Vai al contenuto

Protesta Contro L’esposizione Ornitologica


Recommended Posts

Dal "Corriere del Ticino" di oggi:

Giubiasco, blitz animalista

Protesta pacifica contro l’esposizione ornitologica

PER I MANIFESTANTI «L’ALLEVAMENTO E LE MOSTRE SONO DISEDUCATIVI»

Gli animalisti sono entrati in azione domenica al mercato coperto di Giubiasco per manifestare pacificamente contro l’esposizione ornitologica nazionale.

Davanti all’ingresso un gruppo di persone ha esposto cartelli e ha distribuito alcuni volantini per contrastare il Concorso Svizzero di uccelli da canto e da compagnia.

Lo scopo della protesta, scrive in un comunicato il Centro documentazione animalista, era di « far riflettere le persone sulla realtà nascosta dietro un’attività che ingiustamente viene collegata, da chi la pratica, alla protezione e all’amore per gli animali».« Ogni esposizione ornitologica - si legge nella presa di posizione - è un momento di esaltazione dello sfruttamento degli animali».« L’allevamento e le mostre ornitologiche - aggiungono gli animalisti - sono colmi di contenuti altamente diseducativi ed è auspicabile che nelle nostre belle regioni, ricche di fauna selvatica e di opportunità per vedere gli animali liberi, adulti e bambini imparino a conoscerli, amarli e rispettarli osservandoli liberi nei loro habitat naturali » .

Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

E' sempre difficile valutare questo tipo di situazioni..in questo caso però non sono d'accordo con gli animalisti.

Le esposizoni (se fatte nel rispetto degli animali) non hanno nulla di sbagliato. a questo punto bisognerebbe chiudere tutto..esposizioni di cani, di gatti e acquari in italia..non capisco dove sia il contenuto diseducativo che può dare una mostra ornitologica visto che anche se non ci fossero più mostre, le persone continuerebbero a tenersi in casa uccelli in gabbia (come la sottoscritta che non è mai andata a una mostra eppure tiene dei pappagalli in casa).

Bisogna distinguere da uccelli selvatici e che devono vivere in libertà e uccelli che ormai sono abituati a vivere in gabbia e, volenti o nolenti, continueranno a vivere in gabbia a prescindere dalle mostre.

Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

per prima cosa concordo con Aury,e poi vorrei sentire l'oppinione dell'utente che ha detto che è giusto sterminare i pappagalli in certi paesi visto che fanno dei grossi danni,come che il mondo fosse solo dell'uomo,e cosi poi andiamo a vedere in libertà nel loro paese d'origine come li sterminano...ok ok niente polemiche comunque certe volte gli animalisti esagerano alla grande...

ciao

luca

Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

i cacatua/i piccioni non lo fanno di certo apposta a fare dei danni, sono certa che una soluzione non così drammatica per gli uccelli si possa trovare...c'è chi esagera da un lato (basta..chiudiamo tutto..mostre, esposizioni..tutta nocivo e diseducativo) e chi esagera dall'altro (i piccioni e i cacatua danno fastidio?bene, sterminiamoli...)

Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Eccomi qua caro Lets... vuoi la mia opinione? Bene!

che ha detto che è giusto sterminare i pappagalli in certi paesi visto che fanno dei grossi danni

COSA AVREI DETTO IO??? :o:o:o

Io ne devo accudire 500 ogni giorno, stravedo per loro e i miei preferiti sono Cactua e Ara!

La mia era solo un'informazione ad onor di cronaca!

comunque certe volte gli animalisti esagerano alla grande...

Solo certe volte...?

Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

E la polemica continua... sempre dal Corriere del Ticino di oggi:

Esposizione ornitologica denunciata dalla SPAB

Non vi è pace per l’esposizione ornitologica della scorsa fine settimana a Giubiasco.

Dopo il blitz animalista registriamo la denuncia al veterinario cantonale della Società protezione animali di Bellinzona ( SPAB).

Riservandosi di valutare se sottoscrivere anche una denuncia penale, la SPAB critica le condizioni ambientali della civetta delle nevi ( tenuta sotto le luci al neon e abbagliata dai flash delle macchine fotografiche) e del falco ( perennemente incappucciato). Viene fortemente criticata anche la decisione di far convivere negli stessi spazi prede e predatori: « Sarebbe come esporre cani e gatti nello stesso luogo » . Nella denuncia, inviata anche alla Ficedula, il presidente della SPAB Armando Besomi definisce l’esposizione dei due uccelli rapaci a Giubiasco « un’azione condannabile senza mezzi termini e che non fa certo onore agli organizzatori dell’esposizione degli uccelli canori che l’hanno accolta » .

Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
Eccomi qua caro Lets... vuoi la mia opinione? Bene!

che ha detto che è giusto sterminare i pappagalli in certi paesi visto che fanno dei grossi danni

COSA AVREI DETTO IO??? :o:o:o

può darsi che mi sbagli ma ne dubito,ecco cosa hai detto..

pensate alle migliaia di Cacatua che massacrano in Australia perchè considerano quest'uccello infestante... e hanno ragione, sono un po' come i piccioni da noi!

come vedi non servono 500 pappi da acudire per amarli,ne basta uno e molte volte nemmeno quello..

ciao

luca

Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
ma l'esposizione è di animali selvatici tenuti in gabbia, non di uccelli domestici? in ogni caso se le condizioni di vita dei volatili non sono dignitose allora anch io sono contraria a questo genere di mostre...

Ciao,

gli uccelli ingabbiati per le mostre sono riprodotti in cattività.

Nelle fiere e mercati invece vi sono anche quelli presi in natura.

Ciao *+++*

Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Ascolta Lets, in Australia i Cacatua fanno danni enormi alle coltivazioni, di conseguenza, l'unico modo per limitare il danno, è farne fuori qualcuno. Oviammente, essendo gli australiani anniluce davanti a noi in materia di protezione ambientale, vengono abbattuti solo un certo numero di animli ogni anno, non è una cosa così, a caso!

Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

secondo me è una barbaria....noi non "facciamo fuori" i piccioni...adesso si sta studiando un modo per cercare di ridurre il numero delle nascite di nuovi piccioni attraverso una sorta di pillola sterilizzante da mettere dentro i mangimi che di solito si offrono (tipo in piazza del duomo)....gli australiani non mi sembrano molto anni luce avanti se questo secondo loro è l'unico modo per evitare danni..

Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
noi non "facciamo fuori" i piccioni...

Certo, chi si metterebbe in piazza Duomo a Milano o in piazza San Marco a Venezia a sparare ai piccioni? Una cosa simile non si può fare in centro a una città... e i piccioni, in campagna, non ci sono!

adesso si sta studiando un modo per cercare di ridurre il numero delle nascite di nuovi piccioni

Ok, e finchè non si troverà il modo?

Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
Ascolta Lets, in Australia i Cacatua fanno danni enormi alle coltivazioni, di conseguenza, l'unico modo per limitare il danno, è farne fuori qualcuno. Oviammente, essendo gli australiani anniluce davanti a noi in materia di protezione ambientale, vengono abbattuti solo un certo numero di animli ogni anno, non è una cosa così, a caso!

ciao,già il fatto che consideri gli australiani anni luce più evoluti mi fà sorridere,ma questa è solo la mia oppinione...dimmi solo una cosa,tu hai un pappi tutto tuo?pulire e accudire non è come vivere insieme,ne hai uno?in casa intendo,notte e giorno...non mi piaciono le polemiche ma molto meno gli stermini,un popolo civile sa sempre come trovare la soluzione e non mi sembra il caso degli australiani...

ciao

luca

Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Sì ne ho uno, Amazona Ocrocephala Panamensis (Amazzona Fronte Gialla del Panama).

Anche a me non piacciono le polemiche, preferisco discutere...

Scusa ma qui non credo sia un discorso di "senso di civiltà". Mi spiego meglio: provaa metterti nei panni di un contadino che vede il suo campo (cioè quello che gli permette di vivere) distrutto da uno stormo di uccelli... tu che faresti?

Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
Sì ne ho uno, Amazona Ocrocephala Panamensis (Amazzona Fronte Gialla del Panama).

Anche a me non piacciono le polemiche, preferisco discutere...

Scusa ma qui non credo sia un discorso di "senso di civiltà". Mi spiego meglio: provaa metterti nei panni di un contadino che vede il suo campo (cioè quello che gli permette di vivere) distrutto da uno stormo di uccelli... tu che faresti?

bè succede la stessa cosa qui con i gabbiani,io sono dalla provincia di venezia e tutti i campi vicino alla laguna sono pieni di gabbiani,loro seminano e i gabbiani mangiano,eppure sono prottetti,che facciamo uno sterminio di tutte le cose che non vanno?ci sono altri metodi,visto che sono molto avanti a noi,cosi la pensi tu,non sanno far altro che sterminare invece di controllare le nascite in altra maniera?ma..per me è il metodo più sbrigativo e usano quello,però a mio dire è a dir poco incivile..

ciao

luca

Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Join the conversation

You can post now and register later. If you have an account, sign in now to post with your account.

Ospite
Rispondi a questa discussione...

×   Pasted as rich text.   Paste as plain text instead

  Only 75 emoji are allowed.

×   Your link has been automatically embedded.   Display as a link instead

×   Your previous content has been restored.   Clear editor

×   You cannot paste images directly. Upload or insert images from URL.

Caricamento...
×
×
  • Crea Nuovo...