Vai al contenuto

Svezzamento Ararauna


Ospite

Recommended Posts

salve, oltre al mio fantastico cagnolino di 12 anni ma ancora sgaio e bellissimo e una coppia di cocorite sto pensando di acquistare un ara ararauna, ma, a causa del prezzo per me insostenibile acquisterò un uovo o un baby..

avete consigli sullo svezzamento? libri da leggere? libri di veterinaria aviaria per informarsi bene sul procedimento?

è vero che i piccoli che vengono allevati a mano sin dalla schiusa possono soffrire di problemi comportamentali?

causa imprinting intendo grazie ^^

Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
  • 2 weeks later...

Ciao!

Scusa il ritardo della risposta, ma ero in vacanza (per una volta anche io!). :D

Torniamo alla tua domanda. Io di solito sconsiglio, sempre ed energicamente, lo svezzamento a mano di un pappagallo (e a maggior ragione di uno impegnativo come l'Ara ararauna - e comunque, le are in generale). Questo perchè partendo dal nulla, pur con tutte le buone intenzioni del caso, senza esperienza e armati di soli buoni propositi, si rischia sempre di danneggiare più che aiutare i nostri piccoli pennuti.

L'allevamento a mano è una pratica che andrebbe eseguita quasi unicamente in caso di problemi con la nidiata: la madre rifiuta di alimentare i pulli, la madre muore, e situazioni del genere. Questo perchè, come detto prima, se non si è esperti si rischia di non fare il bene per il pennuto.

Quello che posso consigliarti è di cercare un allevatore serio, avicinarti a lui e imparare da lui le pratiche necessarie per poter agire al meglio. Puoi anche provare a chiedere ad un veterinario esperto.

Quello che dici è vero, spesso un pappagallo allevato a mano instaura, se non lo si fa socializzare con altri suoi simili, dei comportamenti morbosi di attaccamento al padrone, soffrendo molto quando questo si deve allontanare.

Ti lascio qualche link utile:

http://www.pappagalli.ch/Riflessioni%20acq...0pappagallo.pdf

http://www.misantone.it/note_sull'allevamento.htm

Alcuni libri utili:

Le Ara, di Gianni Ravazzi, Gruppo Editoriale Castel Negrino

Medicina degli uccelli da gabbia, di Gino Conzo, Edagricole

Tutti i pappagalli del mondo, di Gianni Ravazzi e Gino Conzo, De Vecchi Editore

Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
  • 1 month later...
Ciao!

Scusa il ritardo della risposta, ma ero in vacanza (per una volta anche io!). :D

Torniamo alla tua domanda. Io di solito sconsiglio, sempre ed energicamente, lo svezzamento a mano di un pappagallo (e a maggior ragione di uno impegnativo come l'Ara ararauna - e comunque, le are in generale). Questo perchè partendo dal nulla, pur con tutte le buone intenzioni del caso, senza esperienza e armati di soli buoni propositi, si rischia sempre di danneggiare più che aiutare i nostri piccoli pennuti.

L'allevamento a mano è una pratica che andrebbe eseguita quasi unicamente in caso di problemi con la nidiata: la madre rifiuta di alimentare i pulli, la madre muore, e situazioni del genere. Questo perchè, come detto prima, se non si è esperti si rischia di non fare il bene per il pennuto.

Quello che posso consigliarti è di cercare un allevatore serio, avicinarti a lui e imparare da lui le pratiche necessarie per poter agire al meglio. Puoi anche provare a chiedere ad un veterinario esperto.

Quello che dici è vero, spesso un pappagallo allevato a mano instaura, se non lo si fa socializzare con altri suoi simili, dei comportamenti morbosi di attaccamento al padrone, soffrendo molto quando questo si deve allontanare.

Ti lascio qualche link utile:

http://www.pappagalli.ch/Riflessioni%20acq...0pappagallo.pdf

http://www.misantone.it/note_sull'allevamento.htm

Alcuni libri utili:

Le Ara, di Gianni Ravazzi, Gruppo Editoriale Castel Negrino

Medicina degli uccelli da gabbia, di Gino Conzo, Edagricole

Tutti i pappagalli del mondo, di Gianni Ravazzi e Gino Conzo, De Vecchi Editore

Quoto tutto... In mani inesperte, un ara uovo o anche un ara non svezzata è un suicidio. Sconsiglio vivamente.

Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
  • 2 weeks later...

