Vai al contenuto

L'acquisto Di Un Anfibio


Recommended Posts

Ho pensato che potesse essere cosa gradita a tutti indicarvi le nozioni

di "base" per acquistare un anfibio sano evitandovi così dispiaceri e

spese in veterinari.

Principalmente si dovranno osservare le condizioni di idratazione dell'esemplare,

in caso di salamandre se la coda è bella tondeggiante nei tritoni per quanto la coda sia

appiattita deve avere almeno centralmente un po’ di tondeggiatura, se gli occhi

non sono infossati o gonfi è già un buon inizio, anche la pancia deve essere

leggermente tondeggiante significa che l'anfibio in questione è in forma.

Anche per rane e rospi vale il discorso degli occhi e della pancia e aggiungo che

tutti gli anfibi devono avere la pelle liscia e non raggrinzita(liscia anche sopra alle protuberanze naturali dell'esemplare).

Altra cosa da monitorare è la bocca, che non deve presentare escrescenze sulle

labbra(possibili ascessi) o lesioni di alcun tipo. Controllate comunque su

tutto il corpo che non ci siano ferite o ustioni.

Controllate anche che le zampe siano dritte e che sostengano bene l'esemplare,

ciò dovrebbe provare che l'animale non è soggetto a carenze di calcio o

fratture agli arti.

Se è un anfibio diurno dovrebbe essere piuttosto attivo mentre se è notturno

dovrebbe dormire in un rifugio ma se lo distrubare dovrebbe tentare la fuga o

la difesa(non è sempre così alcuni anfibi son pacifici, per cui se l'aspetto è

buono si può tentare comunque l'acquisto).

In caso ve ne fosse data la possibilità chiedete a chi ve lo vende di vederlo

mangiare.

L'ultimo accorgimento che però avviene subito dopo l'acquisto è un esame

fecale(una piccola spesa dai 10 ai 20€ va a discrezione del veterinario) che

evidenzierà se c'è la presenza di parassiti o meno.

Un'ultima cosa, moltissimi negozi comprano animali di cattura per rivenderli,

quindi ovunque voi andiate chiedete animali nati in cattività per due motivi,

il mercato degli animali di cattura è pessimo per come vengono trattati gli

animali e poi un animale nato e cresciuto in cattività solitamente è più sano

Tra i sauri i più facili da trovare nati in cattività sono: Axoloth, Pleurodeles w., Ceratophis e spesso le Dendrobates quando le si trova.

Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
  • 6 years later...

Alcuni animali esotici che vengono normalmente venduti da negozianti e/o allevatori necessitano di un documento CITES, questo documento attesta la provenienza dell'animale, la specie e l'allegato con appendice CITES.

Per sapere quali specie sono in CITES(per eventuali nuovi arrivi o per sapere se l'animale che avete ne necessita) potete usare il data base di questo sito, inserendo la specie o il genere nella stringa di ricerca:

http://www.unep-wcmc.org/index.html?http:/.../index.cfm~main

Se comprate un animale in CITES, dovete pretentdere dal venditore che vi sia rilasciato un documento CITES.

Oltre a ciò con l'ultimo convegno risalente all'Ottobre '04 sono stati modificati gli elenchi degli animali in CITES ed alcune norme sulle appendici - allegati.

Ecco le modifiche:

Allegato A:

- Tutte le specie in appendice I

- Alcuni animali in appendice II e III per cui l'EU ha adottato misure più rigorose.

Allegato B:

- Quasi tutte le specie in appendice II

- Alcune specie in appendice III

Allegato C:

- Quasi tutte le specie in appendice III

Allegato D:

- Alcune specie in appendice III per cui l'EU ha ancora qualche riserva.

Ho riportato le nuove norme per alcuni semplici motivi, prima della modifica del 2004 era possibile trovare animali in Allegato D appendice II cosa che ora non è più possibile, per cui è necessario informare l'ufficio CITES della vostra zona di quale animale siete in possesso e quale modifica dovete apportare.

Allo stesso tempo, se tramite il sito che vi ho linkato, scoprite di possedere un animale in CITES del quale non avete il documento perchè quando l'avete comprato l'esemplare non era ancora negli elenchi CITES ora dovete informare l'ufficio CITES della vostra zona di quale animale siete in possesso ed effettuare la denuncia di possesso in realazione al Regolamento (ce) 1332 del 09/08/2005.

Vi faccio alcuni esempi pratici per chi non avesse ben compreso ciò che ho voluto dire:

Fino allo scorso anno i gechi Phelsuma madagascariensis grandis erano in Allegato C appendice II, per cui se dovesse venire da voi la forestale per un controllo non sareste in regola con il documento attuale, per cui doveta chiamare l'ufficio CITES della vostra zona e dichiarare che il geco della determinata specie di cui avete il tal documento ora è in allegato B appendice II, a questo punto dovrebbero essere loro a chiedervi di fare la denuncia di possesso(fatela con un fax, almeno vi rimane in mano qualcosa ;) ).

Mentre parlando di nuove specie in CITES userò come esempio i gechi appartenenti al genere Uroplatus che fino allo scorso anno non erano presenti nelle liste CITES.

Se siete in possesso di un Uroplatus, dovete chiamare subito l'ufficio CITES della vostra zona e dichiarare che prima dell'entrata in vigore del nuovo regolamento (ce) 1332 del 09/08/2005, voi eravate in possesso di un geco appartenente al genere Uroplatus, a quel punto fatevi dare tutti i dati per inviare il fax con la denuncia di possesso.

Questo è quanto, spero d'essere stato d'aiuto a tutti voi ;)

Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Join the conversation

You can post now and register later. If you have an account, sign in now to post with your account.

Ospite
Rispondi a questa discussione...

×   Pasted as rich text.   Paste as plain text instead

  Only 75 emoji are allowed.

×   Your link has been automatically embedded.   Display as a link instead

×   Your previous content has been restored.   Clear editor

×   You cannot paste images directly. Upload or insert images from URL.

Caricamento...
×
×
  • Crea Nuovo...