Vai al contenuto


Foto

Allevamento Barbagianni


  • Per cortesia connettiti per rispondere
8 risposte a questa discussione

#1 TartaPortal

TartaPortal

    Acciuga

  • Members
  • Stelletta
  • 7 Messaggi:

Inviato 12 June 2008 - 01:13 PM

Salve, volevo sapere come è l'allevamento di un barbagianni da imbecco.

Tipo un pappagallo?

Grazie 1000

#2 bardo

bardo

    Lepre

  • Members Plus
  • StellettaStellettaStellettaStellettaStelletta
  • 570 Messaggi:

Inviato 12 June 2008 - 02:10 PM

Ciao!

Credo (non avendo mai sperimentato) che l'allevamento a mano di un rapace avvenga in modo simile a quello di un pappagallo, ovviamente sarà diversa la quantità e la qualità (carne) di cibo che verrà fornita ai piccoli barbagianni, e probabilmente anche le modalità di somministrazione.
Questo noi sappiamo:
la terra non appartiene all'uomo,
è l'uomo che appartiene alla terra.
Questo noi sappiamo.
Tutte le cose sono collegate,
come il sangue che unisce una famiglia.
Qualunque cosa capita alla terra,
capita anche ai figli della terra.
Non è stato l'uomo a tessere la tela della vita,
egli ne è soltanto un filo.
Qualunque cosa egli faccia alla tela,
lo fa a se stesso.


Capriolo Zoppo (1854)

#3 TartaPortal

TartaPortal

    Acciuga

  • Members
  • Stelletta
  • 7 Messaggi:

Inviato 16 June 2008 - 04:53 PM

Ora ti spiego che vorrei fare... sono un appassionato di animali, ne ho molti, di volatili ho un Ara Ararauna con cui ho un bellissimo rapporto... da tempo mi piacerebbe allevare un gufo, una civetta o una barbagianni.

Ho trovato in vendita un Barbagianni ma anche un Gufo Reale con tutti i documenti di 5 settimane e sarei interessato ad acquistarlo vlevo sapere però se era possibile tenerlo in casa come tengo il pappagallo, ovvero libero quando noi siamo a casa e in gabbia quando a casa non c'è nessuno.

Imamgino che necessitino di una gabbia ancora più grande visto che non si arrampicano... però se si abituano bene alle persone mi piacerebbe prendere magari il Gufo Reale;)

Ciao

#4 bardo

bardo

    Lepre

  • Members Plus
  • StellettaStellettaStellettaStellettaStelletta
  • 570 Messaggi:

Inviato 16 June 2008 - 06:42 PM

Forse il discorso per un rapace è diverso. Credo che difficilmente potrebbero essere adattati a vivere in una gabbia, anche se liberati quando non sono soli. Hanno comportamenti diversi rispetto agli altri uccelli, quindi l'ideale sarebbe una bella voliera spaziosa che possa garantirgli tutto il movimento necessario.

Di certo se addomesticati correttamente e con il consiglio e l'aiuto di persone esperte, possono abituarsi alle persone... considera però che un gufo reale è un rapace imponente, forse ti converrebbe optare per il barbagianni per iniziare, ma il mio è un consiglio da inesperto. lumaca.gif
Questo noi sappiamo:
la terra non appartiene all'uomo,
è l'uomo che appartiene alla terra.
Questo noi sappiamo.
Tutte le cose sono collegate,
come il sangue che unisce una famiglia.
Qualunque cosa capita alla terra,
capita anche ai figli della terra.
Non è stato l'uomo a tessere la tela della vita,
egli ne è soltanto un filo.
Qualunque cosa egli faccia alla tela,
lo fa a se stesso.


Capriolo Zoppo (1854)

#5 Gill

Gill

    Koala

  • Members
  • 1 Messaggi:

Inviato 01 July 2008 - 01:04 PM

parlando per esperienza personale il gufo reale è decisamente pericoloso... Un conto è abituarlo alla presenza del padrone (come un falconiere sarebbe in grado di fare), quindi di UNA persona, un conto è abituarlo alla presenza dell'uomo in generale. Una volta che si abitua alla presenza dell'uomo, ovvero una volta imprintato, lo riconosce come suo pari, tende quindi ad attaccare per difendere il territorio anzichè scappare o immobilizzarsi, reazioni naturali del selvatico sotto minaccia... difficilmente farà le fusa o qualcosa di simile quando avrai ospiti in casa che all'urlo di "CHECCARIIIIIIIIIINO" cercheranno di toccarlo...
considerando inoltre il gufo reale per dimensioni e richiesta di cibo, tenerlo in casa è decisamente uno scempio...
lo stesso discorso vale per i barbagianni. si dica quel che si dica sui documenti dei rapaci in vendita, animali come gufi, barbagianni, aquile, sparvieri, astori, falchi e via andare, non andrebbero MAI e sottolineo MAI tenuti in cattività se non per un necessario periodo di cura e recupero e in un'adeguata struttura. l'unica eccezione potrebbe essere quella dell'utilizzo in falconeria...

mia modestissima opinione

#6 Titus

Titus

    Acciuga

  • Members
  • Stelletta
  • 13 Messaggi:

Inviato 26 January 2009 - 04:03 PM

Ho un amico falconiere e ho avuto il privilegio di tenere sul braccio qualche falco(e un gufo reale di un suo amico, pesa tantissimo) per cui credo intendermene un pochetto(in virtù del fatto che ho allevato io stesso alcuni volatili di varii tipi).

Un gufo se addestrato lo si può tenere in casa, ma come accennato da qualcuno non è il caso di tenerlo in salotto quando arrivano tutti gli amici, si spaventerebbe.

Altra cosa: non so se vi rendete e se vi rendi conto(mi riferisco a colui che vuole acquistare un barbagianni) che se l'animale non è addestrato vi beccherà appena vi avvicinate..e se ciò succede, beh vi tocca andare al pronto soccorso a fare i punti, perchè vi assicuro che hanno un buon becco.

Per quanto riguarda l'allevamento, io consigilio sempre (se avete a che fare con uccelli di un certo tipo, non con canarini per capirci) di tenerli liberi e non in gabbia..potete addestrarli a non sporcare in casa(se li li volete tenere) oppure anche a tenerli fuori(consigliato, tranne d'inverno) liberi di volare.

Voi direte: ma così scappa! no, non lo farà(se lo avete addestrato).verrà da voi a cibarsi ed a farvi visita quando starete di fuori, sarà un animale da compagnia molto valido ma non pervasivo.e sopratutto rimarrebbe semi-libero. Questo discorso vale per i falchi(che vanno rigorosamente addestrati e per loro ci vuole molto tempo e attenzione più degli altri) come per i pappagalli(conosco gente che tiene i cocoriti semi-liberi) come per altri volatili similari(vale anche per quelli che trovano piccoli di corvi che sono costretti a prendersi cura di loro e di conseguenza non possono vivere in totale autonomia).

Ritornando al discorso primario(sono nuovo, mi sono perso nel discorso scusatemi) un volatile come un gufo è un animale molto grande..necessità di circa 200 g di carne al giorno e per averlo(oltre ai documenti CITES, non vorrei che qualcuno si mette l'idea in testa di catturarne uno) dovete procurarvi un guanto di quelli per falconieri, altrimenti quando lo tenete nel braccio vi distrugge la maglia e il braccio stesso.

Ovviamente dò per scontato che chi sceglie di avere un animale del genere ha il posto per mantenerlo. Quindi non vi consiglio un gufo se vivete in un appartamento in città.

Questo è il mio parere, per quello che vale bigemo_harabe_net-146.gif

#7 Arpad

Arpad

    Koala

  • Members
  • 0 Messaggi:

Inviato 24 March 2009 - 10:45 AM

Spero davvero che tu non abbia acquistato un notturno. i rapaci non li puoi trattare come altri animali. Devi avere l'attrezzatura corretta (guanti, geti, girelle. lunghe e lunghine braccialetti rimovibili, bilancia di precisione e non ultima la telemetria) e devi volarli una volta al giorno. Non puoi tenerli ma il una falconiera. Non vivono in casa ma solo all'aperto anche se di notte le temperature sono sotto zero, il meglio sarebbe un semplice posatoio chiamato blocco. E poi su ragazzi avete presente che bestione sia una femmina di gufo reale??????? se non si è in grado di addestrarla potrebbe essere pericolosa veramente. E poi i problemi relativi all'alimentazione. Suvvia lasciate perdere i rapaci.

Saluti

#8 Mr Simpax

Mr Simpax

    Bradipo

  • Members
  • StellettaStellettaStelletta
  • 245 Messaggi:

Inviato 02 April 2009 - 12:45 PM

Si, il rapace (in questo caso un Barbagianni) pè diverso da allevare da un Pappagallo perchè ci sono molte più attenzioni da dare ad un Rapace e le quatità di cibo sono più elevate, però devo dirti che l'idea di prendere un Rapace mi piace (ho fatto la rima :-) ) qnd buona fortuna!!!

:-)
MY MIND IS IN ALL THE WORLD

#9 Arpad

Arpad

    Koala

  • Members
  • 0 Messaggi:

Inviato 04 April 2009 - 10:18 PM

bigemo_harabe_net-130.gif non è solo questione di quantità ma anche qualità e coraggio nel maneggiarla. I notturni si cibano in prevalenza di topi e ratti. Vabbhè si possono ordinare e si ricevono congelati in comode confezioni, si fanno scongelare e si devono eviscerare poi si fanno a pezzi e si danno al rapace senza togliere la pelle e il pelo (importantissimi per il loro sistema digestivo).
bigemo_harabe_net-134.gif