Ciao costa,

Concordo con quanto ti è già stato detto precedentemente da altri.

ALLEVAMENTO ARTIFICIALE (SVEZZAMENTO A MANO, IMBECCO)

Altra controversa discussione fra vari allevatori, negozianti e proprietari.

Negli ultimi anni vengono sempre più spesso offerti pappagalli di cui le uova vengono tolte dal nido e fatte schiudere in apposite camere (incubatrici) e allevati artificialmente senza i loro genitori

Questi pappagalli acquisiscono una falsa concezione dell’essere umano e rimangono naturalmente per tutta la vita imprintati (“imprinting”), “artificialmente domestici” verso gli uomini.

Spesso possono prendere comportamenti morbosi, e invadenti a tal punto di non sopportare la solitudine o l’assenza della persona che se ne prende cura o rifiutano più avanti se non ben socializzati sin da piccoli, un loro simile per compagnia.

Coloro che acquistano un pappagallo svezzato in cattività danno per scontato che si tratta di un pappagallo docile, facile da manipolare e da addomesticare. Ma questo svezzamento non porta necessariamente a un pappagallo docile.

Il metodo in cui il pappagallo viene allevato e svezzato influenza il comportamento cosi come il sistema di alimentazione generale. Gli allevatori seri, insieme a coloro che si trovano a crescere un numero limitato di soggetti di solito utilizzano il cucchiaino. Questo fa si e risulta il metodo più "naturale" poiché è quello che si avvicina maggiormente al modo in cui i genitori nutrono i propri piccoli in natura. Questo metodo inoltre fa si che i piccoli smettono di mangiare quando sono sazi e dunque non rischiano di rimanere sottonutriti. Altri metodi possono risultare spesso traumatizzanti per i piccoli pappagalli che si porteranno susseguentemente queste paure nel futuro.
I

Spesso e sovente ci si sente dire : *Acquistate pappagalli allevati allo stecco (o comunemente allevati a mano) perché risultano più docili e già ambientati con l'uomo.

All'acquisto sovente ci poniamo una domanda :

" E se lo acquistiamo piccolo e poi noi terminiamo lo svezzamento ?*

Alcune persone già hanno avuto esperienze simili con piccoli pappagallini.

Inutile dire che lo svezzamento dei piccoli pappagalli è più semplice rispetto a quelli di maggior taglia. Bisogna inoltre pensare che ogni specie ha le proprie esigenze.

Esistono numerosi rischi di morte per un pappagallo così piccolo.

Il pappagallo si dovrebbe vendere completamente svezzato, vaccinato e controllato, prima che vada nelle mani di un futuro proprietario. Dovreste comperare un pappagallo presso un allevatore serio dove si inizia ad insegnare ai pappagalli la socializzazione e l'addomesticamento che sta all'inizio del processo dell'allevamento a mano. Ciò darà ad ogni pappagallo l'inizio migliore possibile.

La maggior parte della gente compera il pappagallo non ancora svezzato perché pensa che sia migliore per sviluppare un legame direttamente con noi e/o desiderano risparmiare i pochi soldi facendo qualcosa che pensiamo sia un divertimento. Non così!

I pappagalli che non sono svezzati correttamente non impareranno i comportamenti più fondamentali e di base.

Il proprietario senza esperienza non ha idea come reagire ad un pappagallo che grida od elemosina il pasto, e da questo modo indesiderato per noi, può trasformarsi facilmente nella norma giornaliera per il pappagallo... così che grida incessantemente.

Altri insegnano involontariamente ai loro uccelli beccare impropriamente rispondendo ai primi tentativi inquisitive del pappagallo di studiare le persone accanto od oggetti con il proprio becco. Anche l'insegnamento per mangiare una varietà di alimenti può essere un problema per coloro che non hanno esperienza.

Il compratore prende solitamente il pappagallo quando l'allevamento è di una o due imbeccate al giorno (che per quasi chiunque non è un problema) ma si è ignari che il pappagallo deve essere pesato ogni giorno, essere sicuri che non stia perdendo troppo peso mentre si svezza.

Quando è troppo? Il proprietario dell'uccello non ha senso né conoscenze poiché questo è solitamente il loro primo pappagallo di quella specie!

Si pensa che così si risparmia soldi, comprando un pappagallo non ancora svezzato. Ma invece è necessario comperare anche l’apparecchiatura necessaria per finire di svezzare un pappagallo. Ciò include siringhe, termometro, agente sterilizzante, alimento specifico, ... tutto questo se non sussistono ulteriori problemi.

Un altro errore che i proprietari del pappagallo fanno frequentemente sta nel prendere la temperatura dell'alimentazione con il polzo. Gli allevatori con esperienza sanno che il polso finirà per essere desensibilizzato all’alimento e che per accertarsi che stiate dando l’alimento alla temperatura corretta (per evitare che bruci il gozzo) dovete utilizzare un termometro.

Purtroppo il pappagallo prenderà l'alimento anche se è fredda o è troppa calda, e questo rischia di abbassare la temperatura del pulcino e quindi l'alimento verrà vomitato, oppure di scottare pericolosamente la parte interna del gozzo! Anche le ustioni minori richiedono la cura del veterinario che magari deve includere la chirurgia per rimuovere il tessuto bruciato. Ciò non è una procedura economica e semplice! Particolarmente se il pappagallo è stato alimentato con alimenti surriscaldati ripetutamente ad ogni alimentazione.

Un altro errore comune fatto del proprietario del pappagallo è quello di non essere controllato da un veterinario aviario qualificato.

La maggior parte dei pappagalli sono venduti pre-svezzati con nessuna garanzia. Ciò significa che sarete voi i responsabili. Bisogna tenere conto anche che pagherete la visita del veterinario! Ciò non è certamente nel vostro interesse !

Tutto questo significa che il compratore (voi) sarete responsabile di tutte le circostanze preesistenti che il pappagallo può avere dopo l'acquisto.

acquis1.gif

21 marzo 2003 - Una storia vera. Un nostro amico, che aveva una grande passione per i pappagalli ma non ne aveva mai potuto averne uno, durante un viaggi negli Stati Uniti trovò un annuncio: si vendeva un'ara. Invogliato dal prezzo relativamente basso, il nostro amico prese i contatti con i proprietari dell'ara, visitò l'animale e decise di acquistarlo. I proprietari giustificarono la decisione di venderlo con i problemi familiari.Il pappagallo era adulto, sano, bello e molto dolce. Così, una volta sbrigate le relative pratiche nel rispetto della normativa vigente, il nostro amico tornò a casa accompagnato dal pennuto. Il giorno dopo il ritorno il pappagallo non mangiava: il fatto non era poi particolarmente strano o particolarmente preoccupante. Dopo un lungo viaggio, in un ambiente completamente nuovo, il pennuto poteva sentirsi stressato e spaesato, cosa che avrebbe giustificato la sua momentanea mancanza di appetito. Ma dopo altri due giorni la situazione non migliorò: il pappagallo se ne stava triste sopra una pappatoia piena, ma non toccava cibo. Il nostro amico iniziò a preoccuparsi, ormai deciso a portare il povero uccello dal veterinario. Per puro caso si trovò dinanzi alla gabbia con un cucchiaio in mano. Con la sua grande sorpresa, il pappagallo che non aveva dimostrato alcun interesse agli stimoli precedentemente offerti, si lanciò gridando verso il cucchiaio, aprì il becco ed iniziò a manifestare in modo chiaro la volontà di essere imboccato. Così si capì il motivo del prezzo relativamente basso: semplicemente questo esemplare adulto non era in grado di nutrirsi da solo, a causa degli errori commessi dei precedenti proprietari nella fase dello svezzamento. Il processo di riabilitazione durò abbastanza a lungo e fu estremamente faticoso, alla fine il nostro amico riuscì nell'impresa grazie anche all'aiuto di esperti veterinari e degli esperti di comportamento ed oggi si gode la compagnia del bellissimo pennuto. Una storia a lieto fine. Il problema La storia che abbiamo raccontato rappresenta solo uno dei rischi minori che si corrono decidendo di adottare un pappagallo non svezzato. Lo svezzamento è un periodo estremamente delicato, periodo in cui errori commessi da persone non esperte possono pregiudicare tutta la vita futura dell'animale. L'incapacità nel seguire gli sviluppi psichici e fisici del giovane pappagallo può avere gravissime conseguenze. E, purtroppo, a differenza della storia che vi abbiamo raccontato, non tutte le storie finiscono bene. Dietro all'allevamento "a mano" sta un enorme lavoro dell'allevatore. Un giovanissimo pappagallo deve mangiare diverse volte al giorno, a seconda dell'età. Occorre usare un alimento apposta, non sempre facilmente reperibile, anche ma non solo per evitare i rischi di malnutrizione. Il piccolo va pesato ad ogni pasto, prima e dopo l'imbocco. La pappa deve essere servita alla temperatura giusta: il cibo troppo caldo può causare e causa frequentemente le ustioni del gozzo, pericolosissime per la vita dell'animale. Gli strumenti usati devono essere puliti e sterilizzati dopo ogni uso. L'imboccare il pullus richiede la conoscenza di un'apposita tecnica, altrimenti si possono causare varie lesioni, che, solo per citarne alcuni esempi, vanno dalla deformazione del becco, perforazione del gozzo, lesione degli organi interni ecc. Poi esiste anche il rischio delle malattie infettive: micotiche, batteriche ma anche virali. Molte delle quali estremamente pericolose. Bisogna anche tenere presente che le persone inesperte non si accorgeranno tanto facilmente e presto dei primi sintomi di malattie o del malessere del piccolo, anzi, è probabile che per loro le cattive condizioni di salute dell'amato pappagallo diventino evidenti soltanto quando la situazione sarà ormai gravissima. L'elenco potrebbe continuare, noi ci accontentiamo di mettere in evidenza solo alcuni punti. Allora perché…? …vengono venduti/comprati i pappagalli non svezzati? Uno dei falsi miti che non muoiono è che il pappagallo svezzato personalmente si affezioni di più, diventando più docile, divertente, affezionato. Un mito, quindi da sfatare: un pappagallo adulto, correttamente socializzato, un pappagallo le cui esigenze vengono soddisfatte correttamente diventa un vero amico del suo proprietario. Vice versa, se si commettono errori nella fase dello svezzamento, è possibile ritrovarsi un animale stressato, malnutrito, con gravi problemi comportamentali. Il problema del costo. Visto l'enorme impegno necessario per allevare "a mano", è possibile acquistare i pappagalli non svezzati a un prezzo relativamente più basso. Ma vale la pena di cercare di risparmiare, considerando tutti i rischi? Sicuramente no. Se agli inizi vi sembra di spendere meno, provate a pensare quanto vi costerà la vostra "avventura" nel caso il vostro pappagallo muoia. Perché il rischio maggiore è esattamente questo. "Deve essere un'esperienza divertente". Questa affermazione non è sostenibile, visto l'impegno necessario ed i problemi che può causare un qualsiasi, anche più piccolo, errore. Come comportarsi?Prima di tutto informatevi sulle esigenze di qualsiasi animale vogliate adottare e sugli eventuali problemi che vi potrà causare la sua presenza nella vostra casa. Scegliete un buon allevamento oppure un buon negozio. Se al momento dell'acquisto l'allevatore vi rilascia anche il certificato medico sullo stato di salute o almeno sull'assenza delle più pericolose malattie infettive, tanto meglio, altrimenti recatevi da un veterinario specializzato quanto prima ed fategliele eseguire voi: eviterete molti problemi. Le analisi e visite di controllo vanno eseguite almeno una volta l'anno. Non comprate i pappagalli non svezzati. Ed inoltre tutto, NON COMPRATE PAPPAGALLI DI CATTURA, ma pappagalli nati in cattività e già svezzati da esperti allevatori. Con una piccola spesa in più, con un breve periodo di attesa in più, correrete molto meno rischi voi, ma soprattutto ne correrà molti meno il vostro pappagallo.

Il monito giunge dall'A.R.P.A.N.C. che i cui membri, nell'occasione, raccontano vicende di vita vissuta legate a questi splendidi volatili.

*Autori: Dott. Roberto Granata, Medico Veterinario, Renata Siemek, Public Relations A.R.P.A.N.C.

NON acquistate MAI pappagalli che non sono ancora stati svezzati completamente !

NON tentate di portare a termine voi lo svezzamento !

(Tratto dal sito pappagalli.ch)

Ciao

Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Join the conversation

You can post now and register later. If you have an account, sign in now to post with your account.

Ospite
Rispondi a questa discussione...

×   Pasted as rich text.   Paste as plain text instead

  Only 75 emoji are allowed.

×   Your link has been automatically embedded.   Display as a link instead

×   Your previous content has been restored.   Clear editor

×   You cannot paste images directly. Upload or insert images from URL.

Caricamento...
×
×
  • Crea Nuovo...