Vai al contenuto


Teca Per Mantidi


  • Per cortesia connettiti per rispondere
1 risposta a questa discussione

#1 cavalletti

cavalletti

    Koala

  • Members
  • 1 Messaggi:

Inviato 18 maggio 2005 - 10:41

ciao a tutti, sono un neo iscritto allevatore di mantidi , ho costruito un micromondo
ideale per la mantide religiosa.
il micromondo in questione offre all'animale uno spazio 110*90*40 cm, l'arredamento è studiato in modo da ottenere la + vasta possibilità di condizioni, e interazione con l'inetto, pur essendo perfettamete sigillata.
e dotata di impiato d'areazione autoatizzato in funzione della temperatura con relativi fitri, resistenza ventilata "automatica o manuale", contenitore acqua con livello e rabbocco esterno e chiusino motorizzato , vaporizatore atomatico, timer on/off, "incubatrice"  per bigattini, lampada per insetti +vari punti luce indipendenti,
botola in doppia camera per l'inserimento del maschio e tanti altri piccoli accorgimenti come la simulazione del ciclo solare a cui sto lavorando.
Visto che e possibile decidere praticamente tutto all'interno dellambiente, vorrei sapere se esistono testi ,tesi o siti che parlino dell'allevamento di + specie contemporaneamente..... consapevole dei rischi, grazie

#2 AndreaM

AndreaM

    Oryctes

  • Members
  • StellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStelletta
  • 978 Messaggi:

Inviato 11 giugno 2005 - 09:58

..cosa intendi per "più specie contemporaneamente"? più esemplari nella teca citata? e per di più esemplari di specie differenti?

non credono esistano testi in merito. io ho fatto convivere mantidi di specie differenti solo in terrari molto grandi (come quello da te citato) e in numero molto ristretto. nella fattispecie, allevai insieme in un terrario di 90x50x50 cm con coperchio in rete una femmina adulta di Deroplatys, un'altra di Sphrodomantis, e due ninfe di Tenodera sinensis. ora, a prescindere che il terrario aveva parecchi nascondigli (piantine di ficus, photos, ecc..) e che gli insetti venivano alimentati in maniera più che abbondante, l'esperimeno ora come ora non lo ripeterei se non con certe Empusinae, allevabili in gruppi monospecifici. Francamente, una struttura come quella che ci descrivi mi lascia perplessa perchè è.... "troppa tanta". Ho allevato e riprodotto una ventina di specie nostrane e tropicali, senza andare oltre i terrarietti in plastica, a volte riscaldati con una serpentina per acquari e allevando gli insetti singolarmente. Inoltre l'idea dei bigattini da allevare e far schiudere nel terrario principale non è buona perchè oltre a ritrovarti la teca insudiciata delle secrezioni post muta delle mosche le mantidi si nutrirebbero di insetti neosfarfallati che non avrebbero avuto modo di nutrirsi e che sarebbero assai poveri nutrizionalmente... poco più che sacchetti di chitina vuoti. una simile dieta provocherebbe alla mantidi a lungo andare condizioni di anoressia mortali.
ti consiglierei di dare una bella letta a ISOPODA.NET, il sito italiano per eccellenza dove reperire info sull'allevamento delle mantidi (il suo webmaster è uno dei migliori allevatori di artropodi europei).

in più, l'idea del micromondo indipendente o quasi dall'esterno... sarebbe il sogno di ogni allevatore, ma la vedo molto poco praticabile, specie per animali così complessi come le mantidi....
Andrea