modo che sia costretto a sporcare lì. Incide anche il fatto che i cani da caccia hanno un metabolismo molto accelerato e quindi fanno i bisogni più spesso di altri cani. prova anche a dargli solo due pasti al giorno e dargli una marca di mangime di ottima qualità. Considera che se il cane mangia male e spesso aumenterà il volume di acqua e delle feci che farà. Può anche essere che non si abituerà mai, uno perchè è malato e due perchè non sai quante ne abbia passate, quindi pensa a trovare il modo di confinarlo in un posto comodo quando non ci sei senza lasciargli tutta la casa a disposizione. Controlla con il vet che non ci siano problemi anatomici di vescica o intestino. Facci sapere come va
×
×
  • Crea Nuovo